E’ un’idea del bolzanese Andrea Bianco accolta dalla Scuola di Arte Sacra con sede alle Cascine. Testimonial: Sergio Staino.

“Il tatto non è un’alternativa alla vista. È qualcosa di diverso, un canale percettivo in più che tutti, anche i vedenti, dovrebbero imparare a usare e sfruttare al meglio”. È un piacere ascoltare il bolzanese Andrea Bianco che parla di arte, che descrive una scultura, che racconta il suo modo di vivere e creare. Le sue opere sono dei piccoli grandi capolavori, che assumono ancora maggior valore artistico considerando che non le vede. Andrea Bianco è cieco. Ma non si è certo lasciato scoraggiare da questo limite fisico. Anzi, ha ideato un corso di scultura dedicato ai non vedenti e ipovedenti, accolto con entusiasmo dai responsabili della Scuola di Arte Sacra di Firenze, la prima realtà di alta formazione al mondo tutta dedicata all’arte e all’artigianato sacri, con sede alle Pavoniere alle Cascine di Firenze. Per due settimane, dal 13 al 25 luglio, 10 artisti in erba ma con qualche esperienza già alle spalle potranno seguire un corso intensivo e avanzato guidati da un maestro d’eccezione: il Maestro Anthony Visco, già docente di scultura alla New York Academy of Art e all’Università della Pennsylvania, e da quest’anno docente alla Sacred Art School. Sarà affiancato da alcuni allievi della Scuola in qualità di tutor. Le sculture che saranno create durante questa eccezionale esperienza saranno poi esposte nel mese di settembre all’EXPO di Milano. Il corso è gratuito: grazie anche all’intervento di alcuni sponsor, di una cena di raccolta fondi e al coinvolgimento di partner istituzionali come il Comune di Firenze, l’Unione Italiana Ciechi, il Movimento Apostolico Ciechi, il Ministero per l’Istruzione e il MIBAC (Ministero per i Beni Ambientali e Culturali), per il partecipante non sono previste spese. Ognuno avrà diritto alle lezioni, ai materiali e attrezzi di lavoro, alle visite ai musei, al vitto e all’alloggio e al servizio di trasporto per gli spostamenti necessari. Per iscriversi al corso occorre presentare domanda entro il 29 maggio, compilando un modulo scaricabile dal sito internet della scuola www.sas-f.com e fornendo le foto delle opere già realizzate in formato jpeg.

Entro il 12 giugno la Commissione esaminatrice confermerà l’ammissione al corso. Ricevuta la comunicazione i partecipanti ammessi dovranno versare una quota simbolica di € 250,00 Il corso ha anche un testimonial d’eccezione: Sergio Staino insieme al suo “Bobo”, rappresentato in una vignetta che fa da apripista all’iniziativa. Il corso è promosso in collaborazione con l’Associazione Art@ltro, promotrice della mostra “I sensi dell’Arte” dedicata a scultori non vedenti e ipovedenti, e la società Pemart s.r.l., che a Carrara organizza il simposio di scultura per non vedenti nel mese di agosto. “Non si tratta di un’operazione di pietismo – spiega il direttore della Sacred Art School Firenze Giorgio Fozzati -: la scuola ha l’impegno di insegnare, gli allievi di apprendere, senza sconti, senza commiserazioni fuori luogo. La formazione artistica che intendiamo proporre è tesa ad aiutare gli artisti a esprimere con la scultura i loro sentimenti e aspirazioni più profonde”. La Scuola di Arte Sacra è stata fondata da un gruppo di artisti e artigiani su idea dello scultore irlandese Dony MacManus. Vuole formare una nuova generazione di giovani talenti dell’artigianato e dell’arte capaci di utilizzare un insieme di competenze culturali, antiche lavorazioni artistiche e nuove tecniche di produzione per l’arte sacra cristiana. Al centro di tutto c’è la figura umana da interpretare attraverso le emozioni e l’astrazione, intellettuale o visiva, partendo dalle basi della conoscenza accademica. I docenti sono artisti e artigiani di livello internazionale tra i quali Dony MacManus, Cody Swanson, Paolo Penko, Ignacio Valdès e Gabriele Maselli, ma anche il maestro di pittura figurativa Silvestro Pistolesi (allievo di Pietro Annigoni), il pittore sivigliano Ignacio Valdès, pittore sivigliano e appunto Anthony Visco Tra le varie materie, gli studenti (che arrivano da tutto il mondo dopo un’attenta selezione) ci sono disegno, pittura, scultura, oreficeria ed ebanisteria; storia dell’arte, teologia, progettazione dello spazio sacro, elementi liturgici, sacra scrittura, gestione delle imprese artigiane. Per ogni informazione: Sacred Art School Firenze Onlus: www.sas-f.com info@sacredartschool.com tel: +39 55 350376 (dalle 9am alle 13.30 am)

Fonte: lanazione.it

(m.j.p./m.p.)