vai ai contenuti
vai al menu

home > iniziative > summer junior university

Summer junior university 2016

Un’esperienza divertente e interessante per ragazzi e ragazze che hanno frequentato la seconda o la terza classe della scuola secondaria di primo grado.

Città di Torino, ITER - Università degli Studi di Torino - Politecnico di Torino - IAAD - Xké? Il laboratorio della curiosità - Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani onlus - CUS Torino

27 giugno - 15 luglio 2016

Presso il Politecnico di Torino, l’Università di Torino, lo IAAD, Xké? Il laboratorio della curiosità, la Casa del Teatro Ragazzi e Giovani, il CUS Torino è possibile scoprire il mondo universitario attraverso esperienze di laboratorio, entrando in contatto con una realtà nuova e stimolante.
Per un'intera settimana, dal lunedì al venerdì, ragazze e ragazzi sono accompagnati nelle diverse sedi, dove possono misurarsi direttamente, con il supporto e la supervisione di tutor, in diversi campi tecnico-scientifici e sportivi.

Periodo turni
1° turno: 27 giugno - 1° luglio
2° turno: 4 luglio - 8 luglio
3° turno: 11 luglio - 15 luglio
(N.B.: L’iscrizione a più turni è possibile. La richiesta sarà accolta solo in caso di disponibilità di posti liberi dopo l'accettazione delle domande di chi ha chiesto un solo turno)

Punti di ritrovo
I partecipanti si incontrano alle ore 8.00 e ritornano alle ore 17.00 presso un punto di ritrovo da scegliere tra i cinque disponibili. (N.B.: il punto di ritrovo di via Gaudenzio Ferrari non è disponibile per il terzo turno)
- Ludoteca L'Aquilone - corso Bramante 75 (1° e 2° TURNO ESAURITI)
- Ludoteca Serendipity - corso Orbassano 264 (1° e 2° TURNO ESAURITI)
- Ludoteca Drago Volante - corso Cadore 20/8
- Centro per la Cultura Ludica - via Fiesole 15/a
- Laboratorio Xkè? - via Gaudenzio Ferrari 1 (1° TURNO ESAURITO)
Tutti gli spostamenti da e per le sedi di attività avvengono con la presenza di due animatori.

Costi
€ 40,00 a settimana, comprensivi dell’assicurazione e del trasporto da e per le sedi di attività.
Il pranzo al sacco è a carico del partecipante.

PRE-ISCRIZIONE
È necessaria la pre-iscrizione all'attività che può avvenire solo utilizzando il modulo compilabile
scaricabile qui
che dovrà essere salvato, compilato e inviato via mail all'indirizzo: iter.sju@comune.torino.it
indicando i seguenti dati:
- cognome e nome del ragazzo/a
- indirizzo di abitazione
- recapito telefonico
- indirizzo di posta elettronica
- nome e sede della scuola frequentata
- classe frequentata
- turni settimanali scelti
- punto di ritrovo per partenza e ritorno con eventuale seconda scelta

ISCRIZIONE
Solo dopo aver ricevuto conferma via mail della pre-iscrizione è necessario compilare e firmare il modulo di iscrizione e la liberatoria recapitandoli unitamente alla ricevuta del versamento e copia del documento di identità del genitore firmatario tramite posta elettronica all'indirizzo iter.sju@comune.torino.it oppure consegnandoli presso l'ufficio Summer Junior University in via Revello 18.

scarica il modulo di iscrizione

scarica la liberatoria (manleva)

  >> Sintesi delle attivitą proposte

Quella che segue è una sintesi complessiva delle attività proposte durante le tre settimane. Il programma svolto dai rgazzi potrà quindi variare in base al turno scelto.

POLITECNICO DI TORINO
Giallo al Poli - Cerca gli indizi, fai la tua indagine, risolvi l’enigma!
Il metodo scientifico richiede una ricerca sistematica di informazioni e una continua verifica di quanto ottenuto. I ricercatori fanno proprio questo: raccolgono indizi, cercano percorsi e trovano la soluzione dei loro enigmi. Divisi in squadre, I ragazzi saranno introdotti in una situazione a sorpresa e dovranno utilizzare gli strumenti forniti da esperimenti scientifici pratici per risolvere l’enigma. Eseguendo semplici, ma rigorosi, esperimenti scientifici ed utilizzando strumentazioni di ricerca per la mappatura del territori.

