Informa disAbile

mercoledì 13 novembre 2019
archivio notizie
Categorie

Volontario della Croce Rossa violenta una disabile mentale

Settimo – Lui sostiene di amarla. Da anni addirittura. Lei invece si è rivolta ai carabinieri denunciando una violenza sessuale, pur ammettendo di aver avuto con l’uomo una lunga relazione.

ambulanzeDa giovedì scorso Italo Testa, 73 anni, volontario della Croce Rossa di Settimo Torinese è agli arresti domiciliari con l’accusa di aver indotto una persona in condizione di inferiorità psichica a compiere atti sessuali. La ragazza, 26 anni, ha un’invalidità superiore al 70 per cento. Soffre di un handicap mentale che la renderebbe particolarmente vulnerabile e fragile. È seguita dai servizi sociali. Tempo fa aveva partecipato a un progetto di inserimento presso la sede della Croce Rossa.Non è una volontaria, ma è socia della Cri.

Indagine delicata. La misura cautelare agli arresti domiciliari è stata richiesta dal pm Dionigi Tibone, che coordina l’inchiesta. Nei giorni scorsi l’uomo, difeso dall’avvocato Gugliemo Busatto, è stato interrogato in procura ma si è avvalso della facoltà di non rispondere. In questa storia, come ha rilevato il gip nel provvedimento, ci sono ancora molti punti da chiarire. Le indagini sono alle fasi iniziali. Tutto è iniziato con la denuncia della ragazza presentata ai carabinieri di Settimo Torinese. Uno sfogo pieno di particolari. Gli abusi, se tali verranno dimostrati, sarebbero stati compiuti anche all’interno della sede della Croce Rossa. «Al momento tutta l’indagine spiega il legale – si regge sulla denuncia della ragazza. Non c’è altro. Infatti il Gip nell’ordinanza ha sollecitato la procura a fare rapidamente ulteriori accertamenti. Anche il pm, per altro, è dello stesso avviso. C’è ancora tutto da capire».

Per questo motivo nei prossimi giorni saranno interrogati i volontari della Cri. E soprattutto sarà sentita la giovane. Lei, a causa del suo handicap mentale, si occupava di piccole mansioni. Sognava di diventare una volontaria. Rispondeva al telefono, riordinava la segreteria, si occupava delle fotocopie. Tra i due sarebbe sorta una relazione. Lui affermerebbe da 4 anni. Per lei solo da novembre dello scorso anno. Il 18 maggio scorso, questa relazione si sarebbe interrotta bruscamente. Così, dopo un po’, la giovane presenta una denuncia di violenza sessuale. Facendo anche riferimento a aspettative disattese. «Mi ha presa in giro».

Italo Testa è una pietra miliare della Croce Rossa. Uno dei fondatori del Comitato locale. Adesso è responsabile della manutenzione della sede. Ha a disposizione un ufficio, che condivide con altri volontari. Trascorre gran parte del suo tempo all’interno della sede. «È una persona molto disponibile. Un punto di riferimento. Siamo tutti sconcerti dal suo arresto. Dell’inchiesta però non sappiamo nulla» spiega il commissario della Cri Angelo Barbati.

Gli investigatori hanno esaminato alcuni messaggi inviati dall’uomo, nelle ultime settimane, al telefonino della ragazza. Sono messaggi pressanti e ripetitivi, il cui tenore sarebbe al limite dello stalking.

Fonte: lastampa.it

c.a.


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 27 Giugno 2012
Torna su