Visto il “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023 – 2025” approvato in data 29/12/2022 con Atto del Senato n. 442 – Art. 1 comma 815 – è prorogato al 30/06/2023 il regime di occupazione straordinario del suolo pubblico come previsto dall’art. 40 Decreto Legge 23.09.2022 n. 144 (cd. Decreto aiuti ter), salvo la disdetta da parte dell’interessato.

La proroga è subordinata al pagamento della COSAP e TARI.

La comunicazione di proroga, nuova occupazione o disdetta, per i cosiddetti “dehors straordinari” o “nuove istallazioni” è da inviarsi tramite PEC (somministrazione@cert.comune.torino.it) e dovrà contenere la dichiarazione (modello unico) e le ricevute di pagamento del Canone Patrimoniale di Concessione e la TARI a partire dal 01/01/2023.

La comunicazione di proroga o disdetta, per i cosiddetti “dehors continuativi”, con concessione rilasciata negli anni 2015, 2016, 2017, 2018 ( primo semestre) e 2019 ( dopo il 22 luglio), sarà da inviarsi tramite PEC (tributi@cert.comune.torino.it) e dovrà contenere la dichiarazione (modello proroga concessioni dehors continuativi).

L’ufficio Occupazioni Permanenti di Suolo Pubblico – Divisione Tributi e Catasto (Corso Racconigi 49) provvederà a trasmettere i bollettini per il pagamento del canone di occupazione di suolo pubblico.

La proroga transitoria è finalizzata anche a consentire una graduale messa a regime della normativa regolamentare ordinaria (Regolamento Comunale n. 388).

Si sollecitano, pertanto, i titolari di attività, che abbiano interesse nel proseguire l’occupazione di suolo pubblico con dehors oltre alla scadenza del 30/06/2023, a presentare entro tale termine l’istanza sul portale Telematico della Camera del Commercio “Impresainungiorno”.

Quanto già pagato per il periodo di proroga sarà riconosciuto in sede di rilascio di Concessione.

Indicazioni

Modulo unico dehors straordinari (.pdf | .docx)

Modello proroga concessioni dehors continuativi (.pdf / .docx)

PROROGA DEL REGIME STRAORDINARIO DI OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO IN FAVORE DEGLI ESERCIZI PUBBLICI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE