SPECIAL EDITION: FRANCAMENTE ME NE INFISCHIO

MERCOLEDI’ 5 FEBBRAIO ORE 11.00

CASA DEL CINEMA, sala Deluxe – ROMAL argo Marcello Mastroianni 1

Roma – Dopo il successo registrato nella prima edizione, l’associazione Nessunotocchimario presenta alla Casa del Cinema di Roma la seconda edizione della mostra “Sensuability: ti ha detto niente la mamma?”.

Il 14 febbraio 2020 verranno premiati ed esposti per un intero mese fumetti e illustrazioni, realizzati dai partecipanti al concorso “Francamente me ne infischio”, promosso dall’associazione Nessunotocchimario insieme al Comicon. L’evento è parte di Sensuability, un progetto a più tappe ideato e voluto da Armanda Salvucci, che oltre al fumetto include cinema e fotografia per parlare della disabilità. #sensuability.

Le tavole e le illustrazioni dei partecipanti che meglio hanno saputo mostrare, attraverso l’arte del fumetto, scene ispirate dal grande schermo ritraendo o facendosi ispirare da tutte le forme di disabilità, visibili e invisibili, in modo ironico e leggero, verranno premiate il 14 febbraio dalle ore 18 presso la Sala Cesare Zavattini alla Casa Del Cinema di Roma da una giuria d’eccezione presieduta dal maestro Tanino Liberatore e composta da Fabio Magnasciutti, Frida Castelli e Luca Enoch. 

Un nuovo sguardo sul tema lo offriranno anche le opere donate, tra gli altri, da Milo Manara, Fabio Magnasciutti, Frida Castelli, Luca Enoch, Stefano Tartarotti, Marco Gava Gavagnin, Francesca D’Amato che sostengono l’iniziativa.

“Anche in questa seconda edizione – spiega Armanda Salvucci, ideatrice di Sensuability – la nostra sfida è contribuire a diffondere una cultura che rappresenti fisicità differenti attraverso tutti i linguaggi artistici. La scelta di un concorso aperto a tutti significa proprio questo: invitare le persone comuni a riflettere, a rielaborare attraverso un’illustrazione o un fumetto e mettersi in gioco sugli stereotipi legati a questo tema.”

“Francamente me ne infischio!” la celebre frase del film “Via col Vento” diventa un grido liberatorio, un invito a piacersi, a essere sensuali, a vivere la sessualità oltre i pregiudizi, oltre l’ossessione di corpi perfetti e performanti.
La sfida contro gli stereotipi legati a disabilità e sessualità, per questa nuova edizione, si fa ancora più ambiziosa e tocca la decima arte. L’obiettivo del concorso, infatti, è stato quello di ridisegnare le scene romantiche, erotiche o sensuali di film che hanno fatto la storia del cinema o che abbiano un particolare significato per il/la partecipante.

Di solito le persone con disabilità sono rappresentate come vittime o supereroi ed è molto difficile trovare, nella comunicazione in generale come nel cinema e nell’arte, scene di vita quotidiana che trattino disabilità e sessualità con naturalezza.

L’arte è il seme ideale per far germogliare una cultura nuova e senza pregiudizi, libera e inclusiva, capace di ironia e leggerezza anche su temi considerati tabù come sesso e disabilità. A questo scopo Armanda Salvucci ha deciso di fondare l’associazione Nessunotocchimario.

Sessualità, fantasia, desiderio sono esigenze vitali di tutti come bere l’acqua, dormire, mangiare. Fare l’amore. Se non ti ha detto niente la mamma… Te lo diciamo noi!

IL PREGIUDIZIO È UN FAKE, UN MOCKUMETARY PER SMASCHERARLO

Il concorso con l’esposizione dei fumetti e la futura mostra fotografica sono le fasi di Sensuability, un percorso promosso da Nessunotocchimario, che è iniziato con un corto e che culminerà in un film, ma non un film qualunque, un mockumentary, cioé un falso documentario, strumento sovversivo ideale per abbattere gli stereotipi: il linguaggio della finzione che appare vera per smascherare le false verità.

Fonte: Ufficio stampa Sensuability