Ottobre

Torino Design of The City 2019 – La Città del Futuro

Sedi varie, dal  2 al 20 ottobre 2019

Prosegue il viaggio di Torino nel Design e col Design. Prosegue su una strada chiara, quella di utilizzare il design non solo come progettazione di oggetti, ma come progettazione di servizi utili alla filiera produttiva e alla dimensione economica di un territorio che continua a distinguersi con assolute eccellenze e innovazioni e ancora di più come progettazione di servizi, per e con i cittadini, insieme a Enti, Associazioni, Istituti, liberi professionisti, tutti protagonisti a fianco della Città nella costruzione della Torino di domani. Anche quest’anno, quindi nel mese di ottobre  oltre 70 incontri, workshop, mostre, tour, eventi che delineeranno l’apporto, necessario e fondamentale che il design dà quotidianamente. Centrale nel calendario sarà il Forum Internazionale 2019, il 10 e l’11 ottobre,  dove saranno presenti realtà internazionali e nazionali, Unesco Parigi, le città di Montréal, Detroit, Saint Ètienne, Kortijk, Cape Town, Wuhan, Singapore, Seoul, Shanghai, a raccontare i progetti che hanno presentato in risposta alla call lanciata da Torino, Fabriano, Londra,  Lille e Madrid  a illustrare le prospettive per i prossimi anni.

http://www.torinodesigncity.it

Uno sguardo internazionale. Da Andy Warhol a Cindy Sherman

MEF Museo Ettore Fico dal 2 ottobre al 23 febbraio 2020
Una grande mostra dedicata al maggior collezionista napoletano vivente che attraverso un incredibile intuito e una scelta mirata, ha saputo raccogliere in 25 anni di collezionismo i maggiori maestri dalla Pop Art ai giorni nostri. Attraverso oltre duecento opere, che rappresentano il panorama internazionale di ricerca e di avanguardia più avanzata, si scopre la maniacalità di un intellettuale e di un personaggio estroso ed estroverso del nostro tempo

http://www.museofico.it

Torino graphic days

Toolbox Coworking, dal 3 al 6 ottobre

Toolbox Coworking, dal 3 al 6 ottobre
Graphic Days Torino è il festival internazionale di quattro giorni interamente dedicato al visual design.L’edizione 2019,  la quarta, stimola una riflessione sul legame fra visual design ed impegno sociale. Il tema scelto è infatti l’integrazione coinvolgendo alcune delle comunità straniere presenti sul territorio ed altre realtà estere per realizzare, in maniera congiunta, progetti che si focalizzano sulla comunicazione visiva e sulle identità di ciascuna cultura, nell’ottica di valorizzare le eccellenze delle diverse nazioni. Il risultato è un percorso multiculturale che mostra i diversi livelli di contaminazione tra culture, percezioni, capacità ed abilità.

https://www.graphicdays.it/

Portici di carta

Sedi varie e Portici di via Roma, piazza San Carlo e piazza Carlo Felice, 5 e 6 ottobre

L’edizione 2019, quest’anno dedicata ad Andrea Camilleri, raggiunge un traguardo importante: la libreria a cielo aperto più lunga del mondo, ben due chilometri, compie 13 anni. Un progetto della Città di Torino, realizzato da Associazione Torino, Città del Libro e Fondazione Circolo dei lettori, con il sostegno di Regione Piemonte, che è riuscita sin dalla prima edizione a coinvolgere tutti i soggetti della filiera del libro: dagli editori ai librai, dalle biblioteche alle scuole, dai curiosi agli appassionati lettori. Un susseguirsi di iniziative, incontri, laboratori e passeggiate letterarie.

http://www.porticidicarta.it/

EstOvest Festival – Le strade del suono

Sedi varie, dal 5 ottobre al 2 dicembre

Il tradizionale appuntamento autunnale con la musica classica contemporanea, punto di riferimento a livello nazionale per i cultori del settore, quest’anno diventa maggiorenne.Una nutrita programmazione di appuntamenti con ospiti di rilievo: concerti, produzioni esclusive, spettacoli, prime esecuzioni e incontri che partendo dalla musica esploreranno altre discipline artistiche come la danza, l’arte e la letteratura. Tra i fini della rassegna vi è lo scambio tra le culture, la ricerca di linguaggi e culture musicali “altre”, fusione di antiche tradizioni musicali con lo stile contemporaneo.

