Navigation



Incontro con Giovanna Paladino sul tema "Donne e denaro"

20-05-2021 @ 17:15, webmaster

La Consulta Femminile Comunale ha organizzato un incontro con la dottoressa Giovanna Paladino, direttore e curatore del Museo del Risparmio di Torino. Marco Giusta, Assessore ai diritti e pari opportunità di Torino, ha portato i saluti istituzionali

La dottoressa Giovanna Paladino ha evidenziato la generale difficoltà da parte delle donne nella gestione del denaro, sottolineando come sia fondamentale parlare dell'argomento per poterle coinvolgere.

Ha anche affermato che da ricerche e studi, è emerso che nel mondo solo una donna su quattro ha un'alfabetizzazione finanziaria, ricorda che il Museo del Risparmio ha organizzato diversi corsi in materia, per contribuire a superare le diseguaglianze sociali.

Nel corso dell'incontro sono state presentate delle slide; al termine alcune consultrici sono intervenute ponendo domande e richieste di chiarimenti alla relatrice.

Silvana Ferratello
presidente Consulta Femminile Comunale

allegati:

Convegno Donne e lavoro: tempi di vita, tempi di lavoro

05-04-2021 @ 12:45, webmaster

Alla "Giornata Internazionale della Donna" 2021 la Consulta Femminile Comunale ha dedicato il convegno "Donne e Lavoro Tempi di vita – Tempi di lavoro" che si è svolto in videoconferenza il 24 marzo a partire dalle ore 15:30.

Cinzia Carlevaris, presidente della Commisione Diritti e Pari Opportunità, intervenuta in rappresentanza della Città di Torino, ha evidenziato la discriminazione del mondo del lavoro nei confronti delle donne, l'incidenza della perdita dei posti di lavoro e l'occasione di un cambiamento di tale situazione con il Recovery Fund a sostegno della parità di genere.
Marco Giusta Assessore ai Diritti e Pari Opportunità ha portato i saluti.
Filomena Greco, corrispondente de "Il sole 24 ore" in Piemonte, ha moderato il convegno con competenza e profonda conoscenza dell'argomento.

Non essendoci, per motivi tecnici organizzativi, la registrazione del convegno in videoconferenza, si riportano di seguito gli interventi delle partecipanti.

Silvana Ferratello
presidente Consulta Femminile Comunale
relazione
risultanze indagine sul territorio

Maria Vittoria Colli
vice presidente Consulta Femminile Comunale
relazione

Chiara Saraceno
sociologa, Honorary Fellow del collegio Carlo Alberto
La conciliazione difficile tra famiglia e lavoro

Silvia Barbara Pasqua
docente di economia, Università degli Studi di Torino
La difficile carriera lavorativa delle donne in Italia tra segregazione, discriminazione e differenziali retributivi

Elena Petrosino
CGIL Torino, a nome di CGIL CISL UIL Torino
Le proposte del mondo del lavoro per una vera condivisione

Silvia Maria Ramasso
Imprenditrice e vicepresidente Apid Imprenditorialità Donna
Armonizzare le esigenze di produttività con la conciliazione lavoro/famiglia

Alessandra Moretti
deputata al Parlamento europeo, gruppo S&D/PD, membro della Commissione per i diritti delle donne e l'uguaglianza di genere
Le disparità che incontrano le donne sul lavoro e come le conseguenze della pandemia ne abbiano acuito il problema

articoli:

Donne e lavoro: tempi di vita, tempi di lavoro

22-03-2021 @ 10:30, webmaster

Come ogni anno e a maggior ragione quest'anno, la Consulta Femminile Comunale di Torino celebra la "Giornata Internazionale della Donna" con un convegno che si terrà il 24 marzo alle ore 15:30, con inizio registrazione dalle ore 15:00.

Il convegno "Donne e lavoro: tempi di vita, tempi di lavoro" tratterà argomenti molto attuali quali la disparità lavorativa e la conciliazione tra famiglia e lavoro e si svolgerà in remoto utilizzando il link sotto indicato.

Per la registrazione si prega di compilare il riquadro con nome, cognome e indirizzo email e di NON modificare la password impostata. Si consiglia, inoltre, di scegliere l'opzione "ACCEDERE TRAMITE BROWSER"

allegati:

Divario retributivo di genere: situazione attuale e atti di indirizzo comunitari

20-03-2021 @ 12:00, webmaster

La Consulta Femminile Comunale, in previsione del convegno "Donne e Lavoro – Tempi di vita Tempi di lavoro" ha richiesto alla commissione Pari Opportunità la convocazione di una seduta, al fine di verificare le azioni intraprese dall'Amministrazione Comunale a seguito dell'approvazione dell'odg. avente come oggetto l'equa retribuzione. L'atto è stato presentato dalla Consulta e deliberato dal Consiglio Comunale in data 16 settembre 2019.

