Informa disAbile

giovedì 12 dicembre 2019
Notizie di: Giugno 2012
Categorie

I disabili hanno diritto all’ascensore nel condomino.

25 Giugno 2012

Il diritto all’abitazione dei condomini disabili prevale sul fastidio sopportato dagli altri. Questo il senso di un recente pronunciamento della  Cassazione, (altro…)


Il governo boccia il fondo per i disabili.

25 Giugno 2012

Il sottosegretario Guerra ha dato parere negativo all’accantonamento di 150 milioni per strutture di accoglienza da utilizzare per i portatori di handicap rimasti soli o senza tutele (altro…)


Rio + 20: la disabilità alla Conferenza sullo sviluppo sostenibile

25 Giugno 2012

C’è anche la disabilità tra i temi sul tavolo di Rio + 20, la conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Uncsd) che si è chiusa venerdì 22 giugno a Rio de Janeiro. (altro…)


A passeggio con il sindaco cieco: “Cuneo la vedo così”

22 Giugno 2012

Vede qualcosa?». Inizia così, sotto i portici di via Roma, la passeggiataintervista con il neosindaco di Cuneo Federico Borgna, 38 anni. «I portici sono una delle fortune della città – dice -, in questo momento io li vedo come un canalone grigio. (altro…)


Disabili mentali, ora assicurarsi si può

22 Giugno 2012

Anche i disabili mentali potranno stipulare una polizza d’assicurazione contro il rischio infortuni o malattia, ipotesi finora non contemplata dalle “Condizioni generali” stabilite dalle compagnie. Che infatti saranno modificate. (altro…)


Il mar Rosso a nuoto senza braccia né gambe, l’impresa di Croizon

22 Giugno 2012

Un francese senza né braccia e né gambe ha sfidato il caldo e gli squali attraversando a nuoto il mar Rosso dalla località egiziana di Taba alla cittadina giordana di Aqaba (altro…)


Presidi residenziali: variazioni nelle regole di compartecipazione al costo del servizio

21 Giugno 2012

Il Consiglio Comunale della Città di Torino con la deliberazione n. 2012/02263 dell’11 giugno 2012 ha approvato nuovi criteri per accedere alle prestazioni domiciliari e residenziali a favore di disabili, minori e anziani che entrano in vigore dal giorno stesso.

In particolare, per  le persone disabili inserite in servizi residenziali, sono stati rivisti i criteri di  valutazione  della condizione economica  occorrenti per calcolare la quota di contribuzione giornaliera della persona ospitata al costo della retta socio assistenziale e l’eventuale integrazione fornita da parte  della Città.

Innanzitutto va precisato che le regole introdotte prendono in considerazione il reddito ed il patrimonio della sola persona disabile e non quello del suo nucleo familiare.

Le principali novità riguardano la considerazione del patrimonio immobiliare (case, terreni…) e del patrimonio mobiliare (soldi, titoli, fondi….).

Non sono rilevanti, ai fini della contribuzione, i patrimoni immobiliari di valore inferiore alla franchigia al momento definita in € 51.645,69 e quelli mobiliari inferiori ad 15.493,71.

Chi possiede un patrimonio immobiliare o mobiliare di valore superiore ai rispettivi importi non ha diritto all’integrazione comunale e deve pagare l’intera quota socio assistenziale della retta.  Il valore delle donazioni effettuate negli ultimi cinque anni, precedenti la dichiarazione aggiornata della situazione economica o la nuova domanda di inserimento, è considerato per definire la condizione economica del richiedente.

Le modalità di considerazione del reddito rimangono sostanzialmente invariate.

Non cambiano infatti le franchigie sul reddito  (cioè gli importi al di sotto dei quali il reddito e le altre entrate non sono considerate) già previste in considerazione delle  diverse tipologie  di strutture residenziali dedicate alle persone disabili.

Inoltre sono state confermate:

  • la franchigia  corrispondente al 70% dell’eventuale reddito da lavoro, alternativa alle altre franchigie  di reddito (se più favorevole delle altre)
  • la detrazione, dalla contribuzione giornaliera, di euro 12,91 per ogni giorno ( di almeno 10 ore consecutive)  di rientro in famiglia.

E’ inoltre lasciata al coniuge o al/i familiare/i  privi di reddito conviventi con la persona disabile precedentemente al suo inserimento in servizio residenziale una parte del reddito della persona ospitata. .

Chiarimenti ed informazioni possono anche essere richiesti al numero:  011 011 25479.

La  Dichiarazione della situazione economica relativa al reddito e patrimonio della persona assistita  deve essere compilata in ogni sua parte e  inoltrata entro il 27 luglio 2012 all’UFFICIO INTEGRAZIONI RETTE  SERVIZIO DISABILI   con le seguenti modalità :

  • Posta ordinaria all’indirizzo: DIREZIONE CENTRALE POLITICHE SOCIALI E RAPPORTI CON LE AZIENDE SANITARIE.- SERVIZIO DISABILI – UFFICIO INTEGRAZIONI RETTE VIA C. I. GIULIO 22 piano primo – 10122 TORINO;
  • Fax  al numero 011 011 25644;

(N.B. In entrambi i casi deve essere allegata la fotocopia di un documento d’identità del dichiarante.)

  • Portandola personalmente all’Ufficio integrazioni rette e firmandola di fronte all’operatore che riceve la Dichiarazione ( se la porta un’altra persona deve comunque allegare la fotocopia di un documento di identità del dichiarante).

N.B. In quest’ultimo caso è necessario prendere un appuntamento telefonando al numero: 011 011 25478

Anche nell’ipotesi in cui si chieda un aiuto all’ufficio per la compilazione della dichiarazione, bisogna prendere l’appuntamento e portare la documentazione necessaria di supporto alla indicazione corretta delle informazioni.

(Si ricorda che, in attuazione delle disposizioni  di cui all’art. 71 del D.P.R.  del 28 Dicembre 2000 n. 445 il Comune di Torino  eseguirà i controlli sulle dichiarazioni  presentate dai beneficiari della prestazione )

ALLEGATI


Dall’Agenzia delle Entrate, nuove agevolazioni per i veicoli delle persone disabili

21 Giugno 2012

Da oggi, le persone con disabilità potranno beneficiare di una nuova agevolazione per i veicoli: è stata infatti pubblicata dall’Agenzia delle Entrate (altro…)


West, senza gambe, scala il Kilimangiaro

21 Giugno 2012

Il sogno di una vita ha prevalso sulla malattia genetica. Spencer West, senza arti inferiori dalla nascita, è riuscito a conquistare la vetta del Kilimangiaro. Con i suoi 5.895 metri si classifica come la montagna più alta del Continente africano. (altro…)


Sclerosi multipla, il costo sociale è pari a 2,5 miliardi

20 Giugno 2012

La sclerosi multipla colpisce i giovani adulti, con un picco d’insorgenza intorno ai 30 anni, più donne che uomini, con un rapporto di 2-3 a 1 e, in Italia (altro…)


vi segnaliamo
  • Regione Piemonte
  • città metropolitana
  • Informacasa
  • Servizi educativi
  • bibloteche civiche
  • ASL TORINO Azienda Sanitaria Locale "Città di Torino"
  • HandyLex
  • Norma attiva
Torna su