Giovedì, alle ore 21, al Teatro degli Atti di Rimini la rassegna Teatropergioco si conclude con l’atteso debutto del nuovo spettacolo del Laboratorio PsicoSociale Alcantara: La Tempesta – Quadri da William Shakespeare, conduzione Laboratorio e regia di Damiano Scarpa con la collaborazione di Anna Rita Pizzioli, drammaturgia di Lorella Barlaam, stage di formazione sullo spettacolo condotto da Alessandro Serra/Teatropersona.ALCANTARA

Un progetto in collaborazione con Comune di Rimini, Progetto di Educazione alla Memoria, Piano Distrettuale per la non autosufficienza e Quartiere Cinque.

L’incontro con Shakespeare rappresenta una tappa importante nel pluriennale cammino, umano e artistico, dell’affiatato gruppo di undici attori con disagio mentale e di comunicazione del Laboratorio PsicoSociale, condotto da Damiano Scarpa e Anna Rita Pizzioli di Alcantara assieme allo storico nucleo di educatrici/attrici che a ogni edizione si arricchisce di nuovi partecipanti e contributi.

Per il terzo anno, grazie alla collaborazione con il Progetto Educazione alla Memoria del Comune di Rimini, hanno partecipato al Laboratorio anche 15 studenti riminesi, maturandi e universitari, che hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con la disabilità attraverso un rapporto diretto: emotivo, affettivo e fisico. Sei i ragazzi che hanno deciso di contribuire all’allestimento dello spettacolo conclusivo. Il Laboratorio PsicoSociale è infatti uno spazio di non-giudizio, un luogo di libertà dove riconoscere le reciproche differenze e farne motivo di arricchimento. Un’avventura collettiva che ripensa i confini della normalità, esplora territori indefiniti, per comprendere i confini interiori di ognuno. Al tempo stesso è anche un’officina di ricerca teatrale e negli anni ha costruito una propria, originale, identità artistica.

Per approdare agli incanti del celebre testo shakesperiano il Laboratorio Psicosociale – fedele a una tradizione di contaminazione che nel tempo lo ha visto collaborare con importanti esponenti del teatro della disabilità come Antonio Viganò, Enzo Toma e Antonio Catalano – si è questa volta confrontato con Alessandro Serra, regista della compagnia Teatropersona con cui conduce una interessante ricerca fra corpo dell’attore e composizione dell’immagine dando vita a spettacoli evanescenti e onirici. La contaminazione tra Serra, Alcantara, gli attori del Laboratorio, gli studenti e la drammaturga Lorella Barlaam ha provocato la scintilla per un lavoro di sperimentazione che ha portato a una messa in scena tutt’altro che tradizionale.

La Tempesta del Laboratorio PsicoSociale vive di suggestioni, soprattutto visive, ispirate alla commedia del Bardo. Quadri, in cui la narrazione è scandita dal rapporto fra immagine, luce, musica e movimento corale. Lasciando alla parola pochi momenti, scarni ed essenziali. Un magico viaggio che, ancora una volta, rivela al pubblico, attraverso la poesia del teatro, i misteriosi percorsi dell’approccio artistico e umano alla diversità. Per imparare ad apprezzare la sincerità con cui i disabili mentali narrano le loro storie e manifestano le loro emozioni, gettando il nostro sguardo oltre i cliché.

Ingresso a donazione libera a sostegno delle attività del Laboratorio PsicoSociale.

Fonte: riminitoday.it
(e.v.)