L’INCI dei prodotti cosmetici

Da quando siamo più attenti a ciò che mangiamo e utilizziamo per la cura del nostro corpo, abbiamo imparato che, prima di acquistare quei prodotti dal packaging così accattivante, i cui spot pubblicitari promettono miracoli che nemmeno immaginiamo, dobbiamo dare sempre un’occhiata agli ingredienti da cui sono composti. Purtroppo non è semplice. Non è semplice perché non è facile decifrarli.

Gli ingredienti sono elencati nell’INCI che si trova normalmente nelle parte posteriore della confezione. INCI è l’acronimo di International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, ed è una denominazione internazionale utilizzata per indicare in etichetta i diversi ingredienti presenti all’interno di un prodotto cosmetico. Viene usata in tutti gli stati membri dell’UE e in molti altri paesi nel mondo.

Secondo la nomenclatura INCI, gli ingredienti di un prodotto cosmetico vanno scritti in ordine decrescente di concentrazione al momento della loro incorporazione. Al primo posto si indica quindi l’ingrediente contenuto in percentuale più alta, poi a seguire gli altri ingredienti, fino a quelli contenuti in percentuale più bassa. Al di sotto dell’1% gli ingredienti possono essere indicati in ordine sparso. La nomenclatura INCI contiene alcuni termini in latino, riferiti ai nomi botanici e a quelli di ingredienti presenti nella farmacopea, mentre la maggioranza è in inglese. Nel caso dei coloranti si utilizzano le numerazioni secondo il Colour Index.

Il punto cruciale è proprio interpretare i termini a noi sconosciuti per capire a quali ingredienti corrispondano e se siano o meno dannosi. In questo ci viene in soccorso il biodizionario, uno strumento davvero utile per decifrare anche i termini che ci sembrano più assurdi e iniziare a fare un pochino di pulizia nei nostri armadietti, oltre che imparare a fare acquisti più consapevoli.

 

Leggi l’articolo originale malvarosa.info

  • venerdì, 1 Luglio 2016