La vita «normale» di una famiglia dove arriva una bimba con sindrome di Down. «Ma chi ci guarda fatica a superare la zona di imbarazzo». Il segreto per essere felici? Prendere anche questi disagi con leggerezza. E riderci su.

Le buone notizie sono così, si cercano e si rincorrono come piccole goccioline di pioggia sul finestrino di un treno in corsa. A volte prendono traiettorie incredibili, apparentemente casuali, per poi incontrarsi e andare più veloci. Le cose sono andate proprio in questo modo, tante piccole goccioline fatte di tanti messaggi di amici: «Guido, il Corriere inizia a raccontare Buone Notizie!»; fatte di incontri reali su un palcoscenico privilegiato come quello di San Patrignano dove ho conosciuto chi cura questo inserto. Incontri di persone in carne, ossa e sorrisi che credono ancora nella rivoluzione delle buone notizie e hanno permesso l’abbraccio tra queste Buone Notizie del Corriere della Sera e le «Buone Notizie secondo Anna».

Leggi l’articolo completo.

Fonte: corriere.it