L’hennè nasconde una sostanza pericolosa. Si rischiano allergie

Anche i tatuaggi all’hennè, quelli non permanenti, possono causare reazioni allergiche. Lo affermano gli esperti dell’università di Sheffield, che presentano un caso avvenuto su un bambino di 10 anni sulla rivista Bmj Case Reports.

Il bambino, raccontano i medici, si era fatto un tatuaggio sul braccio durante un viaggio in Spagna. Una volta tornato, quattro giorni dopo, ha manifestato uno sfogo cutaneo intorno al tattoo, con prurito e la formazione di bolle e una infezione della pelle chiamata cellulite, guarite poi con un settimana di trattamenti antibiotici e creme al cortisone

Gli autori dello studio ricordano che “l’hennè che si usa per i tatuaggi è una combinazione di un pigmento naturale e di una sostanza chimica chiamata parafenilendiammina ed è quest’ultima, usata per rendere l’inchiostro più scuro e per farlo asciugare prima, che causa reazioni allergiche. Questa sostanza è proibita nei prodotti per la pelle, ed è ammessa solo nelle tinture per capelli fino a un massimo del 6%, mentre negli inchiostri è presente anche in proporzione del 30%”

Negli archivi dell’Fda ci sono numerose segnalazioni di reazioni allergiche all’hennè.

“Ci sono diverse differenze tra l’hennè innocuo e quello che causa allergie – aggiunge Jaya Sujatha Gopal-Kothandapani, uno degli autori -. La pasta naturale è verdastra, ha un odore che sembra naturale e lascia un segno di un marrone profondo. Quella pericolosa è invece nera, ha un odore ‘chimico’, si asciuga subito e può bruciare al contatto con la pelle”

Dopo una serie di studi di valutazione sulla sicurezza delle tinture per capelli, la Commissione europea ha stabilito nuovi limiti di impiego di alcuni coloranti usati per tingere le chiome, ma anche per fare i tatuaggi temporanei tipo l’henné nero.

Sono in tutto 9 le sostanze chimiche finite sotto la lente di ingrandimento della Commissione scientifica per la sicurezza dei consumatori (Sccs).

I coloranti incriminati sono i seguenti composti chimici:

HC Blue No.17 e No.15,

acid green 25,

acid violet 43,

2-methoxy-methyl-p-pheny-lenediamine e sulfate,

hydroxyanthraquinone-amino-propyl methyl morpholinium methosulfate,

disperse red 17,

acid black 1

pigment red 57

 

Leggi l’articolo originale su repubblica.it/salute

  • martedì, 5 Luglio 2016