Informa Casa - Le politiche per la casa e per lo sviluppo delle periferie



Comune > Casa e Territorio > Informa Casa > Politiche per la Casa > Coabitazione


Coabitazioni giovanili solidali

La Città di Torino si è posta da tempo l’obiettivo di favorire una maggiore coesione ed integrazione sociale negli ambiti urbani con rilevante presenza di edilizia sociale e condizioni di disagio, marginalità, disuguaglianza.  Lo strumento individuato per sostenere e facilitare questo processo è la realizzazione del Mix Sociale: ovverosia, tendere alla composizione di una architettura sociale, culturale ed economica diversificata come condizione per incidere positivamente in quei contesti territoriali  definiti/individuati/percepiti come “periferie urbane e sociali”. 

In questo contesto, si sviluppa il progetto “Coabitazioni Solidali Giovanili”, iniziativa  promossa dalla Città di Torino - Area Edilizia Residenziale Pubblica in collaborazione con l’Agenzia Territoriale per la Casa del Piemonte Centrale (A.T.C.), con il sostegno del Programma Housing della Fondazione Compagnia di San Paolo, e il coinvolgimento attuale di quattro organizzazioni del terzo settore (Associazione ACMOS, raggruppamento Cooperativa Sinergica - Associazione Cicsene, Cooperativa Il Punto, Cooperativa Liberitutti).

Che cosa sono

Le Coabitazioni Giovanili Solidali sono comunità di coabitazione, costituite in alloggi di proprietà pubblica (comunale o dell’A.T.C.) situati in quartieri di edilizia residenziale pubblica, o in ambiti urbani con elevata presenza di edilizia sociale, caratterizzati da grave degrado strutturale, disgregazione e marginalità sociale, disuguaglianze economiche; condizioni che hanno fortemente incrementato insicurezze e conflitti.
Sono composte da giovani volontari tra i 18 e i 30 anni che hanno scelto di vivere un’esperienza di autonomia in progetti di solidarietà. In cambio di un affitto ridotto al 10 % dell’equo canone, mettono a disposizione gratuitamente ognuno 10 ore a settimana del proprio tempo a beneficio dei cittadini residenti per  attività di sostegno, accompagnamento e supporto nel quotidiano, sviluppo di comunità.

Obiettivi 

  • Migliorare le condizioni di vita degli abitanti residenti nei diversi contesti attraverso la gestione creativa dei conflitti, interventi di animazione socio-culturale, educazione al consumo critico ed al rispetto dell’ambiente, promozione della cultura dell’accoglienza;
  • prevenire il degrado sociale e fisico negli stabili sostenendo il rispetto delle regole, l’uso corretto e il mantenimento degli spazi comuni;
  • promuovere una cultura dell’accoglienza di soggetti deboli contribuendo al superamento del pregiudizio verso “l’altro da sé”;
  • favorire l’accesso ai servizi e alle risorse del quartiere da parte dei cittadini in difficoltà, con creazione di rapporti di vicinato solidale per favorire l’emersione del bisogno e l’individuazione di soluzioni condivise;
  • sviluppare l’autonomia abitativa dei giovani nell’ambito di progetti di solidarietà sociale e incentivare la nascita di nuovi modelli di vicinato attivo.
  • favorire la realizzazione di una rete di comunità solidale attraverso azioni mirate.

Dove sono

Le Coabitazioni Solidali attualmente costituite sono n. 6  in alloggi di proprietà comunale, n. 1 in alloggi di proprietà dell’Agenzia Territoriale per la Casa del Piemonte Centrale,  diffuse in 6 quartieri cittadini: Centro, San Salvario - Lingotto, Madonna di Campagna - Borgo Vittoria, Mirafiori Nord, Barriera di Milano e Aurora. L’età media dei volontari è di circa 26 anni, prevalentemente laureati o con laurea in corso e studenti-lavoratori, con precedenti esperienze di volontariato o lavoro etico anche all’estero.  

