Informa disAbile

martedì 19 novembre 2019
archivio notizie
Categorie

Due case di accoglienza per i malati e i disabili che verranno a Torino per la Sindone

sindoneSettanta posti all’ospedale Maria Adelaide e al Cottolengo. E l’arcivescovo Nosiglia annuncia una colletta tra i pellegrini per lasciare alla città un hospice come segno dell’Ostensione 2015.

Sono due le grandi categorie alle quali l’Ostensione della Sindone 2015 è dedicata in particolare, i giovani e i sofferenti all’insegna del motto “L’Amore più grande”. Per l’accoglienza dei più fragili, di malati e disabili, per la prima volta nella storia delle ostensioni, la prossima (19 aprile-24 giugno), metterà a disposizione 70 posti letto grazie a due protocolli di accordo firmati ieri tra Città della Salute e della Scienza di Torino, Piccola Casa della Divina Provvidenza-Cottolengo e Arcidiocesi.

Gli «Accueil» (che s’ispirano alle mitiche accoglienze di Lourdes) saranno presso l’Ospedale Maria Adelaide e presso la Piccola Casa, rispettivamente con 40 e 30 posti, la presenza di una suora caposala e 50 volontari su vari turni, tra i quali un buon numero di medici. Le persone disabili che verranno a Torino da lontano potranno essere accolte per due notti, dovranno essere accompagnate da una persona e pagheranno un piccolo contributo.

L’iniziativa è stata presentata stamane, presenti l’arcivescovo monsignor Cesare Nosiglia, il direttore generale della Città della Salute Giampaolo Zanetta, il vicesindaco Elide Tisi, l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta, don Marco Brunetti (Pastorale della Salute) e don Lino Piano (Cottolengo).

L’arcivescovo, monsignor Cesare Nosiglia, ha anche annunciato che a Torino Papa Francesco incontrerà i malati davanti alla Cattedrale quando si recherà in pellegrinaggio alla Sindone. E che l’Ostensione si concluderà lasciando «un segno importante per la città, per i suoi sofferenti». La proposta è di invitare tutti i pellegrini a donare un euro per la costruzione di un hospice per i malati in fase terminale. Il progetto è in fase di sviluppo e ha già trovato dei partner.

Fonte: lastampa.it
(e.v. / g.m.)


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 30 Ottobre 2014
Torna su