Città di Torino > Casa e territorio >
Lo.C.A.Re. > Contributi a proprietari ed inquilini > Contributi a proprietari ed inquilini per favorire la stipula di contratti di locazione convenzionata attraverso la mediazione di LOCARE (agenzie sociali per la locazione)

Contributi a proprietari ed inquilini per favorire la stipula di contratti di locazione convenzionata attraverso la mediazione di LOCARE (agenzie sociali per la locazione)

La Misura è indirizzata a coloro che sono alla ricerca di un alloggio in locazione e che possiedono determinati requisiti; essi verranno aiutati nella ricerca di un alloggio in affitto con contratto convenzionato di lunga durata (da 3 anni + 2 a 6 anni + 2) e verrà riconosciuto un contributo una tantum sia al proprietario che all’inquilino, nonché le agevolazioni fiscali previste per chiunque stipuli un contratto d’affitto convenzionato

Possono accedere ai contributi previsti dalla presente Misura previa iscrizione a Lo.Ca.Re:

  • tutti i cittadini di nazionalità italiana o di un paese dell’Unione Europea (in caso di cittadini non appartenenti alla U.E. si deve essere in possesso di un regolare titolo di soggiorno);
  • coloro che risultano residenti o hanno un’attività lavorativa da almeno un anno nel Comune di Torino o in un comune appartenente all’Agenzia Metropolitana (Alpignano, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Piossasco, Rivalta, Rivoli, Settimo Torinese, Venaria Reale e Borgaro Torinese);
  • coloro che hanno un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore ad Euro 26.000,00 secondo la seguente scala di priorità:
    con ISEE pari o inferiore ad Euro 6.241,67;
    con ISEE superiore ad Euro 6.241,67 e pari o inferiore ad Euro 10.310,00 in presenza all’interno del nucleo famigliare di un componente ultra settantenne, o minore, o con invalidità accertata maggiore o uguale a 74%, o in carico ai servizi sociali;
    con ISEE superiore ad Euro 10.310,00 e fino ad Euro 26.000,00 quando sussiste una condizione di emergenza abitativa (sfratto, separazione, alloggio inidoneo, sovraffollamento, ecc…);
  • giovani fino a 35 anni che intendono costituire un nuovo nucleo famigliare (in tale caso, i requisiti di accesso fanno riferimento al nuovo nucleo).

Non possono accedere ai contributi previsti dalla presente Misura:

  • coloro che hanno un contratto di affitto in alloggi di categoria A1, A7, A8, A9;
  • i proprietari di alloggi di prestigio o di tipo civile in Italia;
  • i proprietari di alloggi di tipo economico nella provincia di residenza.

Contributi a fondo perduto per i proprietari

Verrà riconosciuto ai proprietari un contributo nella misura fissa di € 2.000,00 , valido per tutte le fattispecie di contratto convenzionato di lunga durata (ossia  3 + 2  –  4 + 2  –  5 + 2  e  6 + 2).

Tali contributi non sono cumulabili con i contributi concessi al proprietario per la Misura “Fondo Inquilini Morosi Incolpevoli.”

Contributi a fondo perduto per gli inquilini

Erogazione di un importo corrispondente a:

  • otto mensilità del canone per beneficiari con ISEE inferiore a Euro 6.241,67
  • sei mensilità del canone per beneficiari con ISEE da Euro 6.241,67 ad Euro 10.310,00
  • quattro mensilità del canone per beneficiari con ISEE da Euro 10.310,00 ad Euro 26.000,00.

Detti contributi a favore degli inquilini saranno utilizzati quale somma che andrà mensilmente scalata, per l’intera durata della prima scadenza contrattuale, dal canone di locazione concordato con Lo.C.A.Re., comprensivo, se richiesto, anche del deposito cauzionale. 

L’erogazione dei contributi ai proprietari e agli inquilini in emergenza abitativa tramite l’ufficio Lo.C.A.Re viene effettuata “una tantum”, vale a dire una volta per tutte ed è autorizzata a seguito della consegna della copia del contratto d’affitto convenzionato sottoscritto dalle parti e registrato.

Fondo di Garanzia in favore dei proprietari

Il Comune riconosce un Fondo di Garanzia a favore del proprietario che interverrà rispetto ad eventuali inadempimenti del conduttore e conseguenti spese legali, fino ad un massimo di 12 mensilità del canone di locazione. Tale Fondo è concesso ai proprietari che abbiano affittato l’alloggio a famiglie segnalate da Lo.C.A.Re (non precedentemente sfrattate per morosità) e sarà riconosciuto esclusivamente per i contratti dove l’incidenza del canone sul reddito degli inquilini sia compreso tra il 30 e il 33 % in relazione al numero dei componenti.

Tabella Reddituale per accedere al Fondo di Garanzia

Componenti Limite minimo  per l’accesso al Fondo di Garanzia
(da calcolare con la percentuale di incidenza del canone sul reddito)
Percentuale di incidenza del canone sul reddito
fino a 2 persone € 8.000,00 30%
3 € 8.500,00 31%
4 € 9.500,00 32%
5 e oltre € 10.500,00 33%

Il pagamento del Fondo di Garanzia sarà autorizzato solo dopo che il proprietario sia rientrato in possesso dell’alloggio ed abbia presentato idonea documentazione (procedura di sfratto, copia del decreto ingiuntivo per recupero del credito o nota di motivazione per l’assenza del decreto ingiuntivo, copia di fatture o parcelle quietanziate relative alle spese legali, riepilogo contabile della morosità maturata o altra documentazione se richiesta). L’Amministrazione si riserva, anche successivamente all’erogazione del F.d.G., azioni di recupero delle somme erogate a garanzia di inquilini che si sono resi morosi in assenza di validi motivi.

Autotutela

Sulla base degli indirizzi regionali, la Città si riserva, nel corso della durata contrattuale, di verificare, anche a campione, il rispetto degli impegni contrattuali tra le parti.

In caso di anticipata disdetta contrattuale, senza giustificati motivi, prima che sia trascorso almeno un anno dalla stipula del contratto o qualora se ne ravvisi l’opportunità, la Città può, con nota motivata, negare l’erogazione dell’incentivo a favore del locatore e del contributo a favore del conduttore, ovvero procedere al recupero delle somme indebitamente percepite.

Gli uffici di Lo.C.A.Re. sostengono le parti nella stesura del contratto, fermo restando che le stesse possono procedere autonomamente; in ogni caso, prima della registrazione del contratto di locazione presso l’ufficio del Registro, le parti devono sottoporre la bozza contrattuale agli uffici di Lo.C.A.Re., per una verifica formale, al fine di prevenire la possibilità di una errata applicazione degli Accordi Territoriali.

Torna su

Stampa questa pagina

Condividi

Torna indietro