Cinzia Carlevaris, presidente della Commissione Pari Opportunità ha dato seguito alla richiesta della Consulta che è stata audita in data 17 marzo 2021 alle ore 11,00 in videoconferenza.

Oltre a Consigliere e Consiglieri delle commissioni Lavoro, Assistenza e Cultura e Capigruppo, hanno partecipato le onorevoli Stefani Ascari, Gilda Sportiello e un folto numero di consultrici.

Elisabetta Malagoli e Monica Negro, componenti il gruppo di lavoro "Donne e Lavoro", hanno dato lettura dell'ordine del giorno al quale sono seguiti gli interessanti interventi delle parlamentari sulla discriminazione di genere, la disparità salariale e la carenza dei servizi messi a disposizione delle donne lavoratrici.

allegati:

"Parlano le donne"

17-03-2021 @ 17:15, webmaster

La Città di Torino ha organizzato in collaborazione con il Coordinamento Contro la Violenza sulle Donne, un ciclo di incontri su proposta dell'Assessore Marco Giusta, dal titolo "Parlano le donne".
In data 16 marzo 2021 sono intervenuta come relatrice in rappresentanza della Consulta Femminile Comunale in un incontro dal titolo "La voce delle donne, tra partecipazione politica e auto rappresentanza". Questo il testo dell'intervento:

Vorrei iniziare con una affermazione di Nicoletta Casiraghi che auspicava, alla Consulta Femminile Comunale nel lontano 2008, un maggiore confronto con le istituzioni a sostenere il dialogo per affrontare i bisogni delle donne.
In questa occasione vorrei porre l'attenzione su un aspetto poco conosciuto della Consulta Femminile Comunale, sappiamo che è stata istituita nel 1978 dal Comune di Torino come organo consultivo e propositivo che si rapporta con l'Amministrazione. Non tutti sanno però che la Consulta nasce dalla volontà di alcune consigliere di maggioranza e di minoranza affiancate dalle Associazioni Femminili.

Queste consigliere comunali Nicoletta Casiraghi, Alberta Pasquero, Marta Concina hanno svolto il ruolo sia di consultrici che di presidenti per oltre un decennio. È stato l'inizio di una proficua collaborazione fra donne delle Associazioni e donne della politica dando vita ad una stagione particolarmente soddisfacente per la presenza femminile in ruoli di responsabilità all'interno delle istituzioni. In questo decennio la Consulta Femminile Comunale svolge con la collaborazione del Comune importanti verifiche sullo stato dei servizi sociali per la tutela materno infantile presso i consultori e in tale occasione risulta una insufficiente qualificazione dei servizi in senso preventivo.
Risulta positivo l'inizio di una attività di screening per i tumori femminili sulle donne di età compresa tra i 25 e i 65 anni che prende il nome dal progetto stesso "Prevenzione serena". Questo progetto, approvato dalla giunta comunale è attuato nella città di Torino dove prosegue oggi con immutato successo.
Ottiene dall'assessorato al Commercio il permesso di ritardare la chiusura serale dei negozi di prima necessità per venire incontro alle esigenze delle donne lavoratrici.
Allora come oggi, in Consulta si lavora a gruppi e proprio in questo periodo di presidenza politica si attivano ricerche per approfondire ed analizzare la reale situazione della violenza alle donne, con la necessità di porre le basi per creare una specifica Associazione a sostegno delle donne in difficoltà: nel 1996 nasce così l'Associazione "Promozione Donna" e nel 1997 viene inaugurata una casa protetta per le donne in difficoltà gestita per alcuni anni dalle volontarie della Consulta.

Frida Malan è stato un legame molto importante tra la politica e la Consulta come espressione dell'impegno femminile nell'associazionismo, stimolandoci a ripensare e a consolidare i nostri valori fondamentali. Da troppo tempo ormai la Consulta non ha al suo interno una rappresentanza politica, nonostante ne facciano parte la consigliera comunale di maggioranza e di minoranza, raramente presenti nelle scelte della Consulta nei confronti dell'Amministrazione.
Infatti in questi ultimi anni la consulta si è autorappresentata, presentando nel 2019 in consiglio comunale un ordine del giorno riguardante l'equa retribuzione. È stato chiesto alla Sindaca e alla Giunta di assumere, anche attraverso le opportune interlocuzioni presso l'attuale Governo Italiano, tutti gli atti e le iniziative volte a promuovere la corretta attuazione e applicazione della normativa nazionale e comunitaria vigente in tema di contrasto alla discriminazione di genere nell'ambito lavorativo.
Ha presentato in audizione il progetto "Donne e Lavoro – Tempi di vita Tempi di lavoro" e le proposte emerse da un sondaggio svolto sul territorio cittadino, riguardante i servizi per l'infanzia e la cura degli anziani, temi molto attuali in questo periodo.

