Attività sottoposte al procedimento

Sono soggetti al rilascio di autorizzazione sanitaria tutti gli impianti natatori, sia pubblici che privati.

Sono soggetti a Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) il subingresso nella titolarità o nella gestione della piscina.

Sono soggetti a Comunicazione le modifiche societarie e la cessazione dell’attività.

Cosa occorre fare

Per la domanda di apertura piscina:

Compilare la domanda di rilascio autorizzazione apertura  (mod. 408) e dopo aver applicato una marca da bollo da € 16,00 inviarla via pec all’indirizzo: suap@cert.comune.torino.it comprensiva del documento di identità del richiedente, degli allegati e del pagamento richiesto.

Per il subingresso:

Compilare la S.C.I.A. di subingresso (mod. 408BIS) e inviarla via pec all’indirizzo: suap@cert.comune.torino.it comprensiva del documento di identità del richiedente, degli allegati e del pagamento richiesto.

Per la Comunicazione di modifica societaria:

Compilare la Comunicazione (mod. 405) e inviarla via pec all’indirizzo: suap@cert.comune.torino.it comprensiva del documento di identità del richiedente, degli allegati e del pagamento richiesto.

Per la Comunicazione di cessazione:

Compilare la Comunicazione (mod. 401) e inviarla via pec all’indirizzo: suap@cert.comune.torino.it comprensiva del documento di identità del richiedente.

Documentazione da allegare

Per le domande di apertura piscina:

  • Copia del documento di identità in corso di validità;
  • (per i cittadini extracomunitari) Copia del permesso di soggiorno in corso di validità, idoneo all’esercizio dell’attività economica, e/o copia della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo alla Questura (come da nota n. prot. 11050/M(9)) del 5/08/2006 del Ministero dell’Interno);
  • Planimetrie dei locali e delle eventuali aree annesse in scala 1:100 firmate e datate da tecnico abilitato riportanti le quote della superficie dei singoli locali, i rapporti aeranti ed illuminanti, la denominazione dei locali e la loro destinazione d’uso;
  • Dichiarazione di conformità dell’impianto alla regola d’arte ai sensi del D.M. 37/2008 firmata da tecnico abilitato; 
  • Relazione sull’impianto di depurazione firmata da tecnico abilitato;
  • Certificazione caratteristiche antisdrucciolo del pavimento;
  • Dichiarazione per utenze non domestiche – TARI;
  • ALLEGATO A1 (Per le Società: Dichiarazione attestante l’inesistenza delle cause di divieto, di decadenza, di sospensione di cui all’art.67 del D.Lgs. 06.09.2011 n. 159 da compilarsi a cura di: S.N.C.: tutti i soci;  S.A.S.: soci accomandatari; S.P.A. e S.R.L.: rappresentante legale e membri del consiglio di amministrazione con relative fotocopie dei documenti di identità in corso di validità di tutti i firmatari);
  • Attestazione dell’avvenuto versamento dei diritti di istruttoria, corrispondenti all’importo di Euro 60,00 tramite il portale PiemontePay/pagoPA di Torinofacile.

Per le SCIA di subingresso:

  • Copia del documento di identità in corso di validità;
  • (per i cittadini extracomunitari) Copia del permesso di soggiorno in corso di validità, idoneo all’esercizio dell’attività economica, e/o copia della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo alla Questura (come da nota n. prot. 11050/M(9)) del 5/08/2006 del Ministero dell’Interno);
  • ALLEGATO A1 (Per le Società: Dichiarazione attestante l’inesistenza delle cause di divieto, di decadenza, di sospensione di cui all’art.67 del D.Lgs. 06.09.2011 n.159 da compilarsi a cura di: S.N.C.: tutti i soci;  S.A.S.: soci accomandatari; S.P.A. e S.R.L.: rappresentante legale e membri del consiglio di amministrazione con relative fotocopie dei documenti di identità in corso di validità di tutti i firmatari);
  • Dichiarazione per utenze non domestiche – TARI;
  • Attestazione dell’avvenuto versamento dei diritti di istruttoria, corrispondenti all’importo di Euro 20,00 tramite il portale PiemontePay/pagoPA di Torinofacile;
  •  (in caso di nuovo affitto di azienda in assenza di reintestazione da parte del proprietario dell’Azienda): dichiarazione (redatta ai sensi del D.P.R. 445/2000) a firma del proprietario dell’Azienda con la quale viene attestato di essere rientrato in possesso dell’attività (indicandone i termini) e di avere la disponibilità esclusiva dei locali a seguito di cessazione del rapporto con il precedente gerente.