Laboratori di Chimica, Fisica, Matematica
Utilizzando le loro conoscenze in matematica, seguiranno un percorso costruito da loro stessi. Nel laboratorio di chimica, saranno in pratica usati composti di tutti i giorni tipo aceto, bicarbonato, limoni, cavolo… e si osserveranno come la loro combinazione produce prodotti in forme diverse. Le esperienze proposte sono: ‐produzione di anidride carbonica ‐ indicatori naturali di acido base… ed altro ancora

Laboratorio di geomatica
Ricostruzione del modello 3D della suola della scarpa e alla misura della sua lunghezza a partire da foto scattate con una camera digitale commerciale. Le immagini verranno raddrizzate fotogrammetricamente, in maniera da fare le misure. Determinazione della lunghezza della suola per risalire al numero di calzata. Il modello verrà generato con il software professionale Photoscan.

Team studenteschi
I ragazzi visiteranno i laboratori studenteschi e avranno la possibilità di vedere e vivere l’ambiente universitario.
Sede: Castello del Valentino

Design Lab: Realizza il tuo poster
Laboratorio di sperimentazioni grafiche sul tema della sostenibilità ambientale applicata al consumo e produzione del cibo. A partire da inchiostri realizzati da scarti alimentari svilupperemo insieme un poster con tecniche grafiche differenti in grado di avvicinare in maniera ludica i ragazzi al tema della sana alimentazione e della consapevolezza alimentare.

L’edificio è un bosco!
Sapevate che l’architettura può essere anche un "bosco in verticale"? Che la natura progettata può essere uno degli elementi pensati negli spazi aperti, privati e collettivi, di edificio residenziale?
La visita al "25 verde", un edificio residenziale di recente realizzazione in via Chiabrera 25, vi permetterà di osservare nella realtà una architettura-giardino, con veri e propri alberi in grandi vasconi nei terrazzi degli alloggi: il verde, qui, è solo l’elemento più appariscente di una "macchina-edificio" pensata per risparmiare energia, acqua, e in generale per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente. Il workshop tematico consentirà di capire quale è il significato del verde in rapporto
ad uno spazio di architettura progettato: oltre che alla piacevolezza estetica, il suo ruolo è quello di proteggere dal sole in estate, di creare una barriera visiva e sonora, di creare un ambiente psicologicamente piacevole.
Come vorreste che fosse il vostro edificio-giardino del futuro?

Spazi pubblici ieri e oggi
C’è differenza tra un giardino costruito ieri ed uno realizzato oggi? Si riconosce qualche differenza evidente, nella organizzazione spaziale, nell’uso dei materiali, nella scelta della vegetazione?
La passeggiata negli spazi pubblici consentirà di paragonare, attraverso l’osservazione sul campo, il significato di piazze, giardini, viali nel pensiero progettuale del passato e in quello contemporaneo.
Il workshop tematico ti consentirà di costruire un modello in scala: come vorresti che fosse lo spazio pubblico del futuro?

Woodlab. Il legno per la costruzione di nuove architetture sostenibili
Con il legno in tutta Europa vengono oggi costruite scuole, case, alberghi e uffici. I cantieri per la costruzione di queste architetture, come nel gioco del lego, sono caratterizzati da un’attività di montaggio di elementi prefabbricati. Grazie all’analisi di alcuni esempi e una attività ludico-ricreativa i partecipanti avranno modo di sperimentare il valore ambientale delle nuove "foreste urbane" che stanno crescendo nelle nostre città.

La visione non è casuale - Visita guidata al piano nobile del Castello del Valentino
Per rispondere alla domanda: "Cosa significa quello che sto vedendo?", occorre ricordare che si capisce bene ciò che si vede solo se lo si conosce realmente. Dobbiamo dunque imparare a "vedere per capire e per crescere". L'esperienza proposta rappresenta un percorso di sensibilizzazione all'immagine, alla visione e alla percezione dello spazio per imparare a vedere e osservare ciò che ci circonda, non a caso ma più consapevolmente attraverso il disegno e la rappresentazione.
L'attività verterà sul Castello del Valentino per disegnarlo liberamente, e con approcci metodologici appropriati, anche attraverso stimoli che deriveranno dalla visita al Castello stesso, con un itinerario guidato.