http://www.estovestfestival.it/

Turin Half Marathon. Mezza maratona di Torino

6 ottobre
La mezza maratona di Torino parte dal Borgo Medievale e si sviluppa in un circuito di 21,1 km che termina nello stesso posto.
https://www.teamarathon.it

Michael Rakowitz: legatura imperfetta

Castello di Rivoli, dall’8 ottobre al 19 gennaio 2020
La prima retrospettiva europea dedicata all’artista iracheno-americano Michael Rakowitz (Great Neck, NY, 1973), vincitore del prestigioso premio Nasher 2020
La mostra, realizzata in collaborazione con la Whitechapel Gallery di Londra, è curata da Carolyn Christov-Bakargiev e Iwona Blazwick insieme ai curatori delle rispettive istituzioni Marianna Vecellio per il Castello di Rivoli e Habda Rashid per la Whitechapel Gallery e viaggerà alla Jameel Foundation di Dubai nella primavera del 2020 . L’ampia retrospettiva sarà inaugurata negli spazi della Manica Lunga del Castello di Rivoli. La mostra è concomitante con la grande scultura pubblica Lamassu, 2018, il toro alato assiro dal volto umano realizzato dall’artista per il progetto ‘Fourth Plinth’ collocato attualmente a Trafalgar Square a Londra e visibile fino a marzo 2020.
http://www.castellodirivoli.org

Milano-Torino di ciclismo

9 ottobre

La classica ciclistica più antica del panorama mondiale arriva alla sua edizione n.  100! La partenza, come tradizione, da Magenta per arrivare, dopo 179 Km, davanti alla Basilica di Superga.

http://www.milanotorino.it

Mirafiori dopo il mito

Polo del Novecento, dall’11 al 26 ottobre
“Mirafiori dopo il Mito” è la mostra itinerante a cura della Fondazione della Comunità di Mirafiori onlus, con il sostegno di Compagnia di San Paolo e con il coordinamento scientifico del Prof. Giuseppe Berta, con la co-curatela del Polo del ‘900. Mirafiori dopo il Mito è il racconto corale attraverso linguaggi artistici diversi di un quartiere protagonista, negli ultimi 20 anni, di profondi cambiamenti e oggi alle prese con la ricerca di nuove identità; l’esito di 2 anni di ricerca in campo sociologico, architettonico e archivistico, attività di Living Lab nel quartiere con partecipanti di tutte le età. Durante i giorni di esposizione è previsto anche un ricco programma di iniziative aperte al pubblico.
http://www.polodel900.it/mirafiori-dopo-il-mito/

Flor d’autunno

Via Carlo Alberto fino a piazza Carlo Alberto, 12 e 13 ottobre
Manifestazione floreale nel centro di Torino, che si trasforma in un grande e colorato giardino con centinaia di espositori provenienti da tutta Italia: eccellenze florovivaistiche per abbellire spazi urbani, giardini, terrazzi e balconi ma anche appartamenti, orchidee, tillandsie, piante acquatiche e rampicanti, aromatiche e tropicali, bonsai, viole, ciclamini, peperoncini di ogni genere, aster e rose rifiorenti, ortensie, aceri giapponesi e cornioli. Spazio anche all’oggettistica per il giardinaggio, libri, sementi e prodotti naturali, decorazioni e spezie.
http://www.orticolapiemonte.it

