In questo approfondimento curato da Andrea Pancaldi, non si intende entrare nel dibattito sui “sì, no, forse” della figura dell’“assistente sessuale”, ma ci si limita a dare una serie di indicazioni di lettura, per farsi un’idea in generale sul tema “Disabilità e sessualità” e per affrontare la questione specifica dell’assistente sessuale tra chi lo vede come un diritto, una battaglia di civiltà e chi invece ne sottolinea i rischi e le contraddizioni.

Leggi l’articolo completo.

Fonte: superando.it