vai ai contenuti
vai al menu

home > servizi > centri di cultura > gioco > progetti e collaborazioni >giocare in ospedale

Giocare in ospedale: desiderio, opportunità o diritto?

21 novembre 2014 - Convegno nazionale
presso la Sala 300 del Centro Incontri della Regione Piemonte - corso Stati Uniti 23 - Torino

Nel 2014 ricorrono i 30 anni di attività del servizio Gruppo Gioco in Ospedale, che oggi è parte dei Centri di Cultura per il Gioco di ITER (Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile).
Il Convegno vuole essere l’occasione per riflettere sui bisogni e le aspettative degli utenti degli ospedali pediatrici, che in questi anni sono molto cambiati, evidenziando una crescente esigenza di mediazione nella comunicazione con bambine e bambini e con le famiglie, alla ricerca di una umanizzazione degli ospedali, nel rispetto dei diritti del malato. Tra le numerose esperienze presenti sul territorio nazionale è inoltre emersa l’esigenza di un confronto per sostenere l’impegno e il ruolo degli educatori del gioco, avviando un percorso per definire una figura professionale adeguata, sul genere del Play Specialist presente in alcuni paesi europei.

Il Convegno si articolerà nei seguenti temi:
Giocare in ospedale, opportunità e benessere per i bambini e gli adulti

  • Tavola rotonda: Giocare in ospedale si può o si deve? L’esperienza torinese, nei 30 anni di impegno dell’Amministrazione pubblica, si confronta con il pensiero dei Direttori dei Dipartimenti Ospedalieri OIRM e MARTINI

Relazioni magistrali

  • Il significato del gioco risorsa e opportunità per bambine/i in ospedale; la visione pedagogica - Raffaele Mantegazza
  • Il gioco come strumento quotidiano di benessere per bambine/i e le famiglie; la visione psicologica - Pia Massaglia
  • Quale formazione per quale figura educativa? Il ruolo dell’Università - Barbara Bruschi

Giocare in ospedale, desiderio o diritto per i bambini malati

  • Gioco educazione e malattia: il lavoro in equipe, il significato di accompagnamento dell’informazione a bambine/i e alla famiglia
  • Quale formazione per quale figura educativa, il ruolo dell’Università - Università degli Studi di Torino
  • Le esperienze di realtà differenti per costruire rete e condividere i percorsi attivati sul territorio nazionale - Comitato per il Coordinamento nazionale

È prevista la partecipazione di:
Piero Fassino, Antonino Saitta, Mariagrazia Pellerino, Cristina Coggi, Gianna Pentenero, Anna Maria Serafini, Raffaele Mantegazza, Pia Massaglia, Barbara Bruschi, Vinicio Santucci, Roberto Rigardetto, Franca Fagioli, Pina Teresa Capalbo, Mara Francese, Alberto Pineschi, Domenico Tangolo, Giulio Fornero, Marina Bertolotti, Marisa Sacco, Nicola Lupoli, Stefano Capretto, Anna Maria Venera, Renata Bronzino, Paola Viglione, Umberto Magnoni, Maria Carla Rizzolo

La partecipazione è gratuita, con iscrizione obbligatoria mediante la scheda allegata da inviare a: centrigioco@comune.torino.it
Seguirà per posta elettronica la conferma dell'iscrizione.
scarica il modulo di iscrizione
scarica il programma
scarica la locandina

per informazioni:
Centri di Cultura per il Gioco
via Fiesole 15, 10151 Torino
tel. 01101139400
centrigioco@comune.torino.it



crediti


torna su