In questi giorni nei comuni di Margherita di Savoia, San Ferdinando di Puglia (Comune Capofila) e Trinitapoli ha preso il via il programma di Educazione alla teatralità “TeatrABILI”.
Il progetto promosso e gestito dalle Amministrazioni comunali dei tre comuni e dalle cooperativeTEATRABILI 2 locali Solidarietà Soc. Coop. Sociale, Consorzio Matrix (rappresentato dalla Cooperativa Airone) e Sanità Sociale Soc. Coop. Sociale, ma comunque aperto ad accogliere chiunque condivida lo spirito solidaristico dell’iniziativa, è diretto allo svolgimento di attività innovative, quali terapie occupazionali per adulti con disabilità, attività post-scolastiche per minori, momenti di aggregazione e socializzazione per anziani.
«L’obiettivo del corso – Come ha dichiarato a margine del primo incontro del gruppo sanferdinandese di “TeatrABILI” l’Assessore alle Politiche Sociali e Pari Opportunità del comune di San Ferdinando di Puglia Dott.ssa Arianna Camporeale –  è quello di rendere le nostre città più accoglienti e vivibili per tutti, realizzando dei veri e propri momenti di integrazione tra: minori , anziani, e persone diversamente abili. Nel teatro il “gioco dei ruoli”, l’espressione delle emozioni, la presa di coscienza di sé e del proprio corpo, permetterà di vivere momenti in cui ognuno potrà raggiungere consapevolezza delle proprie capacità relazionali, comunicative, e di potenziamento della propria autostima. Il teatro, “l’educazione alla teatralità” diventano, attraverso questo lavoro, occasione e strumento di crescita per il nostro territorio, perché portano ricchezza ed esperienze e costituiscono un veicolo di scambio reciproco ed un momento di valorizzazione delle diversità di ciascuno».
Il percorso di “TeatrABILI” rivolto ad un gruppo di 7-10 persone (minori e/o anziani normodotati o con disabilità medio-lieve inviati dall’Ufficio di Piano) pTEATRABILIer ogni singolo comune, e ai loro accompagnatori (individuati nella misura minima di 4 unità a comune), sarà suddiviso in 15 incontri tematici (per la durata di 21 ore complessive), durante i quali, grazie all’utilizzo di varie tecniche e materiali di lavoro (es: esercizi di respirazione per il corretto uso del diaframma, studio delle principali regole fonetiche, “colorazione delle parole”), sarà spronata la fantasia e la creatività di ogni singolo partecipante in un contesto ricco di stimoli espressivi ed aperto alla sperimentazione volta alla scoperta di se stessi, che condurrà alla costruzione di un semplice ma sicuramente importante progetto creativo, comprendente anche la realizzazione di un elaborato multimediale finale nella forma del cortometraggio.

Fonte: ilpaesano.it
(m.j.p./e.v.)