Mappa del sito |

Ultimo aggiornamento: 23/03/2017

COMMISSIONI DI QUARTIERE 
 
Il nuovo Regolamento del Decentramento della Città di Torino prevede l'istituzione delle "Commissioni di Quartiere".
L'articolo 29 bis individua nelle commissioni di quartiere gli strumenti primari di coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali e nella realizzazione delle politiche territoriali per l'ambito territoriale di riferimento.
 
Le Commissioni elaborano il Piano di Sviluppo Annuale che, a partire dall'analisi delle caratteristiche sociali economiche e demografiche del quartiere, individua le criticità presenti sul territorio e le proposte circa le priorità di intervento.
 
Le Commissioni di Quartiere sono costituite con deliberazione del Consiglio Circoscrizionale e sono composte da Consiglieri Circoscrizionali e cittadini del quartiere che ne abbiano chiesto l'iscrizione, in un numero massimo stabilito dal Consiglio Circoscrizionale stesso.
 
La Circoscrizione IV ha istituito le Commissioni di Quartiere con i seguenti confini territoriali:
 
BASSO SAN DONATO- SPINA 3
Fiume Dora, Corso Principe Oddone, Corso Regina Margherita, Corso Tassoni
CAMPIDOGLIO-SAN DONATO
Corso Lecce, Corso Potenza, Via Nole, Piazza Piero della Francesca, Fiume Dora, Corso Tassoni, Corso Regina Margherita, Corso principe Oddone, Corso Francia
PARELLA
Comune di Collegno, Corso Francia, Corso Lecce, Corso Regina Margherita
 

Mappa Commissioni di Quartiere


E' possibile iscriversi alle commissioni di quartiere della Circoscrizione IV
.

Prima di procedere alla compilazione del modulo di richiesta iscrizione Vi invitiamo a leggere attentamente l'informativa.
  
Il modulo, debitamente compilato e sottoscritto, può essere inviato unitamente ad una copia del documento di riconoscimento in corso di validità all'indirizzo circoscrizione.iv@cert.comune.torino.it o consegnato a mano all'ufficio Informa4 in Via Servais n 5 che osserva i seguenti orari:
 
LUNEDI' E MERCOLEDI' DALLE ORE 09,00 ALLE ORE 13,00 E DALLE ORE 14,00 ALLE ORE 15,30
 
MARTEDI' E GIOVEDI' DALLE ORE 09,00 ALLE ORE 13,00
 
VENERDI' DALLE ORE 09,00 ALLE ORE 12,00

Regolamento

COMMISSIONI DI QUARTIERE
Art. 1 - Finalità

Il presente Regolamento definisce e specifica le modalità di composizione, attività e funzionamento delle Commissioni di Quartiere indicate dall'art. 29 bis del Regolamento del Decentramento della Città di Torino nr. 374, che indica le commissioni di quartiere all'interno della III Commissione, integrando quanto non espressamente individuato nello Statuto comunale e nel Regolamento predetto, al fine di valorizzare la partecipazione dei cittadini nei processi decisionali, la più adeguata capacità di coinvolgimento territoriale e la collaborazione con l'organizzazione e le funzioni circoscrizionali. Le attività della Commissione sono volontarie e gratuite, non danno diritto ad indennità o forme dirette od indirette di remunerazione e sono esclusivamente rivolte all'interesse collettivo ed ai valori partecipativi di ambito circoscrizionale in relazione agli scopi predetti.

Art. 2 - Iscrizione alle Commissioni di Quartiere

Partecipano alle Commissioni, quali componenti di diritto, a titolo gratuito senza indennità di partecipazione alle sedute, i Consiglieri di Circoscrizione, ed i cittadini residenti nel quartiere che ne abbiano fatto richiesta su apposito modulo pubblicato sul sito web della Circoscrizione, a mezzo di consegna diretta all'Ufficio della domanda o a mezzo PEC, nel numero massimo di cento cittadini, e che verranno inseriti in un Elenco, soggetto a periodiche revisioni, tenuto dalla Circoscrizione. Con opportune deliberazioni della Circoscrizione si individueranno specifiche forme di verifica periodica e revisione dell'Elenco. Le domande di iscrizione potranno essere presentate, ad un Ufficio specificamente indicato dalla Circoscrizione, nei dieci giorni successivi alla data prevista nell'avviso di apertura delle iscrizioni stesse, pubblicato sul sito web della Circoscrizione e affisso nelle sedi circoscrizionali. Per l'iscrizione si seguirà il criterio di priorità cronologica delle domande di iscrizione, attesta

