Negli ultimi anni il dibattito in Italia sul tema della sessualità delle persone con disabilità è stato ancorato in maniera prevalente attorno al nodo della cosiddetta “assistenza sessuale” e della relativa figura professionale, oggetto anche di un Disegno di Legge depositato nell’aprile del 2014 e frutto del lavoro di un Comitato fondato nell’anno precedente. Dopo alcuni anni è forse utile provare a trarre qualche indicazione, visto che l’orologio gira e la vita delle persone con disabilità e di ciò che accade attorno a loro (per loro, con loro, su di loro…) procede.

Leggi l’articolo completo.

Fonte: superando.i