La natura progettata
I parchi cittadini sono luoghi dell’uomo o luoghi della natura? In che modo l’uomo interviene in questi spazi facendoli apparire naturali? A cosa servono? Come si usano e come si curano?
Visita al Parco del Valentino ti consentirà di notare quanto di naturale e quanto di artificiale vi è in un giardino, cogliere il modo in cui le sue parti vengono progettate, organizzate ed utilizzate per diverse attività e funzioni.
Il workshop tematico ti consentirà di ricostruire il percorso della passeggiata al Parco, disegnando una mappa della presenza di vegetazione, flora, fauna, fiume, edifici e del modo in cui si usa il Parco e il suo territorio.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO
Scuola di scienze della natura (gruppo 1 – 1° turno)
I laboratori spazieranno dalla programmazione informatica al mondo dei solidi e della probabilità, dalla scoperta dei misteri nei fossili e nei minerali alla scoperta del mondo delle piante e dei funghi. Le attività coinvolgeranno in modo attivo i ragazzi, che potranno così sperimentare tematiche scientifiche attraverso il gioco e il divertimento.

Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria (gruppo 2 – 1° turno)
I laboratori verteranno sulle tematiche che seguono: “Apprendista Veterinario”, “Dal gene al seme”, “Api e mieli”, “All’ombra degli alberi….” e “Alla scoperta del suolo”.
Le attività proposte coinvolgeranno in modo cooperativo i ragazzi, che potranno così sperimentare tematiche scientifiche attraverso il gioco e il divertimento.

Scuola di Scienze Umanistiche (gruppo 1 – 2° turno)
Le attività prevedono il coinvolgimento diretto dei partecipanti in laboratori teorico-pratici di produzione video e di robotica educativa, rivolti alla stimolazione della creatività, della comunicazione e della programmazione tecnologica. Tutte le attività sono di gruppo e basate su dinamiche ludiche in cui gli studenti interagiranno tra loro.

IAAD - ISTITUTO D'ARTE APPLICATA E DESIGN
SESSIONE MATTUTINA - ATTIVITÀ DI DISEGNO “PROIETTIVO"
Ciascuno è chiamato a rappresentare attraverso un disegno la propria identità, non in termini di raffigurazione verosimile, ma costruendo una rappresentazione metaforica di se stesso.
In questa attività viene richiesto di disegnare, con il medesimo approccio, il proprio oggetto preferito - o rappresentativo - oppure l’oggetto che si desidera possedere, sia esso esistente o d’invenzione.
Nella seconda parte dell’attività mattutina i ragazzi sono quindi chiamati a presentarsi, esplicando le proprie scelte grafiche, in modo da utilizzare sia il disegno, sia questa esposizione come occasioni per presentare se stessi e farsi conoscere.
In questa attività viene contestualmente richiesto anche di indicare tre aggettivi per descrivere la propria personalità e il proprio carattere.

SESSIONE POMERIDIANA - LABORATORI DI DESIGN
L’attività pomeridiana si svolge attraverso le preferenze indicate dai ragazzi stessi fra i vari gruppi correlati ai corsi IAAD (Interior design, Transportation design, Communication design, Product design, Textile & fashion design), anche sulla base delle curiosità e delle propensioni di ciascuno.
L’attività è svolta in gruppi composti da 7-10 ragazzi.

Interior design
Dopo aver realizzato in gruppo la planimetria della loro casa dei sogni, ciascun ragazzo si occupa di creare in pianta il disegno di una camera o un negozio per poi costruire con il cartoncino un piccolo modello di studio su cui poter applicare gli arredi scelti e ritagliati.

Communication design
L'attività del dipartimento di Comunicazione ha come fulcro la creazione di un manifesto. Si spazia dalla creazione di un manifesto elettorale per la propria candidatura a “Sindaco dello IAAD”, all'ideazione e creazione di una mascotte per i giochi olimpici; infine si crea un vero e proprio manifesto pubblicitario per un prodotto, scelto direttamente dai ragazzi.

Transportation design
L’attività è impostata partendo dalla capacità dei ragazzi di risolvere problemi con idee anche non realizzabili, chiedendo loro di progettare, disegnandolo, un mezzo capace di viaggiare sotto terra, sott’acqua o volare, o in alternativa che abbia due o tutte le precedenti caratteristiche, il tutto senza tener conto per forza dei limiti della fisica, ma in ogni caso giustificando qualsiasi scelta progettuale. Successivamente viene chiesto loro, accompagnandoli nel ragionamento/dibattito, quali delle idee a livello logico, funzionale ed estetico siano le più giuste.

