Valentina Tomirotti è sicuramente una delle  professioniste italiane della comunicazione, che più rappresenta l’immagine moderna della disabilità, sensuale disinibita, affermata e stimata sul lavoro, autoironica ed indipendente.

Per saperne di più sulla trentacinquenne mantovana, potete cliccare qui oppure su quest’altro link.

Vi ho incuriosito? Spero di si, perché nelle prossime righe vi racconterò della nuova ed irriverente esperienza giornalistica di Valentina. La giornalista ha accettato la proposta di Nadia Merlo Fiorillo, curatrice del blog SexWriting scrittura adult per il web, di scrivere un intervento sulla sua idea di sesso in carrozzina. 

“Non vi farò uno spiegone inutile sulla differenza tra fare l’amore e fare sesso, non tocca a me sedermi sul pulpito e non spenderò parole nemmeno sul concetto di cuore=amore, non perché io sia anaffettiva, ma perché getterei altra benzina sul fuoco dei cliché in tema sessualità. Fare sesso puro e semplice non è peccato e ancora meno godere nel farlo. Ma qui, oggi, voglio calcare la mano e calo l’asso sul tavolo: come fanno sesso i disabili in carrozzina? Vi porto in questa nicchia di mondo perché è il mio e vorrei spettatori preparati, con la bocca non aperta per lo stupore, ma al massimo per mangiarsi i popcorn durante la lettura di questo articolo”, scrive Valentina in apertura, per lanciarsi, un po’ più avanti, in una proposta davvero stimolante ed efficace.

Leggi l’articolo completo.

Fonte: lastampa.it