La banca del seme più importante dell’Inghilterra rifiuta i donatori dislessici. È la pesante accusa rivolta dal trentenne Fred Fisher alla London Sperm Bank. Che ha negato al giovane il diritto a depositare e conservare il suo liquido seminale. Ciò in ragione del fatto che il disturbo specifico di apprendimento di cui soffre è stato inserito dalla struttura tra le patologie geneticamente trasmissibili gravi. Una questione spinosa generata dall’eterna diatriba sulla definizione dei DSA. Che ha sollevato, da un lato, aspre critiche da parte di famiglie e associazioni che si sono sentite discriminate.

 

Leggi l‘articolo completo.

 

Fonte: west-info.eu