È questo il tema di una tesi di laurea in corso di elaborazione, alla quale tutte le donne con disabilità fisico-motoria potranno collaborare, fino al 30 settembre, elaborando un semplice questionario (rigorosamente anonimo) e contribuendo in tal modo anche a fornire utili spunti per migliorare i servizi di assistenza sanitaria in materia di salute sessuale e riproduttiva, rivolti alle stesse donne con disabilità. 

Leggi l’articolo completo.

Fonte: superando.it