Per le Comunicazioni di modifica societaria:

  • Copia del documento di identità in corso di validità;
  • (per i cittadini extracomunitari) Copia del permesso di soggiorno in corso di validità, idoneo all’esercizio dell’attività economica, e/o copia della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo alla Questura (come da nota n. prot. 11050/M(9)) del 5/08/2006 del Ministero dell’Interno;
  • ALLEGATO A1 – Dichiarazione attestante l’inesistenza delle cause di divieto, di decadenza, di sospensione di cui all’art.67 del D.Lgs. 06.09.2011 n. 159 da compilarsi a cura di:
    • S.N.C.: tutti i soci; 
    • S.A.S.: soci accomandatari;
    • S.P.A. e S.R.L.: rappresentante legale e membri del consiglio di amministrazione con relative fotocopie dei documenti di identità in corso di validità di tutti i firmatari);
  • Attestazione di versamento dei diritti di istruttoria, corrispondenti all’importo di Euro 20,00 tramite il portale PiemontePay/pagoPA di Torinofacile;

Per le Comunicazioni di cessazione:

  • Copia del documento di identità in corso di validità;
  • (per i cittadini extracomunitari) Copia del permesso di soggiorno in corso di validità, idoneo all’esercizio dell’attività economica, e/o copia della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo alla Questura (come da nota n. prot. 11050/M(9)) del 5/08/2006 del Ministero dell’Interno;

Modulistica

Modello 408 (Modulo di domanda di rilascio autorizzazione sanitaria per attività di piscina) per tutte le istanze relative all’apertura.

Modello 408BIS SCIA Subingresso (Modulo S.C.I.A. Segnalazione Certificata di Inizio Attività di Piscina) a seguito di subingresso nella titolarità o nella gestione dell’azienda.     

Modello 401: Comunicazione di cessazione.

Contatti

La struttura competente è lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) della quale è responsabile il Dott. Flavio Roux.

Il responsabile del Procedimento è il funzionario Roberto Carone.

Lo Sportello Unificato del Commercio ha sede a Torino in Via Meucci 4.

Per ulteriori richieste informazioni e informazioni su orari e sportelli consultare la pagina Contatti.

Enti coinvolti

ASL Città di Torino – S.C. Servizio Igiene e Sanità Pubblica – S.S. Igiene Edilizia e Urbana – Via della Consolata 10 – Torino
pec: sisp@pec.aslcittaditorino.it
mail: igienedelterritorio@aslcittaditorino.it

Tempistica

PER LA DOMANDA DI APERTURA PISCINA: l’Ufficio competente ha 30 giorni di tempo per il rilascio dell’autorizzazione, decorrenti dalla data di ricevimento dei pareri degli enti coinvolti.

 PER LA S.C.I.A. DI SUBINGRESSO: ai sensi dell’art. 19 comma 2 della Legge 241/1990 l’attività può essere iniziata dalla data di presentazione della Segnalazione all’Amministrazione competente, fatti salvi eventuali provvedimenti interdittivi che possono essere adottati entro 60 giorni dalla presentazione.

Oneri

Per la domanda di apertura piscina:

  • Marca da bollo da 16,00 euro da apporre sulla domanda modello 410
  • Marca da bollo da 16,00 euro da apporre sull’autorizzazione al momento della consegna e 0,52 euro di diritti di segreteria.
  • versamento dei diritti di istruttoria, ai sensi della Deliberazione della Giunta Comunale n. 449 del 28/06/2022, corrispondenti all’importo di Euro 60,00 tramite il portale PiemontePay/pagoPA di Torinofacile (Ente: Comune di Torino – Pagamento: Commercio – Diritti – Diritti istruttoria e/o segreteria pratiche).

Per la SCIA di subingresso:

Durata/Rinnovi

PER LE DOMANDE DI APERTURA PISCINA: L’autorizzazione è rilasciata senza limiti temporali sino a modifica delle condizioni che ne hanno consentito il rilascio.

PER LE S.C.I.A. DI SUBINGRESSO: Le segnalazioni hanno validità sino a modifica della sede, della superficie della piscina o della titolarità.

Riferimenti normativi

  • Testo Unico delle Leggi Sanitarie R.D. 27.07.1934, n. 1265
  • Atto d’intesa tra Stato e Regioni relativo agli aspetti igienico-sanitario concernenti la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine ad uso natatorio (G.U. del 17.02.1992, n. 39)
  • D.M. 18.03.1996 – Norme di Sicurezza per la Costruzione e l’Esercizio degli Impianti Sportivi
  • Accordo tra Ministero della Salute, la Regione e le Provincie autonome di Trento e Bolzano sugli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine, ad uso natatorio, pubblicato in G.U. il 03.03.2003
  • D.G.R. n. 119 – 9199 del 28.04.2003 con la quale la Regione Piemonte ha recepito il suddetto accordo
  • Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali approvato con Decreto Legislativo n. 267 del 18.08.2000 ed in particolare l’art. 107