Un percorso in più momenti alla scoperta di un silenzio speciale: quello delle persone autistiche.

La bellezza e la creatività si nascondono, talvolta, nei luoghi più impensati, anche nella malattia o nella disabilità. Per accorgersene basta cambiare il punto di vista.

DISEGNO I MIEI PENSIERI.

IL MIO MONDO È UN ARCOBALENO DI COLORI.

I COLORI SONO I MIEI UMORI E LE PAROLE CHE NON RIESCO A DIRE.

(Andrea Antonello)

Lo scopo della manifestazione  è da un lato evidenziare gli esempi di persone che hanno saputo trasformare la difficoltà in bellezza, divulgandone gli intenti le modalità o i progetti; dall’altro è quello di informare, individuando opportunità, diritti, norme, figure professionali ed anche necessità di intervento.

PROGRAMMA

La manifestazione si svilupperà tra novembre 2013 ad aprile 2014 con una serie di appuntamenti che cominceranno con

  • la presentazione del libro vincitore del premio Estense 2013 “Una notte ho sognato che parlavi”, di Gianluca Nicoletti, che si terrà  al Circolo dei Lettori il 15/11;
  • proseguiranno a fine novembre con un workshop e un convegno all’interno di manifestazione Arte Plurale, organizzata da InGenio e dal Comune di Torino.

Il Workshop si intitolerà  DISEGNA LE PAROLE CHE NON RIESCO A DIRE e si strutturerà come un Pomeriggio di condivisione per dipingere insieme su una TELA BIANCA con street artist, pittori, fumettisti, ragazzi autistici e arte terapisti che tradurranno il silenzio in disegni e colori, perché di fronte a una tela siamo tutti uguali e perché, attraverso il disegno e la pittura, si può parlare anche senza parole. A cura di Sara Boggio e l’Associazione Mondi Possibili di Torino.

Su tutto questo, e in particolare sul workshop, vorremmo realizzare un breve documentario, che racconti il processo creativo dal momento dell’ideazione al momento della realizzazione, della condivisione artistica tra i ragazzi e gli operatori/artisti. Questo per mostrare sia il lavoro degli operatori, la passione, la professionalità, le problematiche esistenti, ma soprattutto per mostrare la sensibilità dei ragazzi che partecipano al workshop e la loro capacità di espressione e comunicazione attraverso il disegno, la scultura, la pittura, l’arte.

Inoltre, in aggiunta a quanto scritto fino ora, che è tutta la parte certa del programma,  ci proponiamo di realizzare quanto di seguito, attualmente in fase di organizzazione:

  • nel nuovo anno avrà luogo un ciclo di incontri sempre al Circolo dei lettori dove saranno protagonisti quei padri (G. Nicoletti, M. Gallardo, N. Horby, F. Antonello) e familiari che sono riusciti a tradurre la patologia in qualcosa di costruttivo, messi a confronto anche con personalità del mondo della cultura, politica e spettacolo.

A culmine di questo, si inseriranno i momenti dedicati all’arte con

  • una esposizione a cielo aperto con opere realizzate da Writers e Street Artist, (GEC, OPIEMME);

una mostra in cui cercheremo di portare in italia le opere dell’illustratore australiano Shaun Tan, Temi e atmosfere cari all’autore sono una realtà in apparenza ‘normale’, che un elemento immaginario, onirico, surreale trasfigura in un mondo ‘altro’. I suoi personaggi, un campionario quanto mai vasto di straordinarie creature fantastiche, hanno una caratteristica in comune: soffrono di disapparentenenza, sembrano cioè non appartenere a nessun luogo. Il superbo tratto di Shaun Tan reclama, per ciascuno di essi, il posto che il mondo ordinario pare avergli sottratto.

www.mondipossibili.net