10 anni di meno: bisturi? No, ci pensa il make up!

Dimostrare 10 anni di meno è il sogno di tutte le donne. Se vi dicessi che è possibile, senza ricorrere alla chirurgia, mi credereste? Ebbene sì, dovete farlo!

Come? Ma con il trucco! Basta giocare sapientemente con il make up e il gioco è fatto… il primo segreto per dimostrare 10 anni di meno con il make up è quello di procedere a piccoli tocchi di luce, basta infatti schiarire i propri punti strategici con gli illuminanti:

– i solchi nasogeniani (quelli che scendono dalle ali del naso alle commessure delle labbra)

– la ruga fra le due sopracciglia

– l’angolo interno dell’occhio

– l’incavo della palpebra mobile

– il contorno della bocca

Procedendo occorre avere la “mano leggera”, soprattutto con il fondotinta che va maneggiato in piccole quantità. La tecnica è sempre la stessa: si inizia dal centro del volto per “tirare” verso le orecchie, la fronte e il mento. Più il volto è segnato, più ha bisogno di luce e non di spessore, quindi occorre evitare texture pesanti.

Per truccare gli occhi ricordate:

– di fare attenzione a non sbordare l’ombretto: le piccole rughe di espressione diventano un ricettacolo di polvere più visibile con l’occhio truccato che al naturale

– le polveri mat e setose degli ombretti rendono lo sguardo più vivace grazie al contrasto: evitate quindi gli ombretti glitterati!

– le sopracciglia con l’età diventano più chiare e meno folte: ridisegnate la loro linea con una matita specifica di 2 toni più chiari rispetto ai vostro capelli

– il khol panna-beige ingrandisce lo sguardo e attenua i riflessi gialli sulla cornea

– il mascara è meglio marrone o grigio, poichè è meno aggressivo del nero senza perdere in potenza espressiva.

Inoltre, per dimostrare 10 anni di meno è meglio evitare toni di capelli troppo scuri, le lunghezze oversize e i ciuffi pesanti su fronte e lati del viso. L’ideale sono i colori caldi, specialmente se illuminati da meches più chiare e giochi di colore. Infine, il taglio dovrebbe incorniciare il volto in modo armonico ed essere graduato in base ai lineamenti.

 

Leggi l’articolo originale su glamour.it

  • martedì, 29 Dicembre 2015