La Vendemmia a Torino.  Grapes in town – 3ª edizione
Portici Divini

Sedi varie, dal 12 al 20 ottobre 2019
Torna “La Vendemmia a Torino. Grapes in town” rinnovata nel suo assetto. La manifestazione cresce, si espande e diventa infatti il contenitore di tutte le iniziative di promozione del vino programmate in città dal 12 al 20 ottobre. Nove giorni di degustazioni, masterclass, incontri, visite guidate per apprezzare il Piemonte in un bicchiere: la cultura del vino, un paesaggio meraviglioso, le dimore più prestigiose, il valore del lavoro, l’accoglienza e la convivialità.
Il programma prenderà il via con la rassegna “Portici Divini”, sabato 12 ottobre per arrivare nei giorni 18-20 ottobre al gran finale con gli appuntamenti della “Vendemmia a Torino”. Un percorso che partendo da vini del torinese raggiungerà quelli di tutto il Piemonte.
Gli appuntamenti culturali a tema vitivinicolo saranno diffusi negli edifici più prestigiosi della città: da Palazzo Birago a Palazzo Barolo, dalle cucine di Palazzo Reale agli spazi del Mercato Centrale a Villa della Regina, raggiungibile da Piazza Castello con la navetta gratuita “Degustibus”.

https://vendemmiatorino.it/

Vivian Maier – In her own hands

Palazzina di Caccia di Stupinigi, dal 12 ottobre al 12 gennaio 2020 

La mostra racconta la vita quotidiana popolare di alcune grandi città americane: New York, Chicago e Los Angeles, osservate dalla prospettiva insolita ed eccentrica di Vivian Maier, una tata con la passione spasmodica per la fotografia. Un occhio, quello della Maier, capace di carpire l’essenza nascosta di un’intenzione, di un’emozione fuggevole, di un momento preciso e spesso insolito. Un occhio ancora poco conosciuto poiché scoperto solo di recente: Vivian Maier infatti non mostrava le proprie fotografie, scattate nelle strade, a nessuno, come fosse una questione privata in un mondo intimo, segreto e nascosto. La mostra racconta tutto questo con circa 100 scatti inediti, scoperti dopo la sua morte, che ci faranno scoprire lo stile particolare di questa fotografa.

https://piemonte.abbonamentomusei.it/Mostre-e-Attivita/Vivian-Maier.-In-her-own-hands

Una Corsa da Re e La Corsa del Principino

La Reggia di Venaria, 13 e 14 ottobre

I Giardini della Reggia, del Parco La Mandria e del centro storico di Venaria Reale saranno le meravigliose location della Maratona Reale a tappe, l’appuntamento imperdibile per migliaia di podisti che si cimentano su più percorsi che vanno dai 4 ai 30 km. Mentre sabato 13 ottobre, per i più piccoli da 0 a 10 anni, la Corsa del Principino, nella rinnovata location del Gran Parterre della Reggia di Venaria.

http://www.lavenaria.it/it/eventi/corsa-re-corsa-principino

La Maiolica Italiana specchio del mondo Rinascimentale

Palazzo Madama, fino al 14 ottobre
La mostra presenta la storia della maiolica italiana nella sua età dell’oro, dalla seconda metà del 1400 alla metà del 1500, raccontandone i centri di produzione, le tecniche, i soggetti e i temi decorativi, gli usi e la committenza. L’arte italiana del Rinascimento, con le sue storie e i suoi decori, è illustrata nei vividi colori della maiolica, grazie a duecento capolavori provenienti dalle botteghe di Gubbio, Deruta, Faenza, Casteldurante, Urbino, opera dei più importanti artisti che lavorarono in questo campo, come maestro Giorgio da Gubbio, Nicola da Urbino, Francesco Xanto Avelli.
https://www.palazzomadamatorino.it/it/eventi-e-mostre/mostra-l%E2%80%99italia-del-rinascimento-lo-splendore-della-maiolica

Festival del classico

Dal 17 al 20 ottobre
Lezioni, dialoghi, letture, dispute dialettiche, presentazione di libri, spettacoli teatrali, alimentati dalle parole della letteratura e della filosofia, sullo sfondo della storia. Il presidente onorario della rassegna è Luciano Canfora; Ugo Cardinale e Massimo Arcangeli i curatori, l’organizzazione de il Circolo dei lettori.
http://www.circololettori.it/progetti/festival-del-classico/