Textile & Fashion design
L’attività pomeridiana include la realizzazione di una mood board nella quale, attraverso la tecnica mista del collage e del disegno, sono raffigurate alcune tendenze e percezioni legate al mondo della moda. Inoltre i ragazzi realizzano un figurino di moda e il disegno di uno o più outfit, che mantengano coerenza stilistica con le tendenze rappresentate nella mood board. Il risultato delle attività viene poi presentato agli altri gruppi in un momento collettivo finale, a conclusione della giornata. I ragazzi possono portare con sé i prodotti grafici individualmente realizzati.

Product design
L'attività di product design è incentrata sullo studio geometrico dello sviluppo (da superficie a volume) di solidi. Vengono fornite ai ragazzi numerose figure geometriche piane regolari ricavate con taglio laser da un foglio di cartone vegetale rigido. Queste figure sono incollate, con accostamenti propri, su un foglio di salpa flessibile in seguito ritagliati e ripiegati per ottenere figure tridimensionali funzionali o poliedri.
Gli obiettivi dell’esercizio sono: indagine geometrica sullo sviluppo di solidi complessi, introduzione alla tecnica del taglio laser, esercizio del pensiero manuale e della manualità.

CASA DEL TEATRO RAGAZZI E GIOVANI
Laboratorio teatrale
Il Laboratorio è aperto a tutti i ragazzi che desiderano giocare al teatro o che semplicemente sono curiosi di scoprire cosa significhi stare sulla scena o dietro le quinte di uno spettacolo.
Durante la giornata i partecipanti potranno conoscere e vivere il teatro in tutti i suoi aspetti: le attività e i giochi proposti, infatti, oltre a creare un ambiente ludico dove trascorrere piacevoli momenti con gli amici e i compagni di corso, saranno occasione di apprendimento e formazione.
Avvicinare e far conoscere il mondo del teatro, approfondire le conoscenze tecniche in ambito attoriale e stimolare la creatività dei partecipanti saranno alcuni degli obiettivi principali del percorso.
A chiusura della giornata di avvicinamento al mondo del teatro, i ragazzi verranno guidati ad immaginare e sperimentare nel gioco teatrale la creazione di una messa in scena di cui saranno i protagonisti.

Narrare, recitare, cantare sono atti creativi a disposizione dell’uomo.
Essere creativi procura una sensazione di benessere e di soddisfazione
non solo in colui che crea, ma anche in colui che gode dell’atto creativo.

“Noi siamo della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni”,
dice Prospero nel quarto atto della Tempesta di Shakespeare
e proprio il teatro serve all’uomo per continuare a sognare e a giocare.

Dietro le quinte
Le attività cominceranno con una visita guidata interattiva alla Casa del Teatro che permetterà di esplorare il “dietro le quinte” di uno spettacolo teatrale. I ragazzi potranno vedere gli spazi dedicati alla creazione e realizzazione degli spettacoli e guardare da un punto di vista diverso le sale dedicate all'accoglienza del pubblico. Entreranno in teatro non come semplici spettatori ma come osservatori attenti di tutto ciò che avviene al di là del palcoscenico. La visita ai diversi spazi della Casa del Teatro sarà l'occasione per approfondire il ruolo e le attività legate alle molteplici figure professionali che ruotano intorno ad uno spettacolo. Il tutto avverrà attraverso un gioco delle parti, i protagonisti della visita saranno infatti i partecipanti alla Summer Junior University coinvolti in una particolare caccia all'identità.

Crea il tuo spettacolo
Il teatro si esprime attraverso molteplici linguaggi, come la musica, le arti figurative, la scenografia, i costumi, il testo, ecc. ai quali sono legati diversi ambiti lavorativi. Attraverso un gioco divertente e coinvolgente i ragazzi si sperimenteranno nell'arte della creazione teatrale. Fare uno spettacolo non significa infatti soltanto recitare, ma pensare e progettare i diversi aspetti, dalla drammaturgia alla scenografia, dal disegno luci ai costumi.
Divisi in gruppi di lavoro, come piccole compagnie teatrali, i partecipanti creeranno una proposta di messa in scena combinando tra loro i diversi elementi.

