Associazione Ama, che si occupa da più di 20 anni dei gruppi di auto mutuo aiuto, sta attivando una nuova proposta per le famiglie di Fiemme e Fassa con un minore con disabilità, in collaborazione con il Servizio neuropsichiatria infantile di Cavalese e il patrocinio di Apss e Comune di Predazzo.

L’Ama è già attiva sul territorio con un gruppo per l’elaborazione del lutto, per il dimagrire insieme e per famiglie che affrontano la problematica del gioco d’azzardo patologico che è molto sentita nelle due valli. Il percorso per famiglie con bambini con disabilità inizierà con serate informative con esperti con testimonianze dirette che si terranno di martedì 2 ottobre, alle 20.30, nell’aula magna del municipio di Predazzo.

Il 9 ottobre lo psicoterapeuta Enrico Scappatura concluderà il ciclo dialogando su: “Consapevolezza, accettazione e nuovo progetto di vita dei genitori di bambini con disabilità”. L’iniziativa vuole essere opportunità di dialogo e di sostegno per coloro che sentono il bisogno di condividere l’esperienza di avere un bambino con disabilità. «La possibilità di scambiarsi informazioni e strategie può aiutare ad affrontare meglio la quotidianità e a scoprire la ricchezza che c’è in ognuno di noi», dicono all’Ama. Gli incontri sono aperti a tutti.

Per informazioni ci si può rivolgere al servizio di neuropsichiatria infantile di Cavalese, a Ploner Emanuela 366/6569873 e Boschetto Monica 0462-242279, oltreché all’Ama di Trento, tel. 0461-239640, email: ama.trento@tin.it. Il progetto si può seguire anche sulla Facebook https://www.facebook.com/ events/1739880366110316.

Fonte: giornaletrentino.it