Il 3 dicembre è la giornata internazionale delle Nazioni Unite dedicata alle persone con disabilità. foto spettacoloQuesta è stata istituita nel 1981 al fine di promuovere una migliore comprensione delle questioni legate alla disabilità a partire dai diritti delle persone con andicap.

Quest’anno, la giornata è all’insegna della cultura. L’accesso alla cultura è infatti un diritto fondamentale sancito dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità (art. 30). Esso include la possibilità di entrare in luoghi come teatri e cinema, usufruire di programmi televisivi e di accedere a materiale culturale. Le persone con andicap devono inoltre poter esprimere la loro creatività artistica, non solo per sé stesse, ma anche per un arricchimento globale della società.

Purtroppo, la piena accessibilità dei luoghi e dei prodotti culturali resta ancora un’utopia. Lo stesso vale anche per l’espressione culturale da parte di persone con disabilità, che spesso, per pregiudizio, faticano ad imporsi nel nostro panorama artistico.

Per questo motivo, lunedì 3 dicembre, la Federazione Ticinese Integrazione Andicap ha deciso di promuovere il tema “cultura senza ostacoli – cultura per tutti” attraverso una serie di rappresentazioni teatrali alle quali avranno accesso le scuole della città di Locarno.

È così che, la mattina di lunedì 3 dicembre, a partire dalle 10.15, cinquecento ragazzi delle scuole elementari di Locarno assisteranno a “Il valore di un sorriso”, spettacolo di clown – mimo portato in scena dall’attore sordomutoMaurizio e la Pallina Rossa. Dopo la performance di Pallina Rossa, grazie all’intervento di un traduttore in LIS, la lingua italiana dei segni, sarà possibile per i ragazzi porre delle domande al protagonista in scena.

Il pomeriggio, a partire dalle ore 14.00, la compagnia integrata “Teatro Danz’Abile” sarà protagonista dello spettacolo di teatro- danza “Saggio selvaggio”, una riflessione tragicomica sulla disabilità e l’inclusione della persona con andicap nella nostra società. Parteciperanno a questa rappresentazione 400 ragazzi delle Scuole Medie di Via Varesi.

La sera, in occasione del match Bellinzona – Wohlen, presso lo stadio Comunale della capitale, saranno ospiti le tre squadre di calciatori con disabilità presenti in Ticino, l’ACB Special Golden Team, La Over 12 del FC Lugano e la squadra di adulti Azatlaf. I ragazzi avranno la possibilità di dare il calcio d’inizio alla partita. Dopo il match, tutti i tifosi saranno attesi presso il punto di ristoro “Tenda ACB” per partecipare ad un’asta benefica, con in palio le maglie dei giocatori.

In Ticino, oltre all’iniziativa della FTIA, sarà inoltre proposto al pubblico, il giorno 9 dicembre, presso il Teatro San Giovanni Bosco di Minusio, lo Spettacolo “voglio la luna”, dove Fabio, personaggio interpretato da un attore con sindrome di Down, decide di catturare la luna, senza però pensare alle conseguenze che questo gesto porterà al mondo…

Infine, è da segnalare l’iniziativa del Museo e Biblioteca di storia medica di rendere la propria esposizione didattica accessibile a tutti.

Fonte: ftia.ch

(m.p.)