Mappa del sito |
| Ricerca avanzata

La Tana del Babi

L'attenzione per i giovani e le differenti integrazioni nel tessuto sociale urbano sono alla base del progetto che l'associazione Babi, in collaborazione con la V Circoscrizione, ha sviluppato nella creazione de "La Tana del Babi", il nuovo centro di protagonismo giovanile che apre ufficialmente al pubblico a partire da venerdì 1 maggio 2015.
"Il nostro interesse - dice Walter Revello, presidente di Babi, è creare uno spazio di libera crescita e espressione, destinato a ragazzi e giovani adulti.
Vogliamo aprire una "casa" per quanti vogliano incontrarsi, imparare, divertirsi.
Il progetto prosegue le linee guida di Babi che da un decennio lavora a Torino ma non solo per offrire nuove e alternative possibilità alla cittadinanza, con particolare attenzione per quelle categorie sociali ritenute maggiormente delicate: bambini, adolescenti, giovani, stranieri.
 
Il progetto, frutto di mesi di lavoro, nasce grazie alla V Circoscrizione che ha fortemente sostenuto la programmazione presentata da Babi, mettendo a disposizione gli spazi di corso Grosseto 115: all'interno del cortile delle storiche case fondate nel 1930, trova spazio un complesso di oltre 400 metri quadri, articolato in sale e laboratori a disposizione di quanti vogliano mettersi in gioco.
 
"L'attività della Tana del Babi - continua ancora Revello - è articolata in modo da offrire uno spazio sempre fruibile, dal mattino alla sera, sette giorni su sette, a tutte le possibili tipologie di utenza." Il programma, in costante sviluppo, è declinato sulle quattro sale principali della struttura, destinate a musica, danza, teatro con oltre venti differenti laboratori attivi nel medesimo periodo. A questi si aggiunge uno spazio interamente dedicato allo studio individuale, collettivo e assistito, con la possibilità di avere un tutor personale per la crescita e l'eventuale recupero, per studenti di ogni età.
A incrementare la programmazione, un cortile, un patio e una sala relax interamente destinati alla ricerca di uno spazio sereno in cui confrontarsi o trovare un momento per sé.
 
Babi, già titolare del progetto Teatro Diffuso, prima stagione teatrale articolata su differenti territori in Italia e all'estero, ha deciso inoltre di attivare una stagione OFF della propria rassegna presso la Tana: ogni venerdì sera, alle ore 21.00, uno spettacolo nuovo offerto alla cittadinanza con ingresso a cappello! 
 

Per il calendario completo, invitiamo a visitare il sito  www.ilbabi.it
 
L'appuntamento è a LA TANA DEL BABI, in Corso Grosseto 115 (interno cortile/piano terra) a Torino.

PER INFORMAZIONI : informazioni.babi@gmail.com

Spettacolo violenza sulle donne

"TEATRO DIFFUSO"
-quarta edizione-

Teatro OFF
NI UNA MUERTA MAS
non una morta di più
Venerdì  25 novembre 2016 , ore 21,00
TANA DEL BABI
Corso Grosseto 115, int. Cortile


Torino, 25 Novembre 2016
Al via il secondo appuntamento con la rassegna del venerdì sera, "TEATRO OFF": alla Tana del Babi in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, andrà in scena la pièce "Ni una muerta mas" - non una morta di più.
«L'autrice di questa frase» spiega Anna Abate, autrice ed interprete del monologo, « è stata assassinata a 36 anni. Si chiamava Susana Chavez, poetessa e attivista contro i femminicidi a Ciudad Juarez, città messicana ai confini con gli USA tristemente famosa per le sparizioni e gli omicidi di centinaia di donne ogni anno». Da questa storia vera prende vita un originale monologo nel quale l'Abate vestirà i panni della scrittrice scomparsa.
«La potenza della parola è un'arma più tagliente di una lama» prosegue Abate « provoca intorno a sé il risveglio delle coscienze contro ogni violenza da parte del del potere costituito. Ma al di là del porsi come manifesto politico, il monologo insiste sugli aspetti umani, sul vuoto che una tale figura ha lasciato nell'ambiente intorno a sé, famigliari, amici e in tutti coloro che l'hanno avvicinata».
Un inedito "one woman show" che rende omaggio al coraggio e all'umanità di tutte le donne che rischiano la vita quotidianamente nel prendere posizione di fronte alle ingiustizie del mondo.

Ultimo aggiornamento: 26/04/2017