InformaLavoro

Città di Torino >
InformaLavoro > Come cercare lavoro > La ricerca attiva del lavoro: autocandidatura

La ricerca attiva del lavoro: autocandidatura

2 Luglio, 2014

Stampa

Il Centro Informagiovani di Torino propone una rubrica fissa dedicata alla ricerca del lavoro: tra i canali diretti, che prevedono la possibilità di metterci direttamente in contatto con un potenziale datore di lavoro senza fare riferimento a servizi di intermediazione, l’autocandidatura  è il più veloce, ma non sempre viene utilizzato in modo corretto. 

Come scegliere l’azienda

Per rendere la ricerca maggiormente efficace, è bene individuare un preciso settore di interesse all’interno del quale  chiedere se qualche azienda è alla ricerca di personale. Internet ci può aiutare a selezionare i destinatari della nostra comunicazione utilizzando i database per la ricerca delle aziende. è possibile raffinare la ricerca selezionando solo i soggetti che operano all’interno di un preciso settore merceologico o in un particolare territorio. Questi sono i principali database:

- www.kompassitalia.com  aziende in Italia e all'estero;

- www.paginegialle.it  pagine gialle online;

- www.infoimprese.it  imprese iscritte nel Registro delle Imprese;

- www.cercaziende.it  portale multilingue per la ricerca di aziende;

- www.aziende.it  piccole e medie imprese italiane;

- www.cittaditorino.net  imprese piemontesi;

- www.europages.com  annuario di aziende nel mondo. 

Anche Google, con il servizio Maps, può essere un buon alleato per la ricerca, consentendo di delimitare all’interno di una certa zona gli esercizi commerciali simili (es. tutte le panetterie all’interno di un quartiere). 

“Lavora con noi”

Se vi interessa lavorare in un settore preciso, prima  di mandare curriculum alle aziende provate a cercare se hanno un sito online, dove si può trovare una  apposita sezione “Lavora con noi”; ciò non significa che siano alla continua ricerca di personale ma semplicemente prediligono un tipo di selezione mirata, comunicando quali siano i profili a cui sono maggiormente interessati. Sui siti delle grandi aziende, la sezione comprende una presentazione della  filosofia che muove l’attività del marchio, le eventuali offerte in corso, le domande frequenti e alcuni consigli sulle modalità di candidatura. A titolo esemplificativo, si segnalano le sezioni “Lavora con noi” di alcune aziende:

- Ferrovie dello Stato Italiane      www.fsitaliane.it/lavoraconnoi.html

- Eni                                        www.eni.com/it_IT/lavora-con-noi/lavora.shtml

- Mondadori                              www.mondadori.it/Lavora-con-noi

- Finmeccanica                         www.finmeccanica.com/curriculum

- Poste Italiane                          https://erecruiting.poste.it/RiconosciCV.php

- Enel                                       www.enel.it/it-IT/carriere/selezione 

La candidatura

In caso di autocandidatura, la lettera di presentazione è ancora più importante del curriculum perché deve invogliare il selezionatore a contattarvi, anche se in quel momento non ci sono selezioni in corso.

La sua funzione è dunque strategica, soprattutto quando il curriculum non è fatto su misura rispetto alla società o alla mansione oggetto di interesse. 

Serve per motivare la propria candidatura, mettendo in evidenza le aspirazioni personali e professionali, le competenze, le attitudini e i punti di forza; inoltre spiegare e chiarire in poche righe (sei/sette al massimo) perché ci si proponga a quell'azienda, non in modo standard ma personalizzato. 

Forma e struttura

L’impostazione deve essere quella di una lettera professionale e contenere in alto a destra indirizzo dell’azienda, nome e cognome del destinatario (c.a. Responsabile Selezione) o dell’ufficio del personale. In alto a sinistra nome e cognome, indirizzo e contatti del mittente.

In posizione centrata e in grassetto occorre riportare l’oggetto della lettera, con il riferimento alla posizione per cui ci si vorrebbe candidare. Deve essere composta da quattro parti: il riferimento, l’obiettivo di lavoro, la conclusione e il congedo.

Se la sede di lavoro è lontana dalla propria residenza, può essere utile fare riferimento, nella lettera, a un domicilio di appoggio, che faciliti le opportunità di un incontro. 

Contenuto

La candidatura spontanea deve necessariamente contenere:

- la motivazione del candidato specificando le motivazioni che hanno indotto a inviare il curriculum a quell’azienda. Le spiegazioni possono essere diverse: abbiamo impostato il nostro percorso di studi puntando su quel settore, conosciamo l’attività e i progetti aziendali e siamo stimolati a impegnarci in quella direzione; occorre, quindi, prepararsi e cercare le informazioni. Internet a questo proposito è molto utile, in quanto quasi tutte le aziende hanno un sito o un profilo su un social network; 

- i punti di forza sono gli elementi che ci contraddistinguono, come per esempio un’esperienza formativa/lavorativa qualificante; un suggerimento è quello di evidenziare il valore che diamo alla collaborazione, perché siamo qualificati per quel lavoro e su quali competenze e disponibilità potrà contare l’azienda.

In caso di invio del curriculum tramite mail, la lettera di presentazione viene completamente sostituita dal testo del messaggio; rimangono inalterate le regole di composizione, privilegiando ulteriormente la sintesi. 

Gli errori da evitare

L’errore più diffuso in caso di autocandidatura è il cosiddetto invio “a pioggia”. L’utilizzo della posta elettronica per l’invio del curriculum ha sicuramente ridotto i tempi e i costi della spedizione, con il rischio però di compiere questa operazione con superficialità. Quando un datore di lavoro vede arrivare una candidatura generica, inviata insieme a un’altra serie di indirizzi  di posta, la prima impressione è di trovarsi di fronte a un candidato non attento e confusionario, che non ha perso nemmeno un minuto del suo tempo per capire a chi sta effettivamente scrivendo. A ogni indirizzo mail deve corrispondere un invio, indicando nel testo del messaggio il nome della persona o l’ufficio di competenza a cui si vuole indirizzare la comunicazione. 

Materiale informativo

Il Centro Informagiovani offre materiale informativo  in distribuzione gratuita sulla ricerca attiva del lavoro, comprese le Schede Orientative:

- curriculum e lettera di presentazione;

- colloquio di lavoro e processo di selezione;

- servizi di informazione per chi cerca lavoro a Torino;

- caccia al lavoro online. 

Le schede sono disponibili anche online all’indirizzo: http://bancadati.informagiovanipiemonte.it/schede-orientative

Torna indietro

Torna su