Attività sottoposte al procedimento

Per attività di autoriparatore si intendono tutti gli interventi di sostituzione, modificazione e ripristino di qualsiasi componente, anche particolare, dei veicoli e dei complessi di veicoli a motore circolanti su strada, nonché l’installazione sugli stessi di impianti e componenti fissi.

L´attività di autoriparazione si distingue in:

  • Meccatronica (meccanica motoristica ed elettrauto – casi particolari)
  • Carrozzeria
  • Gommista

Anche le imprese che svolgono in prevalenza attività di commercio veicoli od autotrasporto di cose per conto terzi ed attività di autoriparazione con carattere strumentale ed accessorio, nonché le imprese dotate di officine interne (operanti esclusivamente su veicoli di proprietà dell´impresa stessa), devono possedere i requisiti richiesti dalla L. 122/92.

La Legge 11 dicembre 2012, n. 224 ha unificato le sezioni meccanica-motoristica ed elettrauto nella sezione meccatronica.

Non rientrano nell’attività di autoriparazione (legge 122/92) le attività di:

  • Lavaggio
  • Rifornimento di carburante
  • Sostituzione del filtro dell’aria e dell’olio
  • Sostituzione dell’olio lubrificante e di altri liquidi lubrificanti o di raffreddamento

Tali attività sopra elencate devono in ogni caso essere effettuate nel rispetto delle norme vigenti in materia ambientale e di smaltimento dei rifiuti e presentare S.C.I.A. per attività artigianale/industriale ai sensi dell’art. 241 del Regolamento comunale di Igiene n. 30 se vengono utilizzati strumenti mossi senza l’ausilio della forza dell’uomo.

L’esercizio dell’attività presso ogni sede operativa è subordinato alla presentazione di una Segnalazione certificata di inizio attività e alla contestuale nomina di un responsabile tecnico in possesso di requisiti sia personali che professionali (ex Legge 122/92).

Anche il Subingresso nella titolarità o nella gestione dell’azienda, per atto tra vivi o per causa di morte è subordinato alla nomina di un responsabile tecnico in possesso dei requisiti di idoneità personali e professionali.

Per ulteriori informazioni in merito alla tipologia dei requisiti richiesti per le figure professionali può essere consultata l’apposita sezione del sito della Camera di Commercio di Torino.

Cosa occorre fare

Presentare le SCIA corredata dei relativi documenti tramite il Portale Impresainungiorno.

Documentazione da allegare

In caso di Apertura o Trasferimento dell’attività di Meccatronica, Carrozzeria e Gommista le S.C.I.A. devono essere accompagnate da:

  • Documento di identità in corso di validità del proponente e del delegato;
  • Valutazione previsionale di impatto acustico ai sensi dell’art. 23, comma 3, del Regolamento Comunale per la Tutela dell’inquinamento Acustico n. 318 e della L. 26 ottobre 1995, n. 447 e s.m.i. (sottoscritta anche dal proponente ai sensi della L.R. n. 52/2000 e della D.G.R. 2 febbraio 2004 n. 9-11616);
  • Protocollo e data della SCIA di prevenzione incendi nel caso la superficie coperta di esercizio sia superiore ai 300mq;
  • Denuncia di occupazione unità immobiliare utenze non domestiche per lo smaltimento dei rifiuti;
  • Ricevuta di versamento dei diritti di istruttoria;
  • Ricevuta di presentazione di autorizzazione in deroga per l’uso lavorativo di locali sotterranei o semi-sotterranei (per le sole attività che intendono esercitare in tali locali) ai sensi dell’art. 65 del D.lgs. 81/2008, che deve essere preventivamente concessa dall’ASL TO1 (Servizio Prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro).

In caso di Apertura o Trasferimento dell’attività di Carrozzeria, oltre ai documenti sopra elencati, le S.C.I.A. devono essere accompagnate da:

  • Protocollo di domanda di adesione all’autorizzazione in via generale alle emissioni in atmosfera ai sensi dell’articolo 272, comma 2, del D.Lgs. n. 152/2006 (SOLO per le attività che effettuano verniciatura di carrozzerie di autoveicoli con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all’uso giornaliero NON superiore a 20 kg);
  • Protocollo di domanda di Autorizzazione Unica Ambientale ai sensi del Regolamento regionale 6 luglio 2015, n. 5/R (SOLO per le attività che effettuano verniciatura di carrozzerie di autoveicoli con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all’uso giornaliero superiore a 20 kg);
  • Comunicazione al Sindaco per Industria insalubre ai sensi dell’art. 216 del testo unico delle leggi sanitarie (Regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265), accompagnata da relazione sulle speciali cautele adottate al adottate al fine di tutelare la salute pubblica  e in particolare dichiarazione circa il rispetto delle distanze previste dalla normativa ambientale tra i camini a servizio dell’attività e i locali limitrofi ovvero dichiarazione del Titolare ai sensi del D.P.R. 445/2000 che attesti che non viene svolta attività di verniciatura.

