Il ristoro del ‘caro bollette’ nella prima variazione di Bilancio

La sala operativa della centrale del teleriscaldamento di corso Regina Margherita

Il Consiglio comunale ha approvato la prima variazione al Bilancio di previsione 2022-2024 con l’iscrizione contabile del contributo governativo di circa 3,6 milioni di euro per le maggiori spese dei costi energetici. Il riferimento normativo è il Decreto Legge 17/2022 che prevede contributi complessivi su scala nazionale per duecentocinquanta milioni: duecento in favore dei Comuni, cinquanta in favore delle Città metropolitane.

La variazione prevede inoltre l’introito di contributi da amministrazioni centrali riguardanti programmi del Piano nazionale di ripresa e resilienza: Pnrr programma PIU’ – Pnrr Servizi sociali – Pnrr per la rigenerazione urbana – Pnrr parco dello sport e dell’educazione ambientale – Pnrr programma sicuro, verde e sociale.

Nella variazione sono iscritti ancora contributi provenienti da amministrazioni centrali per la rifunzionalizzazione del complesso ‘Le Nuove’ e contributi alla Fondazione 20 marzo 2006 e all’Agenzia Torino 2006 per lavori di manutenzione straordinaria a ‘Torino Esposizioni’ nell’ambito del progetto ‘Torino, il suo parco e il suo fiume: memoria e futuro’.

(Roberto Tartara)