L'Assessore Giusta ha avuto modo in questi anni di conoscerci e sa quanto sia stato il lavoro svolto. La Consulta ha le potenzialità per essere propositiva ma viene a mancare la condivisione con la politica, mancando un confronto con essa è difficile essere propositive e rappresentative.
Personalmente proporrei, di tornare alla proficua tradizione dei tavoli di lavoro ai quali presentare e condividere con l'Amministrazione i progetti deliberati in Consulta, coinvolgendo gli assessorati interessati nell'attuazione di tali progetti. Questi incontri dovrebbero avvenire con una cadenza stabilita in modo da rendere più interessante e coinvolgente il lavoro svolto delle consultrici.

Colgo l'occasione per ricordare due date: il 17 marzo in commissione pari opportunità sarà audita la CFC in riferimente ad un odg presentato nel 2019 avente come oggetto l'equa retribuzione. Si dibatterà il tema "divario retributivo di genere, situazione attuale e atti di indirizzo comunitari" con l'europarlamentare On. Pina Picierno, e le on.li Stefania Ascari e Gilda Sportiello.
Il 24 marzo avrà luogo in videoconferenza il covegno "Donne e Lavoro – Tempi di vita Tempi di lavoro", al convegno interverranno oltre ad illustri relatrici, una sindacalista ed una europarlamentare.

Silvana Ferratello, presidente Consulta Femminile Comunale

allegati:

Convegno sulla Medicina di Genere

11-12-2020 @ 07:30, webmaster

In occasione della "Giornata Internazionale per l'Eliminazione della Violenza sulle Donne" la Consulta Femminile Comunale di Torino, in data 26 novembre 2020 alle ore 15:30 ha presentato in video conferenza il convegno dal titolo "Medicina di Genere... perché è fondamentale per la nostra salute...".
La CFC ha voluto approfondire, con l'ausilio di esperti che hanno partecipano al convegno, quanto previsto dal Piano per l'applicazione e la diffusione della Medicina di Genere – Legge 3/2018.
L'obiettivo del Piano è quello di mettere al centro della cura la persona con la sua unicità, con terapie sempre più mirate, un modo per aprire la strada all'appropriatezza e alla tutela della salute di entrambi i generi.

È intervenuta, in rappresentanza della Città di Torino, la presidente della commissione Diritti e Pari Opportunità Cinzia Carlevaris, che ha espresso il proprio appoggio alle finalità del convegno della CFC.
Anche l' assessore Marco Giusta ha portato i saluti e si è complimentato con la Consulta per il lavoro che ha saputo svolgere.

Al convegno hanno partecipato:
Chiara Benedetto, direttore Ginecologia e Ostetricia Universitaria 1 Ospedale Sant'Anna di Torino: ha approfondito il tema dalla medicina di genere alla medicina di genere-specifica con particolare riguardo alla situazione attuale e alle prospettive future.
Fabrizio Bert, dirigente medico S.C. Direzione Sanitaria Molinette A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino - Ricercatore Igiene Sanità Pubblica Università di Torino: ha trattato il tema delle differenze di genere in medicina prendendone in considerazione gli aspetti epidemiologici e socio-culturali.
Norma de Piccoli, professoressa Ordinaria di Psicologia Sociale e Psicologia di Comunità, Dipartimento di Psicologia, Presidente del CIRSDe Università di Torino: ne ha affrontato l'aspetto psicosociale.
Monica Cerutti, già Assessora Regione Piemonte - Pari Opportunità: è stato affrontato il percorso virtuoso, tra pubblico e privato, riguardante la medicina di genere durante il suo precedente mandato in Regione.
Elisabetta Vercesi, Fondazione Onda Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere - Coordinatore Area Ricerche, Bollini Rosa e Bollini RosaArgento: ha affrontto la tematica della catalogazione degli ospedali di genere.

Ha moderato il convegno Silvia De Francia ricercatrice in farmacologia dell'Universita' di Torino – divulgatrice scientifica – giornalista per la Stampa su temi di scienze e salute. È intervenuta ponendo domande ai relatori.

