Archivi mensili: marzo 2016

Giovanni vive, è il miracolo dell’amore

di Francesca Gagno

Mentre prendo carta e penna per cominciare l’intervista, Stefano risponde al telefono: lo sta chiamando il papà di un compagno di scuola del secondo figlio, nove anni, per accordarsi su chi il giorno dopo andrà a prendere i bambini. Chiara, intanto, sta seduta con la piccola di casa, in braccio Giovanni che già dorme, e la osserva dare da mangiare ai criceti. (altro…)

Io, assistente sessuale

Claire non ha ancora 30 anni, è insegnante e si interessa di arte, di musica, di teatro. Esercita però anche l’attività di assistenza sessuale per persone con disabilità. Il suo racconto ci consente di entrare nella sua vita e nel mondo di coloro che rivendicano il diritto al piacere e alla sessualità, nonostante una disabilità. (altro…)

Le umanissime fantasie sessuali

“Deve imparare a masturbarsi”, dice la madre di un ragazzo con disabilità di 29 anni.

Ho bisogno di provare piacere sessuale per scoprire il mio corpo“, “Vorrei carezze, baci e tenerezza“, affermano rispettivamente un uomo e una giovane donna entrambi con disabilità. (altro…)

Riflessioni sui fratelli nella disabilità

18 marzo 2016 – ore 17:30

Teatro del VII Circolo Didattico Montessori in Roma, Via Santa Maria Gorietti 41

 

Quando nasce un figlio con disabilità, la famiglia viene “travolta” da una serie di problematiche che spesso deve affrontare e risolvere da sola. Tra le tante, insorge inevitabilmente la preoccupazione di non trascurare gli altri figli, aiutandoli anche a sostenere e condividere la disabilità del proprio fratello e/o sorella.

La dott.ssa Giulia Franco giovane psicologa – psicoterapeuta di Padova, partendo dalla sua personale esperienza e come professionista del settore, ha pensato di realizzare il libro “Il guanto di mio fratello”, con un linguaggio semplice, come strumento dedicato appunto ai fratelli piccoli di bambini disabili, per aiutarli fin da subito ad affrontare il lungo percorso di accettazione che, seppur difficile, è anche ricco di emozioni profonde e positive.

L’Associazione Roda, da sempre attenta e sensibile anche alle dinamiche familiari, per il tramite della propria associata Sig.ra Rosa Capezza, ha ritenuto importante promuovere l’organizzazione di un evento che, partendo dalla presentazione del libro della dott.ssa Franco, riaccendesse l’attenzione sulla problematica dei fratelli.

La riflessione sul tema è stata resa possibile dalle associazioni Angsa LazioComitato SiblingsUna Breccia nel Muro nonché dal VII Circolo didattico Montessori che con entusiasmo hanno collaborato attivamente all’organizzazione dell’evento, sensibilizzando anche le figure istituzionali del Municipio II°, il dott. Emanuele Gisci – Ass.re Politiche Scolastiche Educative per la Famiglia e l’avv. Carla Fermariello – Presidente Commissione Politiche Sociali, che hanno aderito immediatamente alla proposta.

 

Per maggiori informazioni, clicca qui.

Fonte: rodaonlus.wordpress.com

Conquistare il diritto al desiderio

Tra tutti i pregiudizi che aleggiano intorno alla disabilità, forse il più odioso è quello del sesso. Sono stati molti i passi in avanti compiuti in questi anni per ribadire i diritti delle persone con disabilità (la loro effettiva conquista è tutt’altra cosa). (altro…)

Cercare l’amore online

Se non subito, quando? È questo il dilemma di molte persone con disabilità che cercano l’amore online. Perché se lo fanno, rischiano che nessuno li contatti. (altro…)

Da prostituta di strada ad assistente sessuale

Da spregiudicata prostituta ad assistente sessuale per persone con disabilità.

È la seconda vita di  Judith Aregger. Che ha deciso di sfruttare la sua decennale esperienza di sex worker in Svizzera per soddisfare (sempre a pagamento) i bisogni sessuali delle persone con disabilità. Alle quali offre quelle che lei chiama “terapie dell’amore su misura”. (altro…)

Sessualità senza Barriere

Valdagno (Sala Giovanni Soster | Palazzo Festari) 26 – 27 Febbraio 2016

La sessualità passa inevitabilmente attraverso il corpo e con il corpo viene sperimentata: per questo motivo nelle persone con disabilità può rappresentare l’espressione di una sofferenza o la negazione e l’allontanamento dal piacere. (altro…)

Per te che hai papà e mamma con disagio mentale

My Blue Box è il primo portale italiano dedicato ai figli di persone con un disagio mentale. Un contenitore di progetti, eventi, risorse e informazioni, realizzato dall’Associazione Contatto Onlus, e rivolto soprattutto ai tanti ragazzi e ragazze che ogni giorno fanno i conti con la depressione, (altro…)

Torna su ↑

Torna su