Argilla: ce n’è per tutti i gusti!

Tornando indietro, molto indietro nel tempo, fino all’antica Mesopotamia si scopre che da sempre l’argilla è stata riconosciuta e utilizzata come una preziosa alleata della salute ma anche del benessere e della bellezza.

In natura esistono più di trenta tipi di argilla, con colorazioni diverse a seconda della composizione chimica, dell’età e del luogo dove si forma, vantano tutte ottime proprietà assorbenti, detossinanti e remineralizzanti. Questo sia che la polvere di argilla venga assunta, quando possibile, per via interna, sia che venga applicata sulla pelle sotto forma di maschere e cataplasmi. I diversi tipi di argilla hanno però proprietà specifiche che ne suggeriscono utilizzi particolari.

Oltre all’argilla verde, quella più conosciuta ed utilizzata soprattutto per la cura della bellezza attraverso impacchi e impiastri da applicare su viso o fianchi, dalle proprietà drenandi e depurative, esistono tante argille diverse, ognuna con le proprie proprietà che agiscono su inestetismi cutanei differenti, o problemi fisici più importanti. In natura infatti, secondo lo stato di ossidazione del ferro, uno degli elementi chimici che la compone, l’argilla può mostrarsi in differenti colori: c’è quella rossa, che è sicuramente la più nota, l’argilla verde e l’argilla bianca, quella gialla ecc…

Argilla Verde: la più conosciuta, è particolarmente apprezzata non solo per i suoi minerali, ma anche per il suo potere di assorbimento e le sue proprietà antinfiammatorie, disintossicanti e di bilanciamento del pH interno. È ideale per la pelle grassa, con acne, macchie e pori dilatati. Nel caso di impacco sui capelli, ha un effetto antiforfora e antiprurito in particolare se associata al tea tree oil. Per uso interno, l’argilla verde ventilata è uno dei rimedi più utilizzati per la depurazione dell’organismo. Sarà necessario acquistare in erboristeria dell’argilla adatta per uso interno. A questo punto si potrà seguire una cura depurativa di base, bevendo ogni mattina a digiuno e per un mese un bicchiere d’acqua preparato la sera precedente, lasciando riposare sul suo fondo un cucchiaino da caffè di argilla ventilata.

Argilla Bianca: formata in gran parte da alluminio e silicio può essere utilizzata sia per uso esterno che per uso interno. L’argilla bianca è chiamata anche caolino, dal nome della regione cinese, il Kao-Ling, dove fu scoperto il primo giacimento. All’uso interno dell’argilla si ricorre in particolare come battericida, perché espelle le tossine, è un protettore gastrico, protegge le mucose e ha anche valenza antinfiammatoria. Quest’argilla per uso interno va preparata la sera per essere bevuta la mattina successiva, ad eccezione del bruciore di stomaco per il quale invece ènecessario assumerla appena preparata. (Un cucchiaino per bicchiere d’acqua) L’argilla bianca è anche utile per la depurazione intestinale da tossine o metalli pesanti. Riguardo all’uso esterno, serve soprattutto a creare maschere di bellezza, purificanti della pelle e, vista l’abbondanza di silicio, rafforzanti per i capelli.

Argilla Rossa: è utilizzata più spesso per curare corpo e capelli, quindi per uso esterno. Ricca di ferro e povera di alluminio, la colorazione dell’argilla rossa è dovuta alla presenza di ferro rosso (trivalente). Purifica il cuoio capelluto e aiuta chi ha problemi di circolazione. In caso di cellulite e ritenzione idrica è l’argilla di prima scelta grazie al suo alto contenuto di ferro appunto. Stimola il processo di rigenerazione della pelle, quindi nel caso di scottature da sole, invece come maschera per il viso è consigliata ha chi la pelle grassa ma delicata e facilmente irritabile. Sulle contusioni, gli ematomi, le ecchimosi e i dolori muscolari, l’argilla rossa permette di sgonfiare le zone e di attenuare il dolore.

Argilla Gialla: contiene illite, un minerali dalle proprietà assorbenti, esfolianti, liscianti, tonificanti, quindi particolarmente utile per i prodotti di bellezza. È ideale per la cura del viso, in particolare per la pelle normale con tendenaza ad ingrassarsi. Il colore giallo è dovuto alla presenza di composti di ferro e di rame. Molto indicata per essere applicata sul collo, sulla schiena e anche sulle ginocchia in caso di dolore o gonfiore. Ha una buona azione rinfrescante e antidolorifica se mescolata alla rossa per un’azione più completa.

Argilla grigia: Conosciuta anche come argilla Luvos o argilla tedesca (è stata scoperta in Germania nel secolo scorso) deve il suo colore grigio all’alta percentuale di Silicio, fino al 60%. L’argilla grigia  Ha un elevato scambio cationico. Si usa anche per via interna grazie al forte potere assorbente (probabilmente superiore alla verde ad uso interno) è indicata nella cura dell’acidità di stomaco e delle infiammazioni intestinali. Favorisce inoltre il drenaggio dei liquidi in eccesso e svolge un’importante azione alcalinizzante dell’organismo.

NB: Nelle maschere fai-da-te a base di argilla, evitare di incorporare ingredienti contenenti vitamina C. Essa infatti è un si composto che, a contatto con l’argilla, crea una reazione chimica di ossidazione, promuovendo la produzione di radicali liberi. Molto meglio aggiungere oli base come la melaleuca disinfettante o il jojoba e mandorle nutrienti.

 

Leggi l’articolo originale su essenzialmentenaturale.it

  • venerdì, 8 Gennaio 2016