WO – MAN RAY. Le seduzioni della fotografia

CAMERA Centro Italiano per la Fotografia, dal 17 ottobre al 19 gennaio 2020
Un omaggio al grande maestro Man Ray: circa duecento fotografie, realizzate a partire dagli anni Venti fino alla morte (avvenuta nel 1976), tutte dedicate a un preciso soggetto – la donna -, fonte di ispirazione primaria dell’intera sua poetica. In mostra alcune delle immagini che hanno fatto la storia della fotografia del XX secolo e che sono entrate nell’immaginario collettivo grazie alla capacità di Man Ray di reinventare non solo il linguaggio fotografico, ma anche la rappresentazione del corpo e del volto, i generi stessi del nudo e del ritratto.
http://camera.to/mostre/wo-man-ray-le-seduzioni-della-fotografia/

Guerriere del Sol Levante

MAO Museo d’Arte Orientale, dal 18 ottobre al 1° marzo 2020
Una mostra alla scoperta della figura della donna guerriera giapponese. Pur non potendo contare sulla vasta documentazione che narra la vita e le imprese dei samurai, esistono sufficienti notizie sulle donne guerriere del Giappone da permetterci di considerare le loro imprese come la più grande vicenda non raccontata nella storia dei samurai.
https://www.maotorino.it/it/mostra-donne-guerriere

Torino stratosferica – Utopian Hours

Centrale di Nuvola Lavazza, dal 18 al 20 ottobre
Utopian Hours è il primo festival internazionale di city making in Italia. La terza edizione si tiene il 18-20 ottobre 2019 alla Centrale di Nuvola Lavazza, con ancora più ospiti e mostre in programma.
https://torinostratosferica.it/

Hokusai Hiroshige Hasui. Viaggio nel Giappone che cambia

Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, dal 19 ottobre al 16 febbraio 2020
In questa mostra verrà esposta una selezione di 100 straordinarie silografie dei tre maestri, Katsushika Hokusai, Utagawa Hiroshige dell’Ottocento e Kawase Hasui, un viaggio nei luoghi più suggestivi del Giappone, reali e immaginari, raccontando il mondo artistico di un paese che tra fine Ottocento e inizio Novecento subisce un’enorme trasformazione sotto l’influenza dell’Occidente e che a sua volta ne verrà fortemente influenzato(basta pensare alle opere di: Monet, Van Gogh, Degas e Toulouse-Lautrec) alla scoperta di come il mondo fluttuante, reso noto dai primi due maestri, scivoli dentro una società che aspira ai canoni artistici europei, e non solo, di cui Hasui è testimone.

https://www.pinacoteca-agnelli.it/visit/15255/hokusai-hiroshige-hasui-viaggio-nel-giappone-che-cambia/

Gran  Prix di judo “Città di Torino”

PalaRuffini, 20 ottobre

View Conference

OGR, dal 21 al 25 ottobre
View Conference (21-25) costituisce il principale simposio italiano relativo alla computer grafica, con particolare attenzione agli ambiti di animazione, effetti visivi, realtà virtuale (aumentata, espansa e mista), intelligenza artificiale e media immersivi. L’evento riunisce ogni anno i talenti più visionari e brillanti del settore digitale, analizzato in ogni sua forma e declinazione.
http://www.viewconference.it

Le figure di Primo Levi

GAM, dal 25 ottobre al 26 gennaio 2020
In occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita di Primo Levi, viene esposta per la prima volta in Italia una selezione significativa dei lavori in filo metallico realizzati dal grande scrittore e intellettuale: oggetti con un forte carattere intimo e domestico, destinati agli scaffali dello studio dello scrittore oppure a essere regalati agli amici più cari. Come tali, dunque, sono trattati nella mostra: non come opere d’arte, ma come prodotti della fantasia e dell’abilità manuale di Levi: gli animali sono la prima fonte di ispirazione, ma non mancano le creature fantastiche e quelle umane. Ne emerge una figura ricca e complessa, nella quale convivono la formazione del chimico, una solida cultura letteraria classica, la passione per le lingue, le etimologie e i giochi di parole, l’ironia e l’umorismo, una curiosità aperta e mai banale per le più recenti espressioni artistiche, un interesse vivo e competente per la matematica, la fisica, le scienze naturali.
http://www.gamtorino.it

