Venerdì 23 marzo alle ore 17.00 nella Sala espositiva del Museo della Città in piazza Cav. della SS Annunziata, avrà luogo l’inaugurazione della mostra: “Schedati, Perseguitati, Sterminati: malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo”.

Si potrà inoltre vedere una mostra aggiuntiva a cura della Società Italiana di Psichiatria  “Malati manicomi e psichiatri in Italia. Dal ventennio fascista alla seconda guerra mondiale”

Il progetto espositivo è all’interno della manifestazione “Quello che tutti chiamavano manicomio”, realizzata e promossa dalla Città di Collegno, dall’AslTo3 e dalla Regione Piemonte, con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, nell’ambito delle celebrazioni del 40° anniversario della Legge Basaglia e dell’abbattimento del muro delmanicomio di Collegno.

La mostra

La mostra è il frutto di un lavoro di ricerca e ricostruzione storica effettuato dalla Società di Psichiatria, Psicoterapia e Psicosomatica Tedesca sulla persecuzione nazista nei confronti dei malati psichici e dei disabili: il famigerato programma “Aktion T4”, a partire dal 1934, ha determinato la sterilizzazione di più di 400.000 persone e l’assassinio di 200.000 ricoverati in istituti psichiatrici o di assistenza.

La mostra indaga sui modi di pensare e sui modelli di comportamento che resero possibili questi omicidi di massa.

La mostra fu inaugurata a Berlino nel 2014 nel parlamento tedesco ed è esposta in tutto il mondo. La traduzione italiana a cura di Netforpp Europa è stata esposta per la prima volta, nel maggio 2017, presso la sede del Vittoriano di Roma, sotto l’alto patrocinio del Presidente della Repubblica. Conoscere e comprendere le atrocità del passato è importante per capire il mondo di oggi, i suoi drammi, i conflitti, le tragedie e la crescente intolleranza nei confronti del diverso.

Nella sezione italiana della mostra si sono volute evidenziare le conseguenze concrete dell’applicazione di un’ideologia discriminatoria e razzista come quella della legge del 1938. L’adesione all’ideologia fascista portò a un aumento sia dei ricoveri che della mortalità nei manicomi. Inoltre, psichiatri, operatori ebrei e le loro famiglie subirono gravi discriminazioni, dalla perdita del lavoro fino alla deportazione.

All’esposizione di Collegno sono stati riconosciuti i patrocini della Città Metropolitana, del Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale, della Comunità Ebraica di Torino e dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte.

L’inaugurazione

All’inaugurazione del 23 marzo saranno presenti numerose autorità invitate dal Sindaco di Collegno Francesco Casciano, dal direttore generale dell’Asl To 3 Flavio Boraso e dal Presidente della Cooperativa Il Margine Nicoletta Fratta.
I responsabili scientifici della mostra:  Frank Schneider di Aquisgrana,  Anne Lore Homberg per Netforpp Europa e Gerardo Favaretto di Treviso per laSip, interverranno in una tavola rotonda moderata da Enrico Zanaldapsichiatra Asl To3.

L’organizzazione della mostra è curata dalla Cooperativa sociale Il margine,la presidente Nicoletta Fratta spiega il perchè di questa scelta: ” Quando “il muro” è stato abbattuto, noi c’eravamo. La cultura ha permesso di superare il manicomio e riappropriarsi di quel luogo di detenzione: ispirati dalla caduta di quel muro, un anno dopo nasceva la nostra cooperativa sociale, con lo scopo di prendersi cura delle persone ai margini della società, da cui il nostro nome. Da 40 anni siamo al fianco del comune di Collegno, con un consolidato rapporto di lavoro, di stima e di fiducia con attività sociali ad attività culturali, laboratori didattici e animazione dedicata alle persone con disabilità fisica e psichica.
La nostra presenza sul territorio è forte, la conoscenza delle tematiche affrontate fa parte della nostra storia: per questo siamo il partner naturale nella divulgazione e nella custodia di immagini, testimonianze, disegni, racconti ed esperienze dirette, coinvolgendo la cittadinanza e le scuole in un percorso dedicato alla memoria di sofferenze ingiustificate”.

Il programma

  • Ore 17 Saluti delle autorità
  • Interventi tecnico-scientifici – Moderatori: Enrico Zanalda, Vincenzo Villari
  • Ore 17,30 Frank Schneider DGPPN
  • Ore 18,00 Annelore Homberg Netforpp Europa
  • Ore 18,20 Gerardo Favaretto SIP
  • Ore 18,40 Serena Corio Netforpp Europa
  • Ore 19,00 Chiusura lavori

La mostra proseguirà fino al 13 maggio 2018
dal mercoledì alla domenica ore 15.00 – 19.00 con ingresso è libero

Informazioni

  • comunicazione@ilmargine.it;
  • Cooperativa Il margine Tel. 346 0741339

 

Fonte: www.lagenda.news

(l.v./m.p.)