  • Comunità dei Tessitori, Via San Massimo 31/33 - Quartiere Centro – Gestore: Associazione ACMOS.  Attiva dal 2006, prima sperimentazione di comunità solidale sostenuta dalla Città, ospita 12 volontari distribuiti in 10 piccoli alloggi.  Il complesso residenziale interessato dalle attività dei coabitanti  comprende 142 alloggi di edilizia sociale.   
  • Comunità Filo Continuo, Corso Mortara 36/7–Via Orvieto 1 – ex Villaggio Olimpico Media (Spina3) -  Quartiere Madonna di Campagna/Borgo Vittoria – Gestore: Associazione ACMOS. Attiva dal 2008 in C.so Mortara e dal 2011 in Via Orvieto. Il complesso residenziale interessato dalle attività dei coabitanti  comprende 290 alloggi sociali. Vi sono presenti 9 volontari distribuiti in 4 grandi alloggi. Le comunità rappresentano un'unica esperienza coordinata e gestita in modo unitario.
  • Comunità Casasol, Via Nizza 15/17 - Quartiere San Salvario. Gestore: Cooperativa Sinergica/Cicsene. Attiva dal 2010, vi sono presenti 4 volontari distribuiti in 4 alloggi di piccole dimensioni.  Il complesso residenziale interessato dalle attività dei coabitanti  comprende 58 alloggi sociali.
  • Comunità Il Cortile - Via Pio VII n. 1 e Via Bossoli 89 -  Quartiere Lingotto. Gestore: Cooperativa Il Punto. Collocata nell’ex Villaggio Olimpico Atleti (ex MOI)”. Attiva dal 2010, vi sono presenti 5 coabitanti collocati in 2 grandi alloggi.  Il complesso residenziale interessato dalle attività dei coabitanti  comprende 207 alloggi sociali.
  • Comunità L’Ingranaggio - Via Poma 11/ Via Scarsellini 12 - Quartiere Mirafiori Nord. Gestore: Cooperativa Il Punto. Attiva dal 2014, vi sono presenti 7 volontari, collocati in 3 alloggi di varia metratura.  Il complesso residenziale interessato dalle attività dei coabitanti  comprende 300 alloggi sociali.
  • Comunità CasaBarriera, Via Ghedini 19/ Via Gallina 3, - Quartiere Barriera di Milano. Gestore: Cooperativa LiberiTutti. Attiva dal 2014, vi sono presenti attualmente 5 coabitanti collocati in 2 grandi alloggi.  Il complesso residenziale interessato dalle attività dei coabitanti  comprende 280 alloggi sociali. 
  • Comunità Sorgente -  Via Como 18 (Area ex Nebiolo) – Quartiere Barriera di Milano .  Gestore: Associazione ACMOS. Costituita in alloggi di proprietà dell’Agenzia Territoriale per la Casa del Piemonte Centrale, a seguito di apposito Bando emesso dall’Agenzia stessa. Attiva  formalmente dal 2016,  vi sono presenti 9 coabitanti collocati in 5 alloggi.  Il complesso residenziale interessato dalle attività dei coabitanti comprende 160 alloggi sociali. 

Soggetti gestori

Le Associazioni o Cooperative che gestiscono le Coabitazioni Solidali sono soggetti del Terzo Settore (Privato Sociale) selezionati dalla Città di Torino con appositi Avvisi Pubblici, nei quali sono stati definiti i contesti urbani e residenziali, la loro storia, specificità sociali, obiettivi, e indicati ubicazione e tipologia degli alloggi destinati ad ospitare la coabitazione solidale. Chi partecipa al bando deve presentare il progetto sociale di sviluppo di comunità, gli interventi, il progetto di utilizzo degli spazi e le modalità organizzative, etc.   E’ compito dei gestori individuare e formare i giovani volontari e garantirne il turn over all’interno delle coabitazioni.

Aspetti gestionali

Tutti gli alloggi sono esclusi in via temporanea per le finalità sociali previste, ai sensi della vigente normativa regionale, o privati in via definitiva dal vincolo previsto per l’edilizia residenziale pubblica e sono amministrati  dall’Agenzia Territoriale per la Casa del Piemonte Centrale (A.T.C.), nell’ambito della vigente convenzione per la gestione del patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica di proprietà comunale.
Il contratto di locazione per gli alloggi assegnati e destinati alla costituzione della coabitazione solidale, che i gestori delle prime coabitazioni hanno stipulato  con  A.T.C., ha avuto la durata di 4 anni + 4 anni (eventualmente prorogabili ulteriormente).  La prevista riduzione del canone, nonché la prosecuzione del progetto di coabitazione sono subordinate, di anno in anno, agli esiti – positivi o meno – della verifica  dell’andamento del progetto e del conseguimento degli obiettivi da parte del gruppo di monitoraggio.
Per le ultime coabitazioni realizzate in Via Poma-Via Scarsellini e Via Ghedini-Via Gallina, sono stati applicati contratti di concessione in uso degli alloggi,  rinnovabili di anno in anno a seguito di positiva verifica delle attività svolte.  