In caso di Subingresso dell’attività di Meccatronica, Carrozzeria e Gommista le S.C.I.A. devono essere accompagnate da:

  • Documento di identità in corso di validità del proponente e del delegato;
  • Valutazione previsionale di impatto acustico ai sensi dell’art. 23, comma 3, del Regolamento Comunale per la Tutela dell’inquinamento Acustico n. 318 e della L. 26 ottobre 1995, n. 447 e s.m.i. (sottoscritta anche dal proponente ai sensi della L.R. n. 52/2000 e della D.G.R. 2 febbraio 2004 n. 9-11616) qualora la stessa dell’impresa cedente sia antecedente al 20/12/2010 o se si siano state apportate modifiche all’impiantistica dell’attività;
  • Denuncia di occupazione unità immobiliare utenze non domestiche per lo smaltimento dei rifiuti;
  • Ricevuta di versamento dei diritti di istruttoria.

In caso di Subingresso si ricorda che è necessario indicare gli estremi dell’atto notarile, della scrittura privata autenticata o della successione e della:

  • Voltura della Domanda di adesione all’autorizzazione in via generale alle emissioni in atmosfera;
  • Voltura della Domanda di Autorizzazione Unica Ambientale;
  • Voltura della SCIA di prevenzione incendi.

Nella sezione modulistica sono disponibili anche gli indirizzi ove scaricare la modulistica relativa alla S.C.I.A. di prevenzione incendi e ai procedimenti relativi alle insegne di esercizio per le attività soggette.

Modulistica

Contatti

La struttura competente è lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) della quale è responsabile il Dott. Flavio Roux.

Il responsabile del Procedimento è il funzionario Dott. Alberto Giachello.

Lo Sportello Unificato del Commercio ha sede a Torino in Via Meucci 4.

Per richiesta informazioni e informazioni su orari e sportelli consultare la pagina Contatti.

Enti coinvolti

  • A.S.L. 1 TORINO – Dipartimento di Prevenzione – S.C. Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro – Via Alassio 36/e – 10126 Torino
  • CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO – Artigianato e attività verificate – Via San Francesco da Paola 24 – 10123 Torino
  • CITTA’ METROPOLITANA DI TORINO – Area Risorse Idriche e Qualità dell’Aria – Corso Inghilterra 7 – 10138 Torino
  • COMANDO PROVINCIALE VVF TORINO – Corso Regina Margherita 330 – 10143 Torino

Tempistica

S.C.I.A. : l’attività può essere iniziata contestualmente alla presentazione della Segnalazione ovvero dalla data successiva indicata dal titolare, fatti salvi eventuali provvedimenti interdettivi che possono essere adottati entro 60 giorni dalla presentazione.

S.C.I.A. e contestuale Domanda di Autorizzazione in via generale alle emissioni in atmosfera (verniciatura di carrozzerie di autoveicoli con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all’uso giornaliero non superiore a 20 kg): l’attività potrà essere iniziata decorsi 45 giorni dalla presentazione della Domanda, fatte salve eventuali interruzioni o sospensioni previste dalla normativa di settore (D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.).

S.C.I.A. e contestuale Domanda di Autorizzazione Unica Ambientale (verniciatura di carrozzerie di autoveicoli con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all’uso giornaliero superiore a 20 kg): l’attività non potrà essere iniziata fino al conseguimento dell’Autorizzazione allo scarico che dovrà essere adottata dall’Autorità competente (Città metropolitana di Torino) entro 120 giorni dalla presentazione della Domanda, fatte salve eventuali interruzioni o sospensioni previste dalla normativa di settore (D.Lgs. 152/2006 e s.m.i).

Qualora per le attività che effettuino verniciatura di carrozzerie di autoveicoli si sia già in possesso delle relative autorizzazioni ambientali, l’attività potrà essere iniziata dalla data di presentazione della S.C.I.A., avendo cura di indicare nella stessa gli estremi degli atti autorizzativi già ottenuti.

In caso di comunicazione al Sindaco per Industria insalubre l’attività potrà essere attivata decorsi 15 giorni dalla suddetta comunicazione ai sensi dell’art. 216 del testo unico delle leggi sanitarie.

Oneri

I diritti di istruttoria, previsti dalla Deliberazione della Giunta Comunale mecc. 2019 02882/16, sono di:

  • Apertura o Trasferimento: € 50,00
  • Subingresso, comunicazione variazione responsabile tecnico, modifica e sospensione: € 20,00
  • Cessazione e comunicazione per attivazione industria insalubre: senza oneri

L’importo dovuto deve essere versato unicamente tramite il servizio PagoPA all’interno del Portale Impresainungiorno.

Durata/Rinnovi

La segnalazione ha validità senza limiti temporali sino al trasferimento o alla cessazione dell’attività, ferma restando la necessità di rinnovare eventuali titoli autorizzativi ai sensi delle disposizioni normative di settore.

Riferimenti normativi

  • Decreto Legislativo 26 marzo 2010, n. 59;
  • Legge 7 agosto 1990, n. 241;
  • Legge 5 febbraio 1992, n. 122;
  • Legge 11 dicembre 2012, n. 224;
  • Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
  • D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151;
  • Regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265;
  • Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81;
  • D.P.R. 07/09/2010 N. 160 Regolamento per semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 212, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008 n. 133;
  • D.Lgs. 25/11/2016 n. 222 Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi dell’articolo 5 della L. 07/08/2015 n. 124