Attori in gioco
Dopo aver preso confidenza con il mondo del teatro e i suoi diversi protagonisti, ci si concentrerà sul mestiere dell'attore. Le attività e i giochi proposti saranno molteplici e varieranno durante l'arco delle settimane.
In laboratorio i ragazzi potranno sperimentare alcune tecniche attoriali di base:
- Il corpo e le sue possibilità espressive e comunicative, in relazione con lo spazio e con gli altri;
- Il respiro e la voce, nella ricerca di una maggiore consapevolezza di questo importante strumento di comunicazione e relazione;
- Il palcoscenico le sue caratteristiche, la presenza scenica dell'attore.
I giochi teatrali e gli esercizi proposti daranno la possibilità di acquisire una maggior consapevolezza di sé e delle proprie possibilità espressive, comunicative e relazionali. Raccontare se stessi giocando ad impersonare molteplici personaggi ed imparare ad organizzare la propria creatività secondo le regole del linguaggio teatrale. La finalità del gioco teatrale è quella di dare ai ragazzi la possibilità di sviluppare capacità di attenzione, relazione e integrazione, divertendosi in modo creativo in un ambiente ludico e in un clima non competitivo.

Protagonisti per un giorno
Nel pomeriggio le attività proseguiranno in vista di un breve momento teatrale che coinvolgerà tutti i partecipanti. Le competenze attoriali, apprese durante la mattinata, saranno la base per l'elaborazione di piccole rappresentazioni di gruppo. In questa fase lo strumento cardine sarà l'improvvisazione in cui gli oggetti, le parole, il movimento e il suono saranno lo stimolo per esprimere la propria fantasia e il proprio immaginario. Il prodotto sarà il risultato del percorso con il gruppo e riprenderà le idee, le proposte e i materiali (testi, oggetti, costumi, musiche...) frutto del laboratorio.

XKÈ? IL LABORATORIO DELLA CURIOSITÀ
Un gioco da ragazzi
I giochi di prestigio hanno una base di matematica? Cosa accade ai tavoli da gioco? Entra in gioco la fortuna o anche la scienza?
Una serie di giochi e attività su probabilità, “trucchi e illusioni” per evidenziare come spesso l’immediata intuizione possa risultare errata, mentre la soluzione si nasconde dietro una ragionamento logico-matematico-probabilistico:
- Con il trucco e con l’inganno
La magia non esiste… e la matematica lo dimostra! Gioco di prestigio basato sul codice binario e sul calcolo combinatorio, finalizzato a riflettere su calcolo dei casi possibili, su certezza/incertezza e sulla base matematica che sta dietro ai giochi di magia.
- Forse che sì, forse che no
La probabilità e le sue leggi (casi favorevoli su casi possibili)
- Probabilmente è proprio così
Giochi che mettono in pratica quanto appreso: probabilità semplici, di eventi disgiunti e di eventi composti, per parlare di senso critico, “evento” e “spazio degli eventi” la statistica nello studio della probabilità.
- Piccoli inganni
Serie di giochi che mettono in discussione le intuizioni errate legate ad un uso scorretto della probabilità per svelare le false credenze: il risultato intuitivo non è quello giusto.
- Collaborare conviene?
Si prova a capire come la collaborazione sia una strategia efficace per aumentare la probabilità di successo, se non addirittura un modo per passare dall’incertezza alla certezza.

Guarda che suono
Il suono ha una forma? Grazie a cosa si muove il suono?
Il suono è vibrazione di un corpo in oscillazione e tale vibrazione si propaga attraverso dei mezzi (aria, acqua o altri mezzi elastici) arrivando fino al nostro padiglione uditivo. Attraverso un complesso sistema interno al nostro orecchio e soprattutto grazie alla membrana timpanica queste vibrazioni vengono trasformate in segnale uditivo.
Attività per approfondire e analizzare dal punto di vista fisico la meccanica del suono in ogni sua parte, dalla sorgente sonora al mezzo di propagazione fino al padiglione auricolare.
Cosa è il suono dal punto di vista fisico, come si propaga, come si emette e una introduzione alla teoria della Cimatica.

Energiadi
Che cos’è l’energia? Quali forme di energia conosciamo? È possibile passare da una forma di energia all’altra? E come? L’energia si conserva? Perché l’energia elettrica è così importante e come possiamo produrla?
L’attività è un percorso interdisciplinare che si propone di esplorare il mondo dell’energia a partire dalla realizzazione dei primi prototipi di generatori elettrici, fino all’utilizzo delle moderne tecnologie nella gestione del sistema energetico. Come è possibile produrre energia elettrica a partire da diverse fonti (meccanica, chimica, termica, eolica, fotovoltaica, idrica…)? Una carrellata su vantaggi e svantaggi dei metodi di produzione di energia elettrica, per creare una classifica di massima in base alla loro convenienza.

