Occhiaie: rimedi naturali

I cosmetici naturali anti-age sono un ottimo rimedio che attrae una buona fetta della popolazione, soprattutto femminile, perché contrastare i segni del tempo sembra essere ormai un obiettivo prioritario: con il passare degli anni, infatti, la pelle invecchia e diventa secca, con rughe, perde elasticità e si formano macchie ed occhiaie.

Abilmente, le strategie di mercato promettono di fermare “l’orologio biologico”: ci si potrebbe realmente aspettare, dunque, di ostacolare in qualche modo la formazione dei segni del tempo, in particolare le occhiaie, e ovviamente di nascondere le borse già presenti. Spesso, però, queste aspettative si rivelano essere soltanto promesse non mantenute.

Ricerca del naturale

La società moderna può essere ormai paragonata ad un ambiente irreversibilmente manipolato dall’artificio dell’uomo, ma tra tutti emerge ancora chi è animato dalla necessità di una filosofia “al naturale”: questo bisogno si riferisce sia all’ambito alimentare che all’agricoltura, ma anche alla cosmesi moderna non sfugge certo la necessità di un ritorno al naturale.

La ricerca di rimedi naturali per la cura del proprio aspetto (prodotti anti age, in generale, e anti occhiaie, in particolare) non è diminuita: l’unica spiegazione a ciò sembra risiedere nelle necessità del consumatore, sempre più attento alla propria salute e alla scelta di prodotti in linea con la natura, perché l’obiettivo di prendersi cura di se stessi in maniera equilibrata e sana è ormai divenuto prioritario.

Oli vegetali, oli essenziali, fitoestratti e acque floreali sono i protagonisti dei cosmetici naturali: in un prodotto antiocchiaie si sceglieranno quelle piante che esercitano un’azione capillarotropa e anti-infiammatoria, che servono, rispettivamente, per stimolare il micro-circolo nella palpebra inferiore e per sfiammare la zona stessa.

I principi attivi estratti da centella asiatica, mirtillo, rusco, camomilla, ippocastano, cetriolo e magnolia rappresentano un buon rimedio naturale nel trattamento anti-occhiaie.

Vediamo più attentamente le proprietà derivate da queste sostanze naturali.

Ruscus aculeatus contro le occhiaie

Il rusco appartiene alla famiglia delle Liliaceae: è una pianta cespugliosa con foglie che terminano con aculei. Molto diffusa in Europa, soprattutto nelle coste del Mar Mediterraneo. Ciò che determina l’importanza della droga sono le sapogenine presenti, nonché saponine steroidee (ruscogenina e neoruscogenina), tannini, oli essenziali, fitosteroli, antrachinoni, flavonoidi e sali minerali tra cui potassio e calcio.

Dal punto di vista cosmetico, l’applicazione topica di una crema contenente rusco si configura particolarmente adatta per trattare disturbi venosi: conferisce infatti maggior resistenza ai capillari, diminuendo la permeabilità del plesso venoso. Da qui si può capire perché il rusco possa rappresentare un ottimo rimedio naturale per contrastare le occhiaie.

Considerando, poi, che le occhiaie derivano da un gonfiore nella zona perioculare, parte delicata che presenta anche un ristagno di liquidi dovuti a scarsa irrorazione, il rusco è adatto per contrastare questi disturbi.

Centella asiatica contro le occhiaie

La centella è una pianta appartenente alla famiglia delle ombrellifere, i cui principi attivi più importanti sono, anche in questo caso, le saponine, più precisamente l’asiaticoside. Per le sue proprietà lenitive-rinfrescanti si abbina ottimamente a camomilla e calendula.

È un rimedio naturale molto efficace, se considerato come stimolante del microcircolo, tant’è che viene utilizzata anche in creme per il miglioramento della funzionalità del circolo venoso sanguigno. È una droga che per le sue proprietà è molto usata insieme a ippocastano, rusco ed edera.

Camomilla recutita

Altra droga considerata è la Camomilla Recutita, appartenente alla famiglia delle Labiate: in una crema anti-occhiaie la camomilla è importante per la presenza dei terpeni (sesquiterpeni ciclici eterei), e degli azuleni tra cui camazuleni e bisabololo. Questi costituenti lipofili (solubili, quindi, in olio) conferiscono ottime proprietà antisettiche ma soprattutto lenitive (grazie al bisabololo).