Il convegno iniziato alle 15:30 è terminato oltre le ore 18:00, registrando un considerevole numero di contatti con diversi interventi da parte di persone che hanno assistito da remoto.
Il convegno è stato organizzato da un gruppo di lavoro della Consulta composto dalle Colsultrici Marina Gromme (Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti – A.I.D.I.A.), Silvana Zocchi (Associazione Solidale – AS.SO.), Mariavittoria Colli (Associazione Donne Capofamiglia – A.Do.C), Franca Ozzello (Associazione ZONTA CLUB), Elisabetta Malagoli (Lista Civica per Torino)

allegati:

Audizione del gruppo di lavoro "Donne e Lavoro Tempi di vita - Tempi di lavoro"

30-10-2020 @ 17:30, webmaster

Il gruppo di lavoro "Donne e Lavoro Tempi di vita - Tempi di lavoro" è stato audito in data 21 ottobre 2020 alle ore 11:00 dalla Commissione Consiliare Diritti e Pari Opportunità, presieduta dalla Presidente Cinzia Carlevaris.

Il gruppo di lavoro composto da Cinzia Pietrosanto, Angela Kalaydjian (CISL), Cecilia D'Agostini (UIL), Gloria Pecoraro (CGIL), Maria Luigia Ghiggia (A.P.I.D.) e le consultrici entrate successivamente a far parte del gruppo, Margaret Weirick e Daniela Alfonzi (BANCHE DEL TEMPO), ha iniziato la sua attività; nel corso del 2018 mettendo a punto un questionario che, prima della sua diffusione, è stato sottoposto al parere degli Assessorati alle Pari Opportunità, al Lavoro, alle Politiche Sociali, all'Istruzione, alla Responsabile dell'Anagrafe e ai Presidenti di Circoscrizione.

A partire dal mese di marzo 2019 il questionario, che poneva particolare attenzione ai servizi dedicati all'infanzia e agli anziani, è stato presentato nelle circoscrizioni. Durante questi incontri, in presenza dei responsabili delle commissioni, consiglieri di circoscrizione e cittadini, ci sono stati dibattiti e confronti al termine dei quali si è provveduto alla compilazione del questionario proposto dal gruppo di lavoro della CFC.

All'anagrafe il questionario è stato presentato e compilato dalle cittadine in attesa sia all'esterno che all'interno dell'ufficio.

È stato, inoltre, presentato e distribuito nelle sedi sindacali CGIL CISL E UIL, alle associazioni, nelle farmacie e nei negozi. I dati raccolti, su un campione di circa 1500 questionari, dei circa 3000 distribuiti, sono stati elaborati e raccolti in un fascicolo.

Oggi il gruppo di lavoro espone alle Commissioni Diritti e Pari Opportunità, Lavoro, Politiche Sociali e Istruzione i risultati dei questionari alla data del mese di marzo 2020 e le relative proposte; presenta inoltre una relazione che illustra i tempi di vita e tempi di lavoro attuali, tema che mantiene tutto il suo valore, se coniugato al femminile e tanto più condizionato dalla situazione di emergenza di questo periodo.

Tarsilla Silvana Ferratello
presidente Consulta Femminile Comunale

allegati:

Presentazione di mozione da parte della Consulta Femminile Comunale

14-07-2020 @ 15:30, webmaster

La mozione della CFC con oggetto "Proroga termini rinnovo cariche della Consulta Femminile Comunale", presentata dalle consultrici Viviana Ferrero, consigliera comunale per la maggioranza, e Elide Tisi, consigliera per la minoranza, è stata depositata in Comune in data 10 luglio, con Elide Tisi prima firmataria. Nel corso del Consiglio Comunale di lunedì 13 luglio tale mozione è stata presentata e discussa dalle consigliere Tisi e Ferrero e successivamente votata all'unanimità dei consiglieri presenti.

La mozione prevede altresì che nel periodo di transizione la CFC possa pienamente operare in regime di prorogatio. In tale periodo, la Consulta con un suo gruppo di lavoro/commissione, si occuperà di ulteriori modifiche dello Statuto al fine di ammettere un maggior numero di associazioni purché con prevalenza femminile e con rappresentanti femminili, come già deliberato nell'assemblea della Consulta il 14 novembre 2019.

Per tutto quanto sopra, è stato coinvolto l'Ufficio di Presidenza, il Comitato Esecutivo e le consigliere di maggioranza Viviana Ferrero e di minoranza Elide Tisi.

allegati:

news 2008 - 2019

15-01-2020 @ 00:01, webmaster

Gli articoli pubblicati negli anni precedenti, sono diponibili per la consultazione partendo dal collegamento che trovate in alto a destra in questa pagina, archiviati per anno di pubblicazione.

la redazione web

2019 - 2018 - 2016 - 2015 - 2014 - 2013 - 2012 - 2011 - 2010 - 2009 - 2008