Archivi mensili: giugno 2015

Sex & disabled people: la sessualità oltre le barriere

Intervista a Barbara Garlaschelli a cura di Laura Ravanelli

Come nasce il Reading di “Sex & disabled people”?

Nasce casualmente, con delle mie “lezioni” comiche giocate sull’approccio tra quelli che, con ironia, ho definito “non disabilitati” e “disabilitati”; un po’ come fossimo macchine abilitate, appunto, a fare certe cose e non altre. (altro…)

L’assistente sessuale continua ad avere chi è pro e chi e contro, perché?

Uno dei temi più hot legati alla disabilità è certamente quello relativo all’assistente sessuale. Le persone con disabilità non essendo creature asessuate hanno anch’essi le esigenze derivanti da un corpo che matura, da un corpo che quanto meno ha bisogno della componente fisica in assenza di quella più completa, ciò che tutti vorrebbero: l’amore vissuto accanto e con qualcuno. (altro…)

L’assistente sessuale per i disabili? Che oscenità!

Risponde Ileana Argentin nella nuova puntata della rubrica «Parla con me».


Gentile Ileana Argentin,
trovo tutto questo quasi osceno e di pura fantascienza: l’assistente sessuale? Ma se manca un assistenza di base ai disabili! Poi lo trovo fuori moralità. Io sono disabile, e per questo il mio ragazzo mi ha mollato, (altro…)

Sex & disabled People

L’Associazione Tessere Trame in collaborazione con ASP di Piacenza e il Comune di Piacenza organizzano il reading musicale con testi di Barbara Garlaschelli e Alessandra Sarchi.

Cantiere Simon Weil, via Giordano Bruno 4, Piacenza.

Leggi la locandina.

Fonte: Associazione Tessere Trame

Assistenti sessuali, arretramenti culturali e stigma sociale

Scrive Lelio Bizzarri, riferendosi al noto Disegno di Legge sull’“assistenza sessuale” delle persone con disabilità: «Lungi dal trovarci di fronte a una “rivoluzione sessuale”, come è stato pomposamente scritto da un giornale nazionale, questo provvedimento sancirebbe (altro…)

Torna su ↑

Torna su