Una nuovissima collana di graphic novel che racconta le mille sfumature della diversità, tra suggestioni oniriche e narrazioni fantastiche. Curatrice del progetto editoriale la scrittrice e blogger sarda Micol Beltramini.Una collana di graphic novel che ha per oggetto la diversità nelle sue tante sfaccettature: è “Psycho Pop” una delle novità presentate al Salone del Libro di Torino 2014. A lanciarla è la casa editrice milanese B, che ha scelto come sua curatrice la scrittrice e blogger sarda, Micol Beltramini, che è possibile seguire in quest’avventura attraverso la sua pagina facebook. “Volevo parlare della vita nelle sue accezioni più inquietanti e struggenti, e volevo farlo con l’allegria malata dei camioncini dei gelati americani, solo apparentemente innocui. – spiega – Una sera, non ricordo più dove, ho visto un’immagine. Ho pensato che Psycho Pop per me era esattamente quello: un lecca lecca con dentro una lametta. O una lametta con un lecca lecca intorno, è uguale”.
Raccontare temi complessi come il disagio giovanile, l’autismo, il razzismo, le malattie mentali, la violenza e la discriminazione, con un tono ironico, leggero, a volte addirittura cinico e con immagini fantastiche, bizzarre, potenti: è questo l’obbiettivo principale cui si è ispirata come editor fumettistico. Perchè – stando alle sue parole -, “la vita non si riduce a un dramma, in quanto le distorsioni della realtà nascondono spesso un sottile strato di zucchero”.

Tre artisti internazionali sono gli autori delle prime tre opere, pluripremiate all’estero: Blue di Pat Grant (opera prima di un ragazzo australiano), Condizioni di Nate Powell (considerato uno dei più talentuosi fumettisti del panorama attuale) e Marbles di Ellen Forney (famosissima in America ma pressoché sconosciuta nel mercato editoriale italiano). Pur affrontando temi diversi, tutti e tre in fondo raccontano i tanti volti della sofferenza umane e, soprattutto, il coraggio di affrontarla in modo propositivo e non convenzionale.
Marbles è ad esempio il viaggio attraverso la malattia che ha cambiato la vita dell’autrice: all’età di trent’anni Ellen scopre di soffrire di un disordine bipolare e, posta di fronte alla scelta tra una vita scandita da limitazioni e trattamenti medici e un futuro altro, lei ha preferito quest’ultimo. Ha preferito sfruttare e canalizzare il suo disagio nella creatività e nell’espressione artistica. Oscillando tra realismo e suggestioni visive, questi fumetti si riveleranno per il lettore di grande impatto emotivo. E’ prevista la loro uscita nel mercato italiano tra il mese di maggio e di giugno.
(e.v./m.p.)