La sezione Arte Singolare è dedicata ad artisti insospettabili che, nonostante impedimenti fisici, psichici o di vario genere, perseguono o hanno perseguito con tenacia, personali forme d’arte, esprimendo soggetti e modalità espressive dettati in prevalenza da urgenze interiori.
Artisti dalla collezione del Servizio Disabili della Città di Torino

Una raccolta formata da opere, video e filmati in animazione, prodotti all’interno del laboratorio La Galleria, Circoscrizione 8 o recuperati “andando casa per casa“, presso cooperative e associazioni, oppure opere custodite come lascito di atelier non più attivi (raccolti in Torino e provincia, dai primi anni ‘80 ad oggi).

In particolare opere realizzate da persone con disabilità intellettiva, autori singolari che hanno tratto ispirazione dalla personale esperienza.

Nella collezione sono custoditi migliaia di manufatti realizzati più di 150 autori tra cui spiccano alcune personalità interessanti per tematiche, soluzioni estetiche e procedure.

Permanenza nel tempo di schemi, ritmi e figure, preziose variazioni e rari cambiamenti, è quello che si può cogliere da tale inventario di segni. Forme e parole utili per dare senso alla comprensione di storie personali e allo sguardo operativo ad esse dedicato osservandone i fili conduttori, le insistenze e le trasformazioni.

Segni sottratti alla noncuranza del tempo e degli autori, raccolti con quotidiana premura da alcuni educatori dei diversi servizi, persone in grado di vedere in tali ripetizioni non solo l’impasse, ma il segno di una presenza, di un’identità spesso fornita di grande suggestione.

Saranno inoltre mostrati collegamenti ed esiti e progetti del dialogo fra la collezione, altre collezioni e realtà diverse, istituzionali e non

Alcuni degli autori sono avvicinabili e coinvolti in esperienze di arte contemporanea che guardano con interesse sia alla permeabilità dei confini fra normalità e follia sia alle diverse identità culturali che compongono la società attuale. Pratiche artistiche che sollecitando sinergie tra teoria, etica, tecnica ed esperienza, attivano traffici di senso tra differenti discipline operative e campi del sapere.