Informa disAbile

mercoledì 23 settembre 2020
archivio notizie
Categorie

Il mar Rosso a nuoto senza braccia né gambe, l’impresa di Croizon

Un francese senza né braccia e né gambe ha sfidato il caldo e gli squali attraversando a nuoto il mar Rosso dalla località egiziana di Taba alla cittadina giordana di Aqaba, nell’ambito di una sua “impresa globale” volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle potenzialità dei disabili. Usando delle protesi con delle pinne attaccate, Philippe Croizon, 44 anni, ha lasciato Taba alle 8.30 ed è approdato ad Aqaba alle 13,50, più di cinque ore dopo.croizon in mare

“Sono molto felice di avercela fatta. E’ una grande sensazione nuotare fra l’Africa e l’Asia”, ha dichiarato all’Afp. Anche il nuotatore francese Arnaud Chassery e due disabili giordani, Mohammad Smadi e Mohammad Sawaai, hanno accompagnato Croizon in questa sfida. “Siamo tutti bruciati dal sole. Abbiamo dovuto bere molta acqua. Faceva molto molto caldo. Ma il mare era calmo e bello,” ha detto ancora Croizon. “Credo che abbiamo nuotato 15 o 20 chilometri”, ha aggiunto. Quattro barche giordane hanno scortato il nuotatore mentre il team di Croizon e l’ambasciata francese erano a terra a dare il benvenuto.

Croizon ha detto ancora: “Ottenere l’autorizzazione dagli egiziani è stata la parte difficile. Ma grazie al cielo abbiamo centrato il nostro obiettivo e abbiamo provato che non c’è differenza fra un nuotatore disabile e uno normale”. “Ho preso parte a questa avventura per provare che i disabili possono fare tutto”, ha concluso. Croizon, che ha anche attraversato a nuoto la Manica nel 2010, ha organizzato queste imprese a nuoto in tutto il mondo per sensibilizzare l’opinione sulle effettive potenzialità dei disabili e anche per mandare un messaggio di pace e solidarietà.

Il 17 maggio ha nuotato dalla Papua New Guinea all’Indonesia. A luglio sarà la volta dello Stretto di Gibilterra, braccio di mare che separa Europa e Africa. Ad agosto, nuoterà fra le isole di Big Diomede in Russia e Little Diomede negli Stati Uniti.

A Croizon sono stati amputati tutti e quattro gli arti dopo aver subito nel 1994 una scossa elettrica di oltre 20,000 volt mentre tentava di rimuovere un’antenna da un tetto.

fonte: tmnews.it

( m.v/r.f)


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 22 Giugno 2012
Torna su