Una figura molto discussa e criticata, quella dell’assistente sessuale. Una forma di accompagnamento erotico da parte di personespecializzate, per aiutare le persone con disabilità a scoprire il proprio corpo attraverso la relazione con l’altro. In Italia, è in corso una battaglia per ottenere il riconoscimento giuridico di questa pratica, che già è regolamentata in alcuni Paesi europei.

Di che Paesi si tratta, e in che modo si è giunti a regolarizzarla? Come rientra nei servizi di welfare? Quali sono i percorsi di formazione previsti? La professione dell’assistente sessuale è esclusivamente femminile?

Leggi l’articolo completo.

Fonte: affaritaliani.it