Il teatro e l’arte al servizio del sociale, strumenti di costruzione di buone relazioni con se stessi e con gli altri, alleati spesso in percorsi di riabilitazione e cura, anche all’interno di contesti di disagio e fragilità. Di questo si sta ragionando in questi giorni, ogni sera alle ore 18, presso il teatro San Carlino di Roma (Villa Borghese) grazie all’iniziativa di “Generare arte sociale”. Un’iniziativa voluta da “Oltre le Parole onlus e “Dire Fare Cambiare”, che – spiegano i promotori – “intende mettere in connessione e dialogo le realtà di arte e teatro nel sociale, le istituzioni e i professionisti del settore, allo scopo di utilizzare le arti come mezzo di aggregazione culturale, espressività artistica e contro il rischio di emarginazione delle parti della società più fragili o invisibili”. I dialoghi tra associazioni, istituzioni, professionisti sono organizzati a margine e come scambio di conoscenza e buone pratiche del progetto europeo “Restore” di cui “Oltre le Parole onlus” è capofila e Dire Fare Cambiare partner associato (presenti a tutti gli incontri i partner europei del progetto Erasmus Plus: Magenta Consultoria (Spagna), Pele (Portogallo), Smashing Times (Irlanda), Pro SocDrustvo (Slovenia ), TeatrGrodzky  (Polonia).

Dopo gli approfondimenti su benessere nelle città, voci di donne e violenza, carcere, giovani e bambini, venerdì 18 settembre, all’interno della manifestazione, e in collaborazione con il Contact Center Integrato SuperAbile INAIL, l’appuntamento delle 18 sarà un confronto sul teatro e le arti applicate alla disabilità, non trascurando le disabilità conseguenti agli infortuni sul lavoro.

Interverranno Giovanni Sansone (direttore responsabile del Contact CenterIntegrato SuperAbile INAIL), Antonella Patete (coordinatrice della rivista SuperAbile INAIL), Elisabetta Proietti (giornalista di Redattore Sociale), Nino Pizza (regista compagnia Non tanto precisi,) Daniela Alleruzzo (associazione L’Arte nel cuore), Suzana Slatovic  e Simone Di Pascasio (Teatro buffo). Nello spazio del teatro San Carlino è inoltre allestito, per i cinque giorni della manifestazione, un corner di SuperAbile con materiale informativo.

Fonte:  RedattoreSociale