Torinodanza festival

Sedi varie, fino al 26 ottobre
La città si trasforma in un grande palcoscenico per ospitare grandi maestri provenienti da tutto il mondo ponendo l’attenzione alle eccellenze italiane, per uno spaccato della migliore e più interessante coreografia contemporanea alla scoperta di tendenze e linguaggi in continua evoluzione.
http://www.torinodanzafestival.it/

NESXT Festival

Sedi varie, dal 29 ottobre al 6 novembre
Quarta edizione del festival dedicato alla produzione artistica indipendente e ai suoi protagonisti: artisti, curatori, critici, storici, ricercatori, professionisti e operatori provenienti da diversi ambiti e discipline. Anche quest’anno NESXT mantiene la formula diffusa sul territorio attraverso una rete di spazi che ha connotato la passata edizione.
http://www.nesxt.org/

Leonardo da Vinci. Fortuna editoriale e fortuna filatelica

Biblioteca Reale, dal 29 ottobre al 6 gennaio

Paratissima

Ex Accademia Artiglieria, dal 30 ottobre al 3 novembre
Con oltre 350 artisti selezionati ritorna Paratissima Art Fair, la fiera internazionale degli artisti indipendenti. Paratissima ribalta il modello tradizionale di “fiera d’arte” lasciando spazio agli artisti emergenti ma non solo.
http://paratissima.it/

Tommaso Bonaventura 100 marchi – Berlino 2019

Camera, dal 30 ottobre al 6 gennaio 2020
Tommaso Bonaventura. 100 marchi – Berlino 2019, è un progetto artistico del fotografo Tommaso Bonaventura, sviluppato in collaborazione con la curatrice Elisa Del Prete, in occasione dei 30 anni dalla caduta del muro di Berlino (9 novembre 1989). La mostra propone il racconto del Begrüssungsgeld, il denaro di benvenuto che dal 1970 al dicembre 1989 i cittadini della DDR ricevevano quando entravano nella Germania Ovest per la prima volta. Questa vicenda offre un pretesto per interrogarsi su un grande cambiamento epocale a partire da un punto di osservazione che privilegia le storie private e familiari, restituendole attraverso un duplice racconto: fotografico e video. La mostra è frutto di una collaborazione tra diverse istituzioni e si articola in più sedi: a Torino, presso CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia e al Museo del Risparmio, e a Trento, presso Le Gallerie della Fondazione Museo storico del Trentino.
http://camera.to/mostre/tommaso-bonaventura-100dm-la-migrazione-immobile/

Luci d’Artista

Sedi varie, dal 30 ottobre al 12 gennaio 2020
Durante ContemporaryArt il cielo della città è illuminato dalle opere della XXI edizione di Luci d’Artista, il percorso espositivo d’arte contemporanea che mette in scena l’interazione tra arte e paesaggio urbano attraverso l’impiego della luce e stabilisce un rapporto diretto tra creazione artistica e il grande pubblico.
http://www.contemporarytorinopiemonte.it/LuciArtista2018.aspx

Movement – Torino Music Festival

Lingotto Fiere, dal 31 ottobre al 2 novembre
Controparte diretta del leggendario festival detroitiano, Movement è da tempo il più grande evento dance indoor in Italia per quanto riguarda numeri e importanza della line up.
Il cartellone, infatti, segue sempre la regola della qualità più assoluta in campo dance: inevitabile, vista la tradizione e l’importanza che lo caratterizzano anche per il suo essere legato a doppio filo con lo storico festival di Detroit e, di conseguenza, con le radici storiche più importanti ed autentiche di techno e house.
http://www.movement.it/

The Others

Ex Ospedale Militare A: Riberi, dal 31 ottobre al 3 novembre
Questa edizione di The Others amplia i suoi orizzonti presentando sempre più artisti internazionali dialoganti con il futuro dell’espressività artistica. La metà delle gallerie e organizzazioni no profit arrivano infatti da fuori Italia oltre a numerosi eventi collaterali (performance, musica, letteratura, danza, teatro
http://www.theothersfair.com/

