La proposta di attivare anche in Italia – sull’onda di esperienze già presenti in alcuni Paesi europei – un servizio di assistenza sessuale rivolto alle persone con disabilità sta dando vita – com’era prevedibile – a un ampio dibattito. Ma è possibile trattare un tema del genere slegandolo dai giudizi morali?

«Sicuramente sì – secondo Simona Lancioni -, basta avere consapevolezza della propria convinzione morale, e scegliere di metterla da parte».

 

Leggi l’articolo completo.

 

Fonte: superando.it