Vaccinium mytrillus

Il mirtillo appartiene alla famiglia delle Ericaceae e della droga vengono utilizzate le bacche (frutti). Come rimedio naturale, il mirtillo è una droga nota per le sue proprietà antiossidanti e per il potere capillarotropo: è infatti considerata nei trattamenti per contrastare fragilità capillare e venosa, per diminuire l’infiammazione e per aumentare la resistenza dei capillari.

Il mirtillo, inoltre, aiuta a prevenire i disturbi legati all’invecchiamento, grazie alle sue proprietà antiossidanti. Ecco quindi che la droga si configura adatta per la formulazione di una crema anti-age, essendo le occhiaie un disturbo legato anche allo scorrere del tempo: migliora il tono vasale del microcircolo oculare diminuendo il gonfiore della zona suboculare, quindi l’occhiaia si riduce.

Il mirtillo è costituito da antocianine (mirtillina) che sembrano agire proprio a livello dei vasi del sangue, aumentandone la resistenza, ma tra gli altri costituenti si ricordano anche tannini, acido idrossi cinnamico, acido idrossi benzoico, flavon glicosidi, terpeni, acidi organici vegetali e fenoli glicosilati (argutina).

Aesculus hippocastanum

L’ippocastano, noto come Castagno d’India, appartiene alla famiglia delle Sapindaceae, ed è anche utilizzato come pianta ornamentale. Il principio attivo che caratterizza qualitativamente la droga, nonché la molecola più importante tra le saponine triterpeniche, è l’escina; oltre alle saponine, nel fitocomplesso si trovano anche glicosidi triterpenici, cumarine glicosilate, tannini e flavonoidi come quercetrina e kaempferolo.

Nella cosmesi l’ippocastano, essendo droga a saponine proprio come la centella asiatica, è considerato per più usi:

– Azione antinfiammatoria-astringente

– Usata nel trattamento delle emorroidi

– Utilizzo molto diffuso in formulazioni volte a ridurre la permeabilità capillare

– Stimolante del microcircolo

– Usata in creme anticellulite

L’estratto di escina rappresenta, proprio per queste proprietà, una buona soluzione naturale al problema delle occhiaie.

Cucumis sativus

Il cetriolo è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle Curcubitaceae ed è originario dell’India. È costituito da acqua, pochi carboidrati, e sali quali calcio, sodio, fosforo e potassio. Da ricordare anche la presenza di vitamina C.

Dal punto di vista cosmetico, il cetriolo è un rimedio naturale che si ritrova in prodotti antiocchiaie per le sue ottime qualità: rigenerante, idratante, decongestionante, antinfiammatorio, vasocostrittore. Proprio per queste capacità, il cetriolo si può utilizzare per diminuire il gonfiore sotto gli occhi e per migliorare il contorno occhi, agendo quindi sulle occhiaie e diminuendo l’inestetismo presente o contrastandone la comparsa.

Magnolia officinalis

Un altro rimedio naturale da considerare è l’estratto della corteccia di magnolia: la sua corteccia, infatti, contiene due potenti sostanze antinfiammatorie, il magnololo e l’onochiolo, che agiscono sinergicamente nell’inibire l’attivazione dell’NF-KB (Nuclear Factor k-B), un mediatore dei processi infiammatori e dell’invecchiamento.

Per uso esterno questi principi attivi hanno azione antiossidante, antinfiammatoria ed antibatterica. E’ una pianta medicinale che appartiene alla farmacopea cinese: infatti la corteccia è stata utilizzata per molti anni in Asia contro il ristagno di liquidi, ma anche per disturbi digestivi, ansia e allergie. L’uso di questo principio attivo in una crema anti-età porterà all’aumento di elasticità della pelle del contorno occhi, associata ad un’ottima idratazione della cute: l’estratto di magnolia è quindi un buon rimedio naturale per contrastare le occhiaie ed i segni dell’invecchiamento.

 

Leggi l’articolo originale su my-personaltrainer.it

  • venerdì, 30 Settembre 2016