Negli ultimi anni si è iniziato a trattare il tema del diritto alla sessualità per le persone con disabilità: è d’obbligo, però, una premessa rispetto alla necessità, per il portatore di handicap, di crearsi una propria indipendenza psicologica dalla famiglia, e una vita affettivo-sessuale, come tutti.

Importanti per la crescita psicosociale sono soprattutto le relazioni di amicizia tra due individui, caratterizzate dall’analisi delle proprie reazioni emotive e dei propri pensieri. Se rapportiamo alla crescita del soggetto disabile questo quadro descrittivo dell’identità psicosociale del giovane individuo che si addentra nell’età adulta, ci rendiamo subito conto dei possibili “svantaggi” cui va incontro il soggetto disabile.

Leggi l’articolo completo.

Fonte: medicitalia.it