CHAMOIS – L’appuntamento è per sabato 23 e domenica 24 giugno a Chamois. Quest’anno, in cartellone, gruppi provenienti da Toscana, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta.

Torna, sabato 23 e domenica 24 giugno, “MusicAbilmente”, il festival – giunto alla quarta edizione – che unisce musicisti con disabilità e normodotati in concerti in piazza, organizzato dall’Associazione “Insieme a Chamois – Enzembio a Tzamouè”con il sostegno del Consiglio regionale, dell’Assessorato alla sanità, del Consorzio del Bacino Imbrifero Montano, del Comune e della Pro Loco di Chamois.

I gruppi che in cartellone quest’anno provengono da Toscana, Lombardia, Piemontee Valle d’Aosta e porteranno approcci diversi per realizzare percorsi formativi e riabilitativi con risultati simili tra loro, nella cornice ideale di Chamois.

“MusicAbilmente” è un progetto nato per creare, a tutti i livelli, occasioni di incontro e di esibizione della propria “arte di fare spettacolo” nonché occasione di riflessione  sulle reciproche esperienze:  a tutti i musicisti il festival consente di vivere un’esperienza intensamente formativa; per i loro educatori e docenti è occasione  di confronto e riflessione sulle buone prassi, su approcci e metodologie applicate, sui risultati conseguiti; per il pubblico rappresenta un’opportunità di avvicinamento e partecipazione ad una realtà tanto intensa quanto delicata e sensibile, che non sempre si riesce ad apprezzare così da vicino. La direzione artistica del festival è stata affidata ad Enrico De Palmas.

Il programma:

Sabato 23 giugno, nella piazza di Chamois, alle 15 si esibiranno i “Fulmini in linea retta” di Aosta, mentre alle 16 sarà il turno di “One eat one” di Livorno. La sera, alleore 21 ci si sposterà all’Hotel Bellevue per la “Jam session”.

Domenica 24 giugno, sempre in piazza, è prevista una tavola rotonda alle 10.30, nella quale educatori, musicisti e docenti si confronteranno. Nel pomeriggio sarà di nuovo musica, alle 15 con “Tra silenzio e baccano” di Chieri e alle 16 con“AllegroModerato InBand” di Milano.

Sono anche previste dirette web radio dei concerti e della tavola rotonda a cura de“IKasellanti” di Radio Ohm, redazione formata da utenti adulti disabili ed educatori professionali di Chieri – in provincia di Torino –, mentre la collaborazione logistica sarà assicurata dai giovani della Fondazione Sistema Ollignan.

Fonte: AostaSera