RASSEGNA SINGOLARE E PLURALE 2018

Un progetto di Opera Barolo / PARI / Polo delle Arti Relazionali e Irregolari: Palazzo Barolo e Housing Giulia

Città di Torino: InGenio Arte Contemporanea, InGenio bottega d’arti e antichi mestieri e Passepartout

Mostre, visite guidate, incontri e laboratori, diverse sedi

DAL 23 MAGGIO AL 17 GIUGNO 2018

VISIONI FRA CIELO E TERRA: GIORGIO BARBERO & C

A cura di Tea Taramino e Alessia Panfili di Forme in bilico

Testi critici in collaborazione con Marco Petrocchi de Gli Acrobati e Alberto Taverna dell’ASL Città di Torino

PARI- Polo delle Arti Relazionali e Irregolari: Palazzo Barolo

  • Mercoledì 23 maggio Conferenza stampa ore 11.00, Salone d’onore
  • Inaugurazione dalle 1 7.00 alle 19.00, Appartamenti Elena Matilde

 Galleria  Gli Acrobati

  • Mercoledì 23 maggio,  Aperitivo musicale dalle 19.30 alle 20.30

L’artista Giorgio Barbero, protagonista delle mostre, sarà in dialogo con artisti storici ed emergenti, irregolari e non, in relazione a poetiche e ricerche individuali, sviluppate in epoche e contesti diversi.

Palazzo Barolo: Giorgio Barbero e i vestiti di Giuseppe Versino, il libretto del viaggio irreale di Mario Bertola, le grandi sculture e installazioni di Enrico De Paris, Simone Sandretti, Francesco Sena, Maya Quattropani e Ernesto Leveque.

Gli Acrobati:  Giorgio Barbero con le fantacostruzioni di Oby One (R. Zaiacometti) e i disegni di Cosimo Cavallo.

Durante l’inaugurazione una Temporary Library con edizioni sul tema a cura di Prinp Editore e Edizioni Inaudite.

La mostra si propone di offrire – in occasione del quarantennale della legge Basaglia – spunti di riflessione sulla trasformazione della psichiatria, indagandone le connessioni con l’arte contemporanea attraverso una rilettura critica di – potenti e differenti  – visioni artistiche.

Il 2018 è l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale “Un anno per scoprire il nostro patrimonio culturale, in tutte le sue manifestazioni materiali, immateriali e digitali, quale espressione della diversità culturale europea ed elemento centrale del dialogo interculturale.” (www.beniculturali.it)

Come si sa un patrimonio racconta storie, può essere reinterpretato, è un bene comune che può essere in continua evoluzione e con questa mostra si vuole mostrare sia la storia di un territorio sia la qualità grafica di Giorgio Barbero che è considerato  tra gli artisti facenti parte di un ampio patrimonio sommerso e a rischio di dispersione, di autori che operano ai margini dell’arte ufficiale, un patrimonio valorizzato dal progetto Mai Visti e Altre Storie (www.maivisti.it), da InGenio Arte Contemporanea e Passepartout della Città di Torino, dal PARI, Polo delle Arti Relazionali e Irregolari dell’Opera Barolo e da Gli Acrobati di Fermata d’Autobus Onlus.

Le opere di Giorgio Barbero rappresentano uno scarto spaziale significativo fra un paesaggio dal carattere terrestre e un paesaggio astrale denso di particelle e di materia oscura: “Nella mia pittura rappresento satelliti spaziali, galassie ai confini del cosmo, momenti di espansione verso il futuro, un cosmo delle galassie da esplorare lontane anni luce. Io viaggio ai confini dello spazio, nella quarta dimensione, ed esploro i pianeti dei miei disegni sopra un razzo con tre propulsori…”

Piccole anticipazioni sul programma autunnale di valorizzazione dell’artista: il 28, 29 e 30 settembre presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo saranno esposte le due grandi opere restaurate di Giorgio Barbero con presentazione del volume dedicato agli eventi, Prinp Editore; si terrà inoltre un laboratorio dedicato. Proseguirà l’esposizione delle stesse nella collettiva Avamposto dall’11 ottobre al 30 novembre a Passepartout per l’iniziativa Torino Design of the City, verso una città più accessibile, a cura della Città di Torino con ulteriore presentazione del volume e laboratori per il pubblico.

Una collaborazione fra ASL Città di Torino e ASLTO3; Città di Torino: InGenio e Servizio Passepartout; Opera Barolo; Museo di Antropologia ed Etnografia, Università degli Studi di Torino; Fondazione Sandretto Re Rebaudengo; Associazioni: Forme in bilico, Artenne, Arteco, Fermata d’autobus, Futurino, Linea d’acqua; Cooperative Sociali: P.G. Frassati, La Rondine e Arte Pura, Chronos/Consorzio RISO.

Si ringraziano le gallerie: Gli Acrobati, Franz e Davide Paludetto, Opere Scelte.

 

INCONTRI, VISITE GUIDATE E LABORATORI GRATUITI, ADATTI A TUTTI

A CURA DI ARTENNE E FORME IN BILICO

Palazzo Barolo, appartamenti Elena Matilde e cantine

DA GIOVEDÌ 24 MAGGIO A DOMENICA 17  GIUGNO

Per iscrizioni inviare una mail a:

artenne.artenne@gmail.com o compilare il form di iscrizione: https://goo.gl/forms/DutkszTo8nGcaEZF3


per approfondimenti sui laboratori apri il comunicato stampa