Cosa succede se non ci si strucca prima di dormire?

Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, ha esclamato «Sono troppo stanca per struccarmi», infilandosi a letto con mascara e ombretto ancora sugli occhi. Spesso la stanchezza e la pigrizia vincono sulla beauty-routine e questa cattiva abitudine, se protratta nel tempo, può avere degliesiti fastidiosi a medio-lungo termine. Ecco, dunque, cosa succede se non ci si strucca mai prima di coricarsi.

Brufoli e pori dilatati

«A lungo andare le sostanze contenute nei prodotti make-up possono irritare e danneggiare la pelle, favorendo la comparsa di acne, brufoli, pori dilatati e impurità antiestetiche» conferma Mariuccia Bucci, dermatologo plastico e responsabile scientifico ISPLAD. «Inoltre la cute può apparire particolarmente “spenta” e stanca».

Invecchiamento precoce

«I residui di trucco, che intaccano tonicità ed elasticità della pelle, possono accelerare l’invecchiamento cutaneo e favorire la comparsa delle rughe d’espressione» continua la dottoressa.

Disturbi oculari
 
«Lasciare il make-up sul viso per tutta la notte può causare irritazioni oculari e infezioni, come ad esempio l’orzaiolo, cioè un’infiammazione suppurativa delle ghiandole sebacee delle palpebre, che si manifesta sotto forma di un piccolo nodo dolente sulla palpebra, spesso accompagnato da un fastidioso gonfiore» spiega la dermatologa.

Ciglia indebolite

«Il mascara, che è costituito da sostanze sicuramente idonee, talvolta può contenere fibre sintetiche che, se non rimosse, possono indebolire le ciglia e favorirne la caduta» avverte Bucci.

I consigli per struccarsi correttamente
 
«Per uno struccaggio del viso efficace è preferibile utilizzare un latte detergente o l’acqua micellare, evitando l’uso di salviette struccanti che, sebbene più veloci, contengono sostanze alcoliche volatili spesso irritanti per pelle e occhi» suggerisce la dermatologa. «Per gli occhi invece, specialmente se si applica un mascara waterproof, è sempre bene utilizzare struccanti bifasici che si compongono di due sostanze (una acquosa e una oleosa) che si attivano quando il flacone viene agitato».

 

Leggi l’articolo originale su ok-salute.it

  • giovedì, 6 Settembre 2018