Chimica-mente
Un breve percorso di chimica, partendo dalla vita quotidiana:
- Che esperienza del cavolo
I ragazzi estraggono dal cavolo rosso un pigmento, che permetterà loro di far scoprire se una sostanza è acida, basica o neutra. La temperatura influenza la solubilità delle sostanze? Che cos’è il PH? Qual è la scala di riferimento?
- E luce fu…
Costruzione di un circuito elettrico e verifica del diverso comportamento dei solidi e dei liquidi al passaggio di corrente. Tutte le soluzione create conducono corrente elettrica? Per quale ragione alcune conducono e altre no? Le soluzioni conducono tutte allo stesso modo?
- La bandiera italiana e il galleggiamento dei liquidi. La materia cambia forma?
Attività in cui si analizza il fenomeno del galleggiamento e si prende confidenza con le semplici leggi che descrivono le trasformazioni della materia. Perché i liquidi galleggiano? Cos’è il fenomeno della stratificazione? Quali liquidi sono più facili da stratificare?

Spiegare l’inspiegabile
Chi crede nelle magie? E nelle stregonerie? Quella che per lungo tempo è stata classificata come “magia”, non è altro che una serie di fenomeni fisici e chimici inaspettati che in passato non si riuscivano a spiegare con le leggi della scienza in quel momento conosciute. Ancorati all’illuminismo, l’attività vuole offrire spunti per padroneggiare il metodo scientifico (osservazioni, ipotesi, esperimento, spiegazione) anche per quel che riguarda fenomeni inaspettati e difficili da spiegare. Inoltre i giochi di crittografia e i messaggi cifrati, apparentemente incomprensibili, ad uno sguardo attento possono essere spiegati con trucchi matematici. Attraverso una serie di esperimenti sarà possibile far emergere teorie scientifiche, fenomeni spiegabili con le leggi della fisica, della chimica e con quelle della matematica, come ad esempio:
- la reazione tra diverse sostanze
- l’azione della pressione su materiali di diversa densità
- i movimenti convettivi dei fluidi
- il meccanismo di un messaggio cifrato
- i legami tra le molecole e il concetto di tensione superficiale

Il mondo piccolo
Un percorso nel campo della biologia per esplorare l’infinitamente piccolo e ciò che non è visibile ad occhio nudo sia nel mondo vegetale che animale:
- C’è ma non si vede
Non tutto è come sembra, spesso in ciò che appare uguale si nasconde qualche differenza che… c’è ma non si vede! Grazie ai microscopi, si possono osservare ad un livello ancora più piccolo, quello delle molecole, altre differenze, anche se è impossibile “vedere” una molecola di DNA, possiamo costruirne un modello…
- I cloroplasti al microscopio
Osservare dal vivo dove fisicamente si trovano i pigmenti e comprendere il concetto di cellula e organello cellulare, focalizzandosi sul cloroplasto: sede di accumulo della clorofilla e sito di svolgimento dell’attività fotosintetica... Ecco Xkè? le foglie sono verdi…
- Estrazione del DNA
“Vedere” e “toccare” il DNA estraendolo da un frutto e utilizzando pochi materiali di uso comune (detersivo per piatti, sale da cucina e alcool denaturato). Un ponte fra biologia, vita quotidiana e chimica.

CUS TORINO - CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO
Attività sportive proposte
Beach volley, volley, basket, atletica, tennis, golf, calcio a 5, lotta, tennis tavolo, orienteering, rugby, karate.

Programma
ore 9.00: arrivo al centro. Sistemazione negli spazi dedicati e consegna degli elenchi dei gruppi per le diverse attività. Formazione dei gruppi.
ore 9.30 - 11.00: prima attività
ore 11.00 - 11.30: pausa relax
ore 11.30 - 13.00: seconda attività
ore 13.00 - 14.30: pausa pranzo e relax
ore 14.30 - 16.00: terza attività
ore 16.00: preparazione e rientro

Al momento dell’iscrizione verrà richiesto ai partecipanti di compilare un elenco di cinque preferenze. Ogni partecipante dovrà pertanto scegliere, tra gli sport proposti, tre sport principali e due di riserva.
I gruppi di attività verranno composti secondo le preferenze espresse e cercando di formare gruppi il più possibile equilibrati.


Le attività potrebbero subire variazioni nel corso delle diverse settimane.


Info
ITER - ufficio Summer Junior University
via Revello 18
tel. 01101129104
iter.sju@comune.torino.it

 


crediti


torna su