Jonas Mekas

Gam Galleria Civica d’Arte Moderna e contemporanea, fino a dicembre
A cinquant’anni dalla sua prima visita alla GAM di Torino durante la quale presentò le ricerche del New American Cinema, la VideotecaGAM omaggia il regista e poeta Jonas Mekas lituano naturalizzato statunitense. La sua ricerca è un tributo agli amici, alle persone, ai volti, ai luoghi e alle cose che sono transitate davanti ai suoi occhi, per essere traslati su carta o su pellicola
La mostra presenta una selezione dei suoi lavori filmici più rappresenttivi  da Guns of Trees del 1962, a Walden del 1969, Lost, lost, lost del 1976, sino a This side of Paradise. Fragments of an unfinished biography, del 1999.
https://www.gamtorino.it/it

Dopo Leonardo. Francesco Salviati e il disegno nella Firenze del ‘500

Fondazione Accorsi-Ometto, dal 31 ottobre al 12 gennaio 2020

La Fondazione Accorsi-Ometto di Torino, in occasione delle celebrazioni leonardiane del 2019, esporrà, per la prima volta al pubblico, un disegno recentemente entrato nelle proprie collezioni: l’Allegoria dell’Arno di Francesco Salviati, importante esponente del “Manierismo” fiorentino.

https://www.fondazioneaccorsi-ometto.it/

Monica Bonvicini + 100 anni di Bauhaus

OGR Officine Grandi Riparazioni Binario 1 e 2, dal 31 ottobre al 9 febbraio 2020
In occasione del centenario dalla nascita del Bauhaus, le OGR celebrano la storica scuola tedesca con una serie di mostre sul tema del modernismo in architettura, arte e design. Progetto principale sarà una nuova commissione a Monica Bonvicini, realizzata assieme alla Neue Nationalgalerie di Berlino. Il progetto espositivo si compone di una combinazione di elementi scultorei, proiezioni video e un intervento architettonico sulle promesse moderniste di trasparenza e neutralità.
http://www.ogrtorino.it

I mondi di Riccardo Gualino. Collezionista e imprenditore

Sale Chiablese – Musei Reali Torino, fino al 3 novembre 2019
Nelle Sale Chiablese dei Musei Reali di Torino la mostra dedicata al grande collezionista piemontese e alla sua storia straordinaria, con oltre 150 capolavori tra cui opere di Botticelli, Duccio da Boninsegna, Veronese, Manet, Monet, Casorati e altri ancora. Riccardo Gualino è stato uno degli imprenditori italiani più importanti, straordinari e poliedrici del Novecento. L’esposizione si basa sull’intreccio tra vita e visione artistica, indirizzo che Gualino stesso ha sostenuto e raccontato nell’autobiografia del 1931. La sua collezione è stata ed è considerata una delle più significative e importanti raccolte italiane del Novecento. Comprende reperti archeologici, arredi, vetri e ceramiche, oreficerie, arazzi e tessuti, placchette e medaglie, sculture e dipinti, provenienti dall’area europea, orientale e mediorientale, dall’antichità alla produzione dei primi decenni del secolo scorso.
www.museireali.beniculturali.it/

Yuri Ancarani. Le radici della violenza

Castello di Rivoli, fino al 10 novembre
La mostra presenta per la prima volta al pubblico la trilogia filmica composta da San Siro (2014), San Vittore (2018) e San Giorgio (2019, versione 0 – girato originario). La trilogia delinea un ulteriore capitolo nell’ambito della ricerca di Yuri Ancarani dedicata ai luoghi della socializzazione, del lavoro e del controllo sociale. La mostra presenta per la prima volta al pubblico la trilogia filmica composta da San Siro (2014), San Vittore (2018) e San Giorgio (2019, versione 0 – girato originario). La trilogia delinea un ulteriore capitolo nell’ambito della ricerca di Yuri Ancarani dedicata ai luoghi della socializzazione, del lavoro e del controllo sociale. L’interazione tra corpi umani, architetture, tecnologie e le conseguenti relazioni emotive e comunitarie che si formano, sono alla base della pratica dell’artista.
www.castellodirivoli.org/mostra/yuri-ancarani-le-radici-della-violenza

