Una sola Banca dei Tessuti

La Giunta regionale ha disposto la costituzione di una sola Banca dei Tessuti che avrà sede nell’azienda ospedaliera-universitaria Città della Salute di Torino.

La riorganizzazione è contenuta in una delibera approvata nel corso di una riunione tenutasi il 1° marzo: le attuali cinque Banche dei Tessuti (cornee, tessuti muscolo-scheletrici, valvole cardiache e segmenti vascolari, sangue placentare, membrane amniotiche) daranno così vita ad un’unica più ampia ed efficiente struttura che lavorerà in raccordo e stretta integrazione con la Banca della Cute, operativa nel CTO di Torino in locali moderni e all’avanguardia.

“Questa riorganizzazione – puntualizza l’assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta – consentirà di risolvere i problemi delle attuali Banche dei Tessuti con strutture comuni adeguate, riorganizzazione del lavoro e contenimento delle spese. La costituzione di un gruppo comune di professionisti e di risorse tecnico-amministrative offrirà garanzie di continuità, consentendo di sviluppare nuove attività e ottimizzare le risorse. Recentemente ho avuto modo di visitare nel CTO la Banca della Cute, una struttura di eccellenza della nostra sanità che conta sul prezioso sostegno della Fondazione presieduta da Gilberto Magliacani e che lavora in stretto rapporto con il Centro Ustionati”.

La creazione di una Banca dei Tessuti integrata pone le basi per la realizzazione di un bioconservatorio e di una biobanca al fine di sviluppare i sistemi di tracciabilità, conservazione ed utilizzo dei campioni, corredandoli di tutti i dati clinici e di laboratori.

 

Leggi l’articolo originale su regione.piemonte.it

  • martedì, 15 Marzo 2016