UTPCSP04

Servizio Biblioteche

rivolto a

  • classi terze, quarte e quinte di scuola primaria
  • adatto anche a utenti con disabilità

obiettivi

  • stimolare l’interesse dei bambini per l’esecuzione musicale dal vivo, assistendo a una performance con valenza ad un tempo spettacolare e didattica
  • promuovere nei bambini il piacere di fare musica insieme, con il desiderio di emulare i ragazzi più grandi, che offrono uno stimolo e un positivo esempio di impegno in tal senso
  • arricchire il bagaglio culturale dei bambini, con la conoscenza della realtà dell’orchestra fiati e degli strumenti che la compongono

contenuto del percorso

ascolto, commento, riflessione su stili, forme e generi musicali vengono costruiti intorno all’esecuzione, con l’intervento diretto di esecutori e insegnanti e l’apertura a tutte le curiosità che nascono da parte del pubblico dei bambini in sala

altre indicazioni

verrà data precedenza alle scuole che non abbiano mai partecipato alle attività della Biblioteca musicale

costi

questa proposta non prevede la quota di partecipazione a Crescere in Città

calendario

1 incontro per classe. Saranno formati gruppi di classi omogenee per consentire il miglior utilizzo della Sala concerti

sede attività

  • salone dei concerti della Biblioteca civica musicale Andrea Della Corte, Villa Tesoriera, Corso Francia 186
  • in sede di organizzazione del calendario e verificato il numero di richieste potrebbe essere individuata altra sala maggiormente capiente

referente organizzativo

Laura Ventura – Biblioteca civica musicale Andrea Della Corte
corso Francia 186
telefono 011.01138358 – 011.01138373
laura.ventura@comune.torino.it

Biblioteca musicale Andrea Della Corte
La biblioteca musicale Andrea Della Corte,  prima e unica biblioteca civica in Italia specializzata in musica, ha sede nel contesto sontuoso della settecentesca Villa Tesoriera. Grazie a nuovi allestimenti e maggiore disponibilità di spazi, la biblioteca propone, a partire dal  2012, percorsi didattici gratuiti che hanno coinvolto bambini di scuola dell’infanzia e primaria, inaugurando quella vocazione alla divulgazione e alla didattica che negli anni si sta confermando e rafforzando.