Art. 3 - Deroghe al criterio della residenza anagrafica

All'atto di costituzione della Commissione potranno essere approvate, con specifica votazione, iscrizioni richieste, con idonee motivazioni, da cittadini che, pur non risiedendo anagraficamente nella Circoscrizione, vi operino in modo stabilmente rilevante con attività svolte, in modo durevole e significativo, anche a livello professionale o commerciale, sul territorio circoscrizionale In ogni caso le deroghe non possono superare la quota del venti per cento del numero complessivo dei cittadini indicati nell'Elenco.

Art. 4 - Decadenza, dimissioni o decesso dei componenti della Commissione

La decadenza viene pronunciata con Deliberazione del Consiglio Circoscrizionale su proposta del Presidente della Commissione di Quartiere, dopo tre assenze consecutive alle riunioni della stessa non debitamente giustificate, o a seguito di gravi comportamenti di un componente che siano pregiudizievoli per la Circoscrizione dopo la contestazione e le controdeduzioni dell'interessato, o a seguito del trasferimento di residenza in altra Circoscrizione del componente, salve le ipotesi di deroga di cui al precedente art. 3, o a seguito di decesso. La Circoscrizione si riserva di effettuare periodiche verifiche sulla permanenza della sussistenza della residenza anagrafica nella Circoscrizione dei componenti della Commissione. Ciascun componente può rassegnare le proprie dimissioni, mediante dichiarazione resa e sottoscritta dal dimissionario, depositata al protocollo della Circoscrizione, da cui deriva l'immediata efficacia delle stesse in modo irrevocabile. Per la surroga dei componenti, la Commissione viene integrata, nella prima seduta utile, con l'inserimento nella Commissione di Quartiere dei cittadini ricompresi nell'Elenco dei richiedenti appositamente formato, nel medesimo ordine cronologico di presentazione della domanda.

Art. 5 - Modalità di convocazione e funzionamento

La convocazione della Commissione di Quartiere è effettuata, con avviso congiunto, dal Presidente di Circoscrizione e dal Presidente della Commissione di Quartiere, con apposito avviso trasmesso a mezzo di posta elettronica e affisso nelle sedi circoscrizionali, ai consiglieri circoscrizionali ed ai cittadini indicati quali componenti. Unitamente all'avviso di convocazione telematico viene trasmesso ai consiglieri Circoscrizionali ed ai cittadini indicati quali componenti, eventuale materiale informativo relativo ai punti in discussione. Il Presidente della Commissione di Quartiere informa, in ordine all'oggetto ed ai contenuti della convocazione, il Presidente della Circoscrizione ed invita, in relazione alle tematiche che formano specifico oggetto di discussione, il coordinatore competente.

Art. 6 - Piano di Sviluppo Annuale

Le Commissioni di Quartiere elaborano il Piano di Sviluppo Annuale, che deve contenere l'analisi delle caratteristiche sociali, economiche e demografiche del quartiere, le criticità presenti sul territorio e le proposte circa le priorità di intervento ai sensi dell'art. 29 bis, co. 3, del Regolamento del Decentramento nr. 374. Il Piano si ispira a principi di pubblicità dei dati e trasparenza, alla massima valorizzazione del più adeguato coinvolgimento partecipativo nei processi di decisione afferenti il territorio circoscrizionale, all'informazione più ampia e diffusa alla popolazione su indicatori, notizie e dati socioeconomici, culturali, demografici di rilievo territoriale. Il Piano di Sviluppo è oggetto di verifiche periodiche, a cadenza semestrale, e di una verifica finale al termine dell'anno di riferimento.

Art. 7 - Gruppi di lavoro

Per particolari finalità o per la trattazione di specifiche problematiche, a titolo temporaneo e con durata predefinita, il Presidente della Commissione di Quartiere, d'intesa con il Presidente della Circoscrizione, può istituire Gruppi di lavoro interni alla Commissione di Quartiere. Al termine delle proprie attività il Presidente della Commissione di Quartiere riferisce al Presidente ed alla Giunta circoscrizionale quanto discusso, con la formulazione di indicazioni e di proposte di interventi territoriali definiti in relazione alle specifiche materie di interesse della Circoscrizione.