Dalla Terra alla Luna

Palazzo Madama, fino all’11 novembre
Oltre 60 opere – dipinti, sculture, fotografie, disegni e oggetti di design – raccontano l’influenza della luna sull’arte e sugli artisti dall’Ottocento al 1969. La mostra allestita a 50 anni esatti dallo sbarco del primo uomo sulla Luna, è curata da Luca Beatrice e Marco Bazzini e realizzata in collaborazione tra Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica e GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, con il contributo della Regione Piemonte.
www.palazzomadamatorino.it

World press photo exhibition 2019

Ex Borsa Valori, fino al 17 novembre
È la più importante mostra al mondo di foto-giornalismo, inaugurata ad Amsterdam in aprile e in tour mondiale in 100 città e 45 Paesi.
Nata nel 1955 e con base ad Amsterdam, la Fondazione World Press Photo si distingue per essere una delle maggiori organizzazioni indipendenti e no-profit impegnata nella tutela la libertà di informazione, inchiesta ed espressione, promuovendo in tutto il mondo il foto-giornalismo di qualità. Oltre a offrire un ampio portfolio di attività comunicative, educative e di ricerca, la World Press Photo Foundation vanta il concorso di fotoreportage più prestigioso al mondo con la partecipazione annuale di oltre 6.000 fotoreporter, provenienti dalle maggiori testate editoriali mondiali come Reuters, AP, The New York Times, Le Monde, El Paìs per nominarne solo alcuni.
Il concorso rappresenta e concentra i più alti standard della fotografia d’attualità nella foto vincitrice dell’anno, la “World Press Photo of The Year”, selezionata nell’ambito di diverse categorie: Contemporary Issues, Environment, General News, Long-Term Projects, Nature, Portraits, Sports e Spot News.
www.worldpressphototorino.it

Paolo Icaro. Antologia/anthology 1964-2019

GAM, fino al 1° dicembre
Mostra antologica che rende omaggio a Paolo Icaro (Torino, 1936), una delle più importanti figure dell’arte italiana degli ultimi decenni, e racconta 55 anni del suo lavoro, dal 1964 al 2019, compendiati in una cinquantina di opere, alcune realizzate apposta per l’esposizione. È un omaggio che si è fatto sempre più atteso negli ultimi anni, per l’interesse costantemente crescente che la critica, le istituzioni museali e in particolar modo le giovani generazioni di artisti e curatori vanno dimostrando per la sua opera. L’esposizione, a cura di Elena Volpato, è stata preparata nel tempo, in un costante rapporto di attenzione del museo verso il lavoro di un artista che entrò per la prima volta a far parte delle collezioni della GAM più di cinquant’anni fa, nel 1967, con l’opera Bicilindrica, un cemento del 1965, acquisita con il nucleo di opere del Museo Sperimentale di Eugenio Battisti. In seguito, negli anni duemila, altre sei opere di rilevante valore storico sono giunte a rappresentare la stagione dei primi anni ottanta, grazie ai fondi della Città di Torino e della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT.
http://www.gamtorino.it

Contemporary Art

Sedi varie, fino a gennaio 2020
L’arte contemporanea è protagonista, come di consueto dell’autunno dell’arte a Torino e in Piemonte con un cartellone che coniuga arti visive, musica, teatro e design, per offrire a cittadini e turisti l’opportunità di rapportarsi con nuovi linguaggi artistici caratterizzati da multidisciplinarità, innovazione e contaminazione tra le numerose proposte.
http://www.contemporarytorinopiemonte.it

Archeologia invisibile

Museo Egizio, fino al 6 gennaio 2020
Scopo dell’allestimento è illustrare principi, strumenti, esempi e risultati della meticolosa opera di ricomposizione di informazioni, dati e nozioni resa oggi possibile dall’archeometria, l’insieme delle tecniche adottate per studiare i materiali, i metodi di produzione e la storia conservativa dei reperti
https://museoegizio.it/esplora/mostre/archeologia-invisibile/

Art site fest. Il senso del luogo

Sedi varie, fino al 6 gennaio 2020
La Reggia di Venaria, la Palazzina di Caccia di Stupinigi, i Castelli di Moncalieri, Cavour di Santena e di Govone, Palazzo Madama, Palazzo Chiablese, il MAO Museo d’Arte Orientale, il Museo Lavazza, il Museo Storico Reale Mutua, Casa Martini a Pessione: sono i luoghi che accolgono le opere della quinta edizione di Art Site Fest. Si tratta di un percorso nei linguaggi della contemporaneità – arti visive, performance, musica e teatro che diventano la chiave per interpretare in modo nuovo l’eredità culturale e fare della memoria una ragione di identità -, con artisti provenienti da Italia, Germania, Giappone, Argentina, Turchia, Serbia, Francia, Messico, Regno Unito per instaurare un dialogo tra le loro opere e gli ambienti storici di alcune delle più belle residenze storiche del Piemonte.
http://www.artsitefest.it/

Sulle sponde del Tigri. Suggestioni dalle collezioni archeologiche del MAO: Seleucia e Coche

MAO, fino al 12 gennaio 2020
Nei lunghi secoli intercorsi tra l’impresa di Alessandro Magno e l’avvento dell’Islam, gli orizzonti del mondo conosciuto si dilatarono come mai prima d’allora e nacquero le città così come le concepiamo oggi. In uno dei punti più centrali di questo nuovi confini – la Mesopotamia centrale – furono fondate capitali d’importanza e dimensioni uniche per l’epoca, in un processo che culminò con la fondazione di Baghdad. La prima capitale fondata in quel luogo fu, alla fine del IV secolo a.C. fu, Seleucia al Tigri, metropoli estesa quanto Torino nel Settecento. A seguire, sull’altra sponda del fiume Tigri, sorse la mitica Ctesifonte, poi integrata nel III secolo d.C. con la città rotonda di Coche (o Veh Ardashir). Le due città rivaleggiarono e prosperarono per secoli, alternandosi nel reggere le sorti di imperi che furono la controparte di Roma. La mostra, a cura di Vito Messina, Alessandra Cellerino, Enrico Foietta con la collaborazione di Claudia Ramasso, presenta una selezione di ceramiche, terrecotte, vetri e oggetti d’uso comune rinvenuti nelle due città, mettendo in dialogo la produzione di età ellenistico-partica, proveniente dal sito di Seleucia, con quella sasanide di Coche. Non esistono in Europa collezioni di reperti archeologici provenienti da Seleucia e Coche, ad eccezione di quella conservata oggi al MAO: nel mondo, solo il Kelsey Museum di Ann Arbor (Michigan) e l’Iraq Museum di Baghdad vantano collezioni analoghe.
Durante il periodo di apertura dell’esposizione sono previste conferenze e attività dedicate a scuole e famiglie mirate ad avvicinare bambini e ragazzi al lavoro dell’archeologo e alla lavorazione dell’argilla.
http://www.maotorino.it

ME TWO. Opere dalla collezione di Ernesto Esposito. Some people. Fotografie da Von Gloeden a Warhol

MEF Museo Ettore Fico, fino al 26 gennaio 2020
Una grande mostra dedicata al maggior collezionista napoletano vivente che attraverso un incredibile intuito e una scelta mirata, ha saputo raccogliere in 25 anni di collezionismo i maggiori maestri dalla Pop Art ai giorni nostri. Attraverso oltre duecento opere, che rappresentano il panorama internazionale di ricerca e di avanguardia più avanzata, si scopre la maniacalità di un intellettuale e di un personaggio estroso ed estroverso del nostro tempo.
http://www.museofico.it

Sulla via della folgore di diamante. Rotazione di dipinti nella Galleria della Regione himalayana

MAO, fino al 5 aprile 2020
Visibili per la prima volta 25 thangka databili tra il XVII e il XIX secolo. Il termine “thangka” indica un tessuto dipinto che può essere arrotolato: i dipinti sono eseguiti a tempera, il supporto è una mussola di cotone e la base di preparazione è realizzata con una mistura di gesso e caolino. I dipinti sono considerati oggetti sacri non solo perché presentano soggetti religiosi e simboli pertinenti alla complessa iconografia buddhista tantrica, ma anche perché fungono da supporto concreto alla meditazione.
http://www.maotorino.it