Criteri e strumenti di monitoraggio

In tutti gli ambiti territoriali che ospitano le coabitazioni solidali è stato costituito un gruppo di lavoro misto – il Tavolo di Coordinamento -  composto dai referenti dei Servizi del Comune interessati (Area edilizia residenziale pubblica, Direzione Politiche Sociali, Polizia Municipale); Circoscrizione territoriale di riferimento (Servizi sociali, servizi amministrativi); Agenzia Territoriale per la Casa del Piemonte Centrale (Area progetti sociali e area tecnica); Asl cittadine (Servizi di salute mentale, Sert); Gestore della coabitazione solidale e giovani coabitanti. 
Con cadenza semestrale  viene redatta, dal gestore e dai giovani volontari, una relazione sull’andamento  della coabitazione, in termini di rendiconto delle attività svolte e di progettazione per il semestre successivo, che dà conto anche degli eventuali avvicendamenti dei volontari e delle criticità riscontrate.
Il gruppo di lavoro monitora e valuta il progetto di sviluppo di comunità; dagli esiti della verifica delle relazioni presentate, dall’andamento del progetto e dal conseguimento degli obiettivi previsti  dipendono sia il mantenimento dei vantaggi economici relativi alla locazione sia, ovviamente, la prosecuzione del progetto di coabitazione. La presenza al Tavolo di rappresentanti di Enti diversi facilita il rapporto della comunità di giovani volontari con gli uffici degli stessi enti, consente l’individuazione di soluzioni progettuali condivise e integrate rispetto alla gestione delle problematiche che emergono nei contesti residenziali coinvolti, facilita l’interazione e la creazione di rete con il territorio.
Il ruolo di regia viene svolto dalla Città di Torino, “primus inter pares”, che ha assunto dall’inizio il ruolo di promotore del progetto delle coabitazioni giovanili solidali e di garante del corretto svolgimento delle attività.

Programma housing della compagnia di san paolo

Il Programma Housing della Compagnia di San Paolo dal 2010 sostiene le esperienze di coabitazione  promuovendo molteplici azioni: incontri di conoscenza e confronto tra coabitanti e gestori, cicli formativi, erogazioni economiche,  supporto alla progettazione e valutazione,  consulenze specifiche e attività di analisi valutative sulla gestione sociale e immobiliare.  In collaborazione con la Città, ha proposto e realizzato incontri seminariali sulle esperienze di progetti di coabitazione giovanile solidale attivi sul territorio nazionale, appuntamenti informativi specifici per promuovere e diffondere  l’iniziativa cittadina e sollecitare l’adesione al progetto da parte di giovani in cerca di autonomia. La partecipazione del Programma Housing si qualifica, inoltre, nel coinvolgimento dei giovani coabitanti ed ex coabitanti nel format Forum Teatrale, discussione “in forma teatrale” su aspetti cruciali (dibattuti nei Tavoli di Coordinamento) della coabitazione solidale, quali il riconoscimento del “gruppo di pari”  come luogo di quotidiana negoziazione e come risorsa affettiva fondamentale per i giovani; l’esistenza e il riconoscimento condiviso dei confini nel ruolo dei “buoni vicini di casa” nei confronti degli abitanti delle case popolari. 

Per informazioni sulle modalità di partecipazione al progetto e per la selezione dei nuovi coabitanti scrivere a: coabitazionisolidali@gmail.com .

Per eventuali altre informazioni scrivere a: - abitare.giovani@comune.torino.it

Sul sito del  Programma Housing della Compagnia di San Paolo - www.programmahousing.org - sono disponibili materiali e schede di approfondimento sulle coabitazioni giovanili solidali,   il report  del seminario organizzato in collaborazione con la Città di Torino nell’aprile 2016 sulle esperienze di coabitazione solidale a Torino e altre città sul territorio nazionale, e altre informazioni utili.