Attività sottoposte al procedimento

La procedura si rivolge alle attività di facchinaggio, nonché a tutte le attività complementari alla movimentazione delle merci e dei prodotti.

Rientrano in tale attività:

  • portabagagli;
  • facchini e pesatori dei mercati agro-alimentari;
  • facchini degli scali ferroviari;
  • facchini doganali;
  • facchini generici;
  • facchinaggio svolto nelle aree portuali da cooperative derivanti dalla trasformazione delle compagnie e gruppi portuali;
  • ecc.

L’attivazione di una attività di facchinaggio deve essere presentata dal legale rappresentante, in caso di società, o dal soggetto, persona fisica, titolare della ditta individuale, o da un delegato appositamente designato tramite procura.

Deve essere presentata inviando Segnalazione Certificata di Inizio Attività alla CCIAA territorialmente competente, oppure al SUAP competente per il territorio in cui si svolge l’attività o è situato l’impianto oggetto dell’attività produttiva o di prestazione di servizi, che la trasmette alla CCIAA.

REQUISITI:

Soggettivi:

  • possesso dei requisiti morali previsti dall’articolo 11 del R.D. 773/1931;
  • assenza di pregiudiziali ai sensi della legge antimafia.

Oggettivi:

  • non sono richiesti specifici requisiti professionali.

Cosa occorre fare

Per aprire, cessare o modificare un’attività di facchinaggio, si deve presentare SCIA corredata dai relativi documenti tramite il Portale Impresainungiorno, compilata dal titolare dell’attività o da un delegato alla compilazione.;

La presentazione della Segnalazione consente di iniziare subito l’attività.

Documentazione da allegare

Tutti i documenti da allegare sono indicati nella modulistica reperibile portale Impresainungiorno.

Modulistica

I modelli vengono generati direttamente sul portale Impresainungiorno dopo aver selezionato il procedimento da utilizzare.

Contatti

La struttura competente è lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) della quale è responsabile il Dott. Flavio Roux.
Il responsabile del Procedimento è la funzionaria Dott.ssa Chiara Bravo.
Lo Sportello Unificato del Commercio ha sede a Torino in Via Meucci 4.
Per informazioni e-mail: commercio-licenzeps@comune.torino.it

Per ulteriori richieste informazioni e informazioni su orari e sportelli consultare la pagina Contatti.

Tempistica

I termini per la conclusione del procedimento istruttorio sono di 60 giorni.

Oneri

I diritti di istruttoria, previsti dalla  Deliberazione della Giunta Comunale n. 449 del 28 giugno 2022, sono di € 20,00.

L’importo dovuto deve essere versato unicamente tramite il servizio PagoPA all’interno del Portale Impresainungiorno.

Per la comunicazione di cessazione non è dovuto il pagamento dei diritti.

Durata/Rinnovi

La segnalazione certificata di inizio attività ha validità permanente, salvo modifiche sostanziali relative al soggetto titolare o alla struttura.

Non è prevista alcuna comunicazione di rinnovo periodico.

Riferimenti normativi

  • D.Lgs. 25 novembre 2016 n. 222 “Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e di definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi .…”
  • D.Lgs. 26 marzo 2010 n. 59 “Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno.
  • D.L. 31 gennaio 2007 n. 7 “Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese”
  • D.M. 30 giugno 2003 n. 221 “Regolamento recante disposizioni di attuazione dell’art. 17 L. 5 marzo 2001 n. 57, in materia di riqualificazione delle imprese di facchinaggio.”
  • L. 5 marzo 